Sequals

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sequals
comune
Sequals – Stemma
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
ProvinciaNon presente
Amministrazione
SindacoLucia D'Andrea (lista civica) dal 23-4-2013
Territorio
Coordinate46°10′N 12°50′E / 46.166667°N 12.833333°E46.166667; 12.833333 (Sequals)Coordinate: 46°10′N 12°50′E / 46.166667°N 12.833333°E46.166667; 12.833333 (Sequals)
Altitudine270 m s.l.m.
Superficie27,7 km²
Abitanti2 200[1] (31-12-2015)
Densità79,42 ab./km²
FrazioniLestans, Solimbergo
Comuni confinantiArba, Cavasso Nuovo, Meduno, Pinzano al Tagliamento, Spilimbergo, Travesio
Altre informazioni
Cod. postale33090
Prefisso0427
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT093042
Cod. catastaleI621
TargaPN
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Cl. climaticazona E, 2 712 GG[2]
Nome abitantisequalsesi
PatronoSant'Andrea
Giorno festivo30 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sequals
Sequals
Sequals – Mappa
Posizione del comune di Sequals nella ex provincia di Pordenone
Sito istituzionale

Sequals (Secuals in friulano[3]) è un comune italiano[4] di 2 200 abitanti del Friuli-Venezia Giulia.

È noto soprattutto per aver dato i natali al celebre pugile Primo Carnera, sepolto nella tomba di famiglia nel Cimitero Comunale. La sua casa è attualmente adibita a museo. Degne di menzione la chiesa di San Nicolò, edificata nel XV secolo (con alcuni rifacimenti ottocenteschi), i resti del castello nella frazione di Solimbergo e Villa Savorgnan a Lestans, uno dei pochi esempi di villa veneta nell'alto pordenonese costruita nel Cinquecento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1976 il comune fu devastato dal terremoto del Friuli, che provocò enormi crolli e danni.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al Merito Civile
«In occasione di un disastroso terremoto, con grande dignità, spirito di sacrificio ed impegno civile, affrontava la difficile opera di ricostruzione del tessuto abitativo, nonché della rinascita del proprio futuro sociale, morale ed economico. Splendido esempio di valore civico e d'alto senso del dovere, meritevole dell'ammirazione e della riconoscenza della Nazione tutta.»

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa Parrocchiale di S. Andrea (conserva all'interno un bel fonte battesimale di G.A. Pilacorte).
  • Chiesetta di San Nicolò. L'edificio è caratterizzato da una particolare facciata di stampo barocco aggiunta nel XIX secolo. Notevoli il portale di G.A. Pilacorte e le pale di G. Narvesa.
  • Chiesa di Santa Maria Maggiore (frazione di Lestans). L'interno è impreziosito dal noto e grandioso ciclo di affreschi di Pomponio Amalteo.
  • Chiesa dei SS. Nomi di Gesù e Maria.
  • Chiesetta di S. Zeno.

Architetture civili e Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • La Villa Savorgnan, è tutelata dall'Istituto Regionale per le Ville Venete[5] ed è sede di manifestazioni culturali (frazione di Lestans).
  • La Villa Carnera - Ecomuseo Lis Aganis[6].
  • Museo della SOMSI -Eco del Lavoro[7].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

A Sequals, accanto alla lingua italiana, la popolazione utilizza il friulano occidentale, una variante della lingua friulana. Nel territorio comunale vige la Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29 "Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana"[9].

Persone legate a Sequals[modifica | modifica wikitesto]

  • Primo Carnera, pugile.
  • Gian Vincenzo (Enzo) Mora, astrofilo e matematico dilettante.
  • Giovanni Ciani, Lestans (1847-1924), scalpellino, imprenditore e filantropo.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN238749663
Friuli-Venezia Giulia Portale Friuli-Venezia Giulia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Friuli-Venezia Giulia