Pravisdomini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pravisdomini
comune
Pravisdomini – Stemma Pravisdomini – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia-Giulia-Stemma.svg Friuli-Venezia Giulia
ProvinciaNon presente
Amministrazione
SindacoDavide Andretta dal 6-6-2016
Territorio
Coordinate45°49′N 12°41′E / 45.816667°N 12.683333°E45.816667; 12.683333 (Pravisdomini)Coordinate: 45°49′N 12°41′E / 45.816667°N 12.683333°E45.816667; 12.683333 (Pravisdomini)
Altitudine10 m s.l.m.
Superficie16,21 km²
Abitanti3 463[1] (31-12-2019)
Densità213,63 ab./km²
FrazioniBarco, Frattina, Panigai
Comuni confinantiAnnone Veneto (VE), Azzano Decimo, Chions, Meduna di Livenza (TV), Pasiano di Pordenone, Pramaggiore (VE)
Altre informazioni
Cod. postale33076
Prefisso0434
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT093035
Cod. catastaleH010
TargaPN
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Cl. climaticazona E, 2 547 GG[2]
Nome abitantipravisdominesi
Patronosant'Antonio abate
Giorno festivo17 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pravisdomini
Pravisdomini
Pravisdomini – Mappa
Posizione del comune di Pravisdomini nella ex provincia di Pordenone
Sito istituzionale

Pravisdòmini (Pravisdòmini in veneto e in friulano[3]) è un comune italiano di 3 463 abitanti del Friuli-Venezia Giulia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi insediamenti nel territorio di Pravisdomini risalgono al neolitico (II millennio a.C.) e a in questo periodo vanno collocate le selci lavorate individuate presso le rive del Sile a Panigai. Si aggiungono poi dei frammenti di ceramica dell'età del bronzo.

Le testimonianze della successiva epoca romana dimostrano come il territorio, parte dell'agro di Concordia, fosse centuriato.

Le prime notizie scritte su Pravisdomini compaiono dopo l'anno Mille, ma solo dal Trecento le informazioni si fanno più chiare: prima di allora, infatti, la sua storia fu strettamente legata a quella del feudo di Frattina, amministrato dalla famiglia omonima. La circoscrizione dipendeva dal vescovado di Concordia, a sua volta sottoposto al Patriarca di Aquileia.

Con la conquista della Serenissima (1420), divenne feudo dei Michiel, mentre nel 1434 divenne parrocchia emancipandosi dalla pieve di Azzano.

Nel 1477 l'abitato fu devastato dalla celebre invasione dei Turchi che interessò tutto il Friuli[4][5].

Caduta Venezia, sotto il Regno d'Italia di Napoleone rappresentò un comune di terza classe incluso nel dipartimento del Tagliamento e nel cantone di San Vito. Passato al regno Lombardo-Veneto, divenne parte della provincia del Friuli[6].

Con un referendum del 18 ottobre 2015 la popolazione ha rifiutato la proposta di fusione con il comune di Azzano Decimo, con l'82,62% dei voti.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo deriva dal latino pratum vice domini espressione con cui si indicavano i possedimenti che un visdomino amministrava per conto del patriarca di Aquileia o del vescovo di Concordia[4].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale di Sant'Antonio, XV secolo: al suo interno custodisce una pala di Pomponio Amalteo
  • Oratorio della Madonna della Salute
  • Chiesa parrocchiale di San Martino, in frazione Barco
  • Chiesa parrocchiale di San Nicolò, in frazione Frattina
  • Chiesa di San Giuliano, in frazione Panigai: l'interno dell'edificio è impreziosito da affreschi quattrocenteschi attribuiti a Pietro da San Vito o ad Andrea Bellunello

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Villa Morocutti e Villa Girardi
  • Villa Ovio e Villa Panigai (frazione di Panigai)
  • Villa Frattina (frazione di Frattina)

Luoghi naturali[modifica | modifica wikitesto]

  • Palù di Barco

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2017 gli stranieri residenti nel comune erano 624, ovvero il 17,8% della popolazione. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[8]:

Romania[modifica | modifica wikitesto]

  1. Marocco , 92
  2. India , 71
  3. Macedonia , 65
  4. Albania , 51
  5. Pakistan , 21

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Pravisdomini era servita da una stazione lungo la Ferrovia San Vito al Tagliamento-Motta di Livenza, chiusa nel 1966 a seguito della soppressione del servizio viaggiatori lungo la linea dovuta ad una alluvione.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di dicembre viene svolto il concorso Internazionale Fotografico Città Storica di Pravisdomini.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Ha sede nel comune la società di calcio A.S.D. Pravis 1971, militante nel campionato di Terza Categoria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  3. ^ Dizionario toponomastico fiul.net, su friul.net. URL consultato il 13 agosto 2015.
  4. ^ a b Pravisdomini, Comune di Pravisdomini. URL consultato il 23 giugno 2012.
  5. ^ La Storia, Comune di Pravisdomini. URL consultato il 23 giugno 2012.
  6. ^ Comune di Pravidomini, Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 23 giugno 2012.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28 dicembre 2012.
  8. ^ Bilancio demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2017 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato il 25 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2017).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN236561519
Friuli-Venezia Giulia Portale Friuli-Venezia Giulia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Friuli-Venezia Giulia