San Martino al Tagliamento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Martino al Tagliamento
comune
San Martino al Tagliamento – Stemma San Martino al Tagliamento – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia-Giulia-Stemma.svg Friuli-Venezia Giulia
ProvinciaNon presente
Amministrazione
SindacoFrancesco Del Bianco (centro-sinistra) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate46°01′N 12°52′E / 46.016667°N 12.866667°E46.016667; 12.866667 (San Martino al Tagliamento)Coordinate: 46°01′N 12°52′E / 46.016667°N 12.866667°E46.016667; 12.866667 (San Martino al Tagliamento)
Altitudine71 m s.l.m.
Superficie17,98 km²
Abitanti1 428[1] (31-12-2019)
Densità79,42 ab./km²
FrazioniArzenutto, Postoncicco, Sant'Osvaldo
Comuni confinantiSan Giorgio della Richinvelda, Sedegliano, Valvasone Arzene
Altre informazioni
Lingueitaliano, friulano
Cod. postale33098
Prefisso0434
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT093039
Cod. catastaleH999
TargaPN
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Cl. climaticazona E, 2 517 GG[2]
Nome abitantisammartinesi
Patronosan Martino
Giorno festivo11 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Martino al Tagliamento
San Martino al Tagliamento
San Martino al Tagliamento – Mappa
Posizione del comune di San Martino al Tagliamento nella ex provincia di Pordenone
Sito istituzionale

San Martino al Tagliamento (San Martin dal Tiliment in friulano)[3] è un comune italiano di 1 428 abitanti del Friuli-Venezia Giulia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Centro agricolo della pianura friulana alla destra del fiume Tagliamento. L'abitato sorge tra la rogge Rupa e dei Molini e si è praticamente saldato con i vicini centri di Arzenutto e Postoncicco.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1363 Arzenutto fu devastato dalle milizie del duca Rodolfo IV d'Asburgo. Dal 1415 San Martino fece parte del feudo di Valvasone e dal 1928 al 1946 il comune fu aggregato a Valvasone.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La parrocchiale ha un campanile romanico sormontato da un cuspide e conserva dipinti del '500 di Pomponio Amalteo. All'esterno, un San Cristoforo di grandi dimensioni è attribuito al Pordenone. Di particolare pregio sono le vetrate nella chiesa parrocchiale, opera dello scultore pordenonese Pierino Sam (1921-2010), autore di monumenti in bronzo, numerose meridiane ad affresco, e opere sacre. Ad Arzenutto la chiesa dei Santi Filippo e Giacomo ha una Madonna lignea del XV secolo, pitture di Giampietro da San Vito (sec. XVI) e un trittico ligneo di Domenico da Tolmezzo (sec. XVI).

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

A San Martino al Tagliamento, accanto alla lingua italiana, la popolazione utilizza la lingua friulana. Ai sensi della Deliberazione n. 2680 del 3 agosto 2001 della Giunta della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia, il Comune è inserito nell'ambito territoriale di tutela della lingua friulana ai fini della applicazione della legge 482/99, della legge regionale 15/96 e della legge regionale 29/2007[5].
La lingua friulana che si parla a San Martino al Tagliamento rientra fra le varianti appartenenti al friulano occidentale[6].


Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  3. ^ toponomastica ufficiale (DPReg 016/2014), su arlef.it.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Toponomastica: denominazioni ufficiali in lingua friulana., su arlef.it.
  6. ^ Lingua e cultura, su arlef.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN240091257
Friuli-Venezia Giulia Portale Friuli-Venezia Giulia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Friuli-Venezia Giulia