Aviano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il favolista latino, vedi Flavio Aviano.
Aviano
comune
Aviano – Stemma Aviano – Bandiera
Aviano – Veduta
La località Piancavallo
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia-Giulia-Stemma.svg Friuli-Venezia Giulia
EDRProvincia di Pordenone-Stemma.png Pordenone
Amministrazione
SindacoPaolo Tassan-Zanin (Lista civica) dal 13-6-2022
Territorio
Coordinate46°04′N 12°35′E / 46.066667°N 12.583333°E46.066667; 12.583333 (Aviano)
Altitudine159 m s.l.m.
Superficie113,35 km²
Abitanti8 888[2] (30-9-2021)
Densità78,41 ab./km²
FrazioniCastello, Giais, Marsure, Piancavallo, San Martino di Campagna, Pedemonte, Somprado, Villotta[1]
Comuni confinantiBarcis, Budoia, Fontanafredda, Montereale Valcellina, Roveredo in Piano, San Quirino, Tambre (BL)
Altre informazioni
Lingueitaliano, friulano
Cod. postale33081
Prefisso0434
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT093004
Cod. catastaleA516
TargaPN
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[3]
Cl. climaticazona E, 2 417 GG[4]
Nome abitantiavianesi
Patronosan Zenone
Giorno festivo12 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Aviano
Aviano
Aviano – Mappa
Posizione del comune di Aviano nella ex provincia di Pordenone.
Sito istituzionale

Aviano (Davian in friulano, Pleif nella variante locale[5]) è un comune italiano di 8 888 abitanti del Friuli-Venezia Giulia, nel territorio della ex provincia di Pordenone.

Nota per la presenza sul territorio comunale del massiccio del Monte Cavallo (2250 mslm), Aviano è meta turistica invernale ed estiva della nota località sciistica di Piancavallo (1250 mslm) che ospitò dal 1979 ai primi anni novanta varie gare femminili della Coppa del Mondo di sci alpino.

Dal 1969 si tiene l'appuntamento annuale del Festival Internazionale del Folklore di Aviano-Piancavallo che ogni anno, in agosto, ospita artisti da tutto il mondo.

Vi è situata la Base aerea di Aviano, gestita dall'Aeronautica militare italiana e utilizzata dalla U.S. Air Force nell'ambito della NATO.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Situato nella fascia pedemontana ai piedi delle Prealpi Carniche, il territorio comunale di Aviano si estende per 113,35 km², nella pianura veneto-friulana, 13 km a nord di Pordenone, 30 a est di Belluno, 50 a ovest di Udine, 50 a nord-est di Treviso, 70 a nord di Venezia e 80 a nord-ovest di Gorizia.

Il centro abitato sorge ad un'altitudine di 159 m s.l m. (zona Municipio). La quota minima è di 94 m s.l m., mentre la quota massima è pari a 2 251 m s.l m., in corrispondenza di Cima Manera, la vetta più alta del massiccio del Cavallo.

Sismologia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio avianese è stato classificato con rischio sismico di grado 2 su 4 ovvero zona con pericolosità sismica media. (Ordinanza del PCM n. 3519/2006)

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Aviano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Reperti ritrovati ad Aviano dimostrano che la zona era popolata sin dall'età del bronzo; i romani colonizzarono il territorio intorno al II secolo a.C.; diventando una zona agricola dipendente dal municipium di Concordia Sagittaria. Il nome stesso, Aviano, deriva da un nome prediale, cioè riferito ad un terreno appartenente ad un proprietario fondiario di nome Avilius o Avidius.

Nell'Alto Medioevo Aviano era composta da pievi e villaggi in corrispondenza delle attuali frazioni. Attorno all'XI secolo su una collina che dominava la pianura circostante venne edificato dal Patriarcato di Aquileia un castello che venne dato a feudatari locali. Il castello fu più volte assediato, durante il XIV secolo prima dai Da Camino e poi dai Carraresi, nel 1411 viene espugnato dalle truppe ungheresi dell'imperatore Sigismondo.

Nel 1420, come tutto il resto del territorio del Patriarcato di Aquileia, Aviano entrò a far parte della Repubblica di Venezia. Nel 1477 e nel 1499 Aviano ed i paesi limitrofi furono devastati da incursioni di truppe turche in cui gran parte della popolazione fu uccisa o fatta prigioniera.

Con la caduta della Repubblica di Venezia, Aviano, seguì la sorte del resto del Friuli e del Veneto, fece parte dell'Impero Napoleonico e del Regno Lombardo-Veneto prima di essere annesso al Regno d'Italia nel 1866.

Nel 1911 ad Aviano, fu realizzato uno dei primi campi di aviazione dell'Aeronautica Militare, che negli anni successivi fu ingrandito e acquistò sempre più importanza sino a diventare la base NATO Aviano AB negli anni cinquanta. Alla fine degli anni sessanta la località montana di Piancavallo diventò località di villeggiatura sciistica e per sport invernali.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello di Aviano; costruito nella prima metà del X secolo su una collina, ne restano due torri, resti del mastio e parte della cinta muraria entro la quale si trovano la chiesa di Santa Maria e Giuliana in Castello ed alcune abitazioni. Nella medesima frazione è degno di menzione il Parco Policreti, oggi sede di un golf club[7].
  • Il paese di Aviano presenta una totalità di 7 ville venete tutelate dall'Istituto Regionale Ville Venete (IRVV)[8]. Oltre a Villa Policreti-Fabris con l'annesso oratorio affrescato, sono visitabili Villa Bonassi e Villa Zanussi-Fabris. Si deve poi ricordare l'imponente presenza di Villa Menegozzi-Brazzoduro risalente alla metà del XVIII secolo (l'interno è impreziosito da vedute paesaggistiche eseguita con la tecnica a tempera).

Luoghi naturali[modifica | modifica wikitesto]

Su una delle cime del Monte Cavallo è posta una Madonna in bronzo, opera dello scultore pordenonese Pierino Sam (1921-2010). Dello stesso autore la statua in bronzo di padre Marco d'Aviano in via Villanova a Pordenone.

Alberi monumentali[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale sono presenti tre alberi compresi nell'Elenco degli alberi monumentali d'Italia, aggiornato alla data del 5.5.2021:

  • un Faggio (Fagus sylvatica L.) sul Pian delle More, ad un'altitudine di 1170 m s.l.m. (latitudine su GIS 46° 07' 46,3''; longitudine su GIS 12° 31' 41,45''): questo Faggio si presenta con una circonferenza del fusto di 470 cm e si sviluppa per un'altezza di 18 metri;
  • un Acero campestre (Acer campestre L.) sul Colle di San Giorgio, ad un'altitudine di 264 m s.l.m. (latitudine su GIS 46° 04' 36,19''; longitudine su GIS 12° 34' 11,95''): questo Acero vanta una circonferenza del fusto di 679 cm ed un'altezza di 13 metri;
  • una Sofora del Giappone (Styphnolobium japonicum (L.) Schott) a Castello d'Aviano, ad un'altitudine di 131 m s.l.m. (latitudine su GIS 46° 02' 58,95''; longitudine su GIS 12° 33' 51,66''): l'albero, alto 8 metri, ha una circonferenza del fusto di 180 cm.

I tre alberi sono stati classificati come monumentali secondo i criteri di età e/o dimensioni e per forma e portamento.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[10]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Ad Aviano, accanto alla lingua italiana, la popolazione utilizza la lingua friulana. Ai sensi della Deliberazione n. 2680 del 3 agosto 2001 della Giunta della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, il Comune è inserito nell'ambito territoriale di tutela della lingua friulana ai fini della applicazione della legge 482/99, della legge regionale 15/96 e della legge regionale 29/2007[11].
La lingua friulana che si parla ad Aviano rientra fra le varianti appartenenti al friulano occidentale[12].

Base aerea di Aviano[modifica | modifica wikitesto]

La Base aerea di Aviano (in inglese Aviano Air Base o semplicemente Aviano AB) è un'infrastruttura militare italiana utilizzata dall'USAF, l'aeronautica militare statunitense. Si trova nel comune di Aviano, in Friuli-Venezia Giulia, ai piedi delle Prealpi Carniche, circa 15 chilometri a nord di Pordenone. Nella base ha sede il 31st Fighter Wing dell'aeronautica militare statunitense, a sua volta parte dell'USAFE (United States Air Forces in Europe). La base, dal 1992 al 1º novembre 2005, fu anche il quartier generale della Sixteenth Air Force, ora situata alla base aerea di Ramstein in Germania.

L'Aeronautica Militare ha il comando dell'aeroporto "Pagliano e Gori" di Aviano, per "garantire la sovranità nazionale e sovrintendere all'applicazione degli accordi bilaterali relativi alla presenza di reparti USAF rischierati sulla base".

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di agosto, sin dal 1969 si tiene il Festival Internazionale del Folklore di Aviano-Piancavallo a cui partecipano numerosi gruppi folkloristici provenienti da diverse nazioni. L'evento è organizzato dal gruppo folcloristico Federico Angelica e dalla Pro Loco Aviano.

Dal 2019 é presente una mostra permanente, presso Palazzina Ferro, di Riccardo Pitter all'anagrafe Piter (Castel D'Aviano, 1899Milano, 6 ottobre 1976), scultore e pittore italiano.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ospedali[modifica | modifica wikitesto]

Ad Aviano ha sede il C.R.O. (Centro di Riferimento Oncologico) che si occupa di prevenzione, diagnosi, cura e ricerca sui tumori, uno dei pochi presenti in Italia e punto di riferimento per il nord-est italiano.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Aviano.

Aviano ha una propria stazione ferroviaria che si trova sulla ferrovia Sacile-Pinzano.

Aviano è inoltre capolinea della "incompiuta" Ferrovia Pordenone-Aviano.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
16 ottobre 1985 1º luglio 1990 Giovanni Tassan Zanin DC sindaco [13]
1º luglio 1990 8 maggio 1995 Giovanni Tassan Zanin DC sindaco [14]
8 maggio 1995 28 giugno 1999 Gianluigi Rellini PDS (poi DS) sindaco [15]
28 giugno 1999 14 giugno 2004 Gianluigi Rellini DS sindaco [16]
15 giugno 2004 7 febbraio 2007 Riccardo Berto Forza Italia sindaco [16]
7 febbraio 2007 21 febbraio 2007 Dusolina Marcolin AN vicesindaco [17]
21 febbraio 2007 29 maggio 2007 Antonio Castelli - commissario straordinario
29 maggio 2007 8 maggio 2012 Stefano Del Cont Bernard centro-sinistra (liste civiche) sindaco [18]
8 maggio 2012 11 giugno 2017 Stefano Del Cont Bernard PD e liste civiche sindaco [14]
12 giugno 2017 in carica Ilario De Marco Zompit centrodestra (LN e FdI-AN e liste civiche) sindaco [19]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 30 maggio 1998 la 14ª tappa del Giro d'Italia 1998 si è conclusa a Piancavallo con la vittoria di Marco Pantani.
  • Il 3 luglio 2004 la 1ª tappa del Giro Rosa 2004 é transitata nel territorio comunale di Aviano.
  • Il 22 maggio 2011 la 15ª tappa del Giro d'Italia 2011 (Conegliano - Gardeccia/Val di Fassa) é transitata per Piancavallo con il GPM aggiudicato a Emanuele Sella
  • Il 26 maggio 2017 la 19ª tappa del Giro d'Italia 2017 si è conclusa a Piancavallo con la vittoria di Mikel Landa.
  • Il 18 ottobre 2020 è terminata la 15' tappa del giro d'Italia con la vittoria di Tao Geoghegan Hart.
  • In inverno, dal versante veneto di Tambre a Piancavallo, viene disputata la manifestazione di Sci di alpinismo "Transcavallo"
  • In estate, da Aviano a Piancavallo, viene disputata la manifestazione di corsa in montagna "10 miglia Aviano Piancavallo"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Aviano: Centri abitati.
  2. ^ Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ https://arlef.it/it/risorse/toponomastica-ufficiale/
  6. ^ Cammilleri, p. 447.
  7. ^ Sito web: http://www.pordenonewithlove.it/index#site, COSA FARE / Cultura / Architetture Villa Policreti, su pordenonewithlove.it.
  8. ^ Catalogo on-line dell'Istituto regionale delle Ville Venete, su irvv.regione.veneto.it.
  9. ^ pordenonewithlove.it, Comune di Piancavallo, su pordenonewithlove.it.
  10. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  11. ^ Toponomastica: denominazioni ufficiali in lingua friulana., su arlef.it.
  12. ^ Lingua e cultura, su arlef.it.
  13. ^ Eletto il 12 maggio.
  14. ^ a b Eletto il 6 maggio.
  15. ^ Eletto il 23 aprile.
  16. ^ a b Eletto il 13 giugno.
  17. ^ Eletta il 13 giugno 2004 e nominata vicesindaco, ha sostituito il sindaco Riccardo Berto dopo le sue dimissioni.
  18. ^ Eletto il 27 maggio.
  19. ^ Eletto l'11 giugno.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rino Cammilleri, Tutti i giorni con Maria, calendario delle apparizioni, Milano, Edizioni Ares, 2020, ISBN 978-88-815-59-367.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN151705775 · GND (DE4428379-9 · WorldCat Identities (ENlccn-nr89007419
  Portale Friuli-Venezia Giulia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Friuli-Venezia Giulia