Montereale Valcellina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Montereale Valcellina
comune
Montereale Valcellina – Stemma
Montereale Valcellina – Veduta
il lago di sbarramento di Ravedis
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Friuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
Provincia Provincia di Pordenone-Stemma.png Pordenone
Amministrazione
Sindaco Igor Alzetta (lista civica) dal 1-6-2015
Territorio
Coordinate 46°10′N 12°40′E / 46.166667°N 12.666667°E46.166667; 12.666667 (Montereale Valcellina)Coordinate: 46°10′N 12°40′E / 46.166667°N 12.666667°E46.166667; 12.666667 (Montereale Valcellina)
Altitudine 317 m s.l.m.
Superficie 67,88 km²
Abitanti 4 433[2] (31-12-2015)
Densità 65,31 ab./km²
Frazioni Grizzo, Malnisio, San Leonardo

Località[1]: Borgo Alzetta, Cao Malnisio, Castelu, San Rocco

Comuni confinanti Andreis, Aviano, Barcis, Maniago, San Quirino, Vajont
Altre informazioni
Cod. postale 33086
Prefisso 0427
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 093027
Cod. catastale F596
Targa PN
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona E, 2 911 GG[3]
Nome abitanti monterealini
Patrono Maria SS Assunta
Giorno festivo 15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Montereale Valcellina
Montereale Valcellina
Montereale Valcellina – Mappa
Posizione del comune di Montereale Valcellina nella provincia di Pordenone
Sito istituzionale

Montereale Valcellina (Montreâl in friulano[4]) è un comune italiano di 4 433 abitanti[2] della provincia di Pordenone in Friuli-Venezia Giulia[5].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è situato alla fine della pianura padana pordenonese tra il torrente Cellina, il monte Fara e il monte Spia.
Il territorio comunale risulta compreso tra i 170 e i 1.641 metri sul livello del mare: l'escursione altimetrica massima è pari a 1.471 metri.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Montereale Valcellina è oggi un piccolo paese, ma le sue origini sono molto antiche. I reperti dell'età del bronzo e della prima età del ferro ritrovati nell'area della necropoli paleoveneta del Dominu confermano l'antichità dell'insediamento umano fino dal quattordicesimo secolo avanti Cristo. Inoltre i numerosi e notevoli reperti d'età imperiale e tardo-romana attestano una certa rilevanza dell'intera area.

A Montereale Valcellina la storia si lega alla leggenda: Plinio, nella sua opera intitolata "Naturalis Historia", parla di alcune città della Regio X Venetia et Histria e tra queste cita l'introvabile città di Caelina.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa neoclassica di Santa Maria, risalente al XVIII° secolo.
  • Chiesa di San Rocco in Cimitero (racchiude un importante ciclo di affreschi cinquecenteschi, una pala del pordenonese Giovanni Maria Zaffoni ed un altare ligneo barocco).
  • Oratorio di San Floriano.
  • Chiesa della Fradese sorta su iniziativa della trecentesca Confraternita dei Battuti XIV secolo della frazione di Grizzo.
  • Chiesa parrocchiale di San Bartolomeo XVIII secolo della frazione di Grizzo.
  • Chiesa parrocchiale della frazione di Malnisio.
  • Oratorio dello Spirito Santo della frazione di San Leonardo.

Altre architetture e musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Ruderi del Castello "Castorum Montis Regalis"
  • Area archeologica dell'acquedotto di Montereale Valcellina.[6]
  • Centro culturale comunale di "Palazzo Toffoli", sede del Museo Archeologico di Montereale Valcellina[7]. Al suo interno sono raccolti i reperti archeologici che raccontano la storia dell'area pedemontana di Montereale Valcellina (particolare importanza rivestono le scoperte l'area della necropoli altomedievale nei pressi della pieve di Santa Maria.[8]).
  • Museo della Centrale idroelettrica "A. Pitter" di Malnisio (la prima centrale idroelettrica che permise di illuminare i lampioni di Piazza San Marco di Venezia). È sede distaccata del Science Centre Immaginario Scientifico di Trieste.[9]
  • Geo centre Immaginario Geografico e Centro di Documentazione Ex Latteria di Malnisio[10].
  • Osservatorio astronomico di Grizzo.[11]
  • Gruppo ricerche Chei del Talpa.[12]


Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[13]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

A Montereale Valcellina, accanto alla lingua italiana, la popolazione utilizza il friulano occidentale. Nel territorio comunale vige la Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29 "Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana"[14].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Montereale Valcellina è sede del Circolo culturale Menocchio[15], nato per approfondire la figura di Domenico Scandella e soprannominato "Menocchio"[16].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Montereale Valcellina è dotata di una stazione sulla ferrovia Sacile-Pinzano oggi inutilizzata.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lo statuto comunale le definisce "borgate".
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Toponomastica: denominazioni ufficiali in lingua friulana.
  5. ^ Sito web ufficiale Comune di Montereale Valcellina , http://www.comune.monterealevalcellina.pn.it/., comune.monterealevalcellina.pn.it.
  6. ^ Sito web http://www.culturaitalia.it/, Area dell'Acquedotto di Montereale Valcellina, culturaitalia.it.
  7. ^ Sito di informazione turistica Regione Friuli Venezia Giulia , TURISMOFVG, Sezione Musei, Museo Archeologico di Montereale Valcellina., turismofvg.it.
  8. ^ Sito webhttp://www.archeopoint.beniculturali.it/index.php?it/1/home, Sezione La necropoli altomedievale (VII sec. d.C.) di Montereale Valcellina, archeopoint.beniculturali.it.
  9. ^ Sito web http://www.immaginarioscientifico.it, museo della centrale & science centre immaginario scientifico., immaginarioscientifico.it.
  10. ^ Sito webhttp://www.immaginariogeografico.it/latteria.html - tra storia e presente: l'ex latteria di Malnisio., immaginariogeografico.it.
  11. ^ Sito web A.P.A. ASSOCIAZIONE PORDENONESE DI ASTRONOMIA, apaweb.it.
  12. ^ Gruppo ricerche Chei del Talpa pagina ufficiale Facebook, facebook.com.
  13. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  14. ^ lista ufficiale Denominazioni ufficiali in Lingua Friulana , Arlef. URL consultato il 26 ottobre 2011.
  15. ^ Sito web http://www.menocchio.it/, menocchio.it.
  16. ^ Website http://www.pordenonewithlove.it/cosa-fare/Cultura-487/Architettura-763?pag=66 COSA FARE / Cultura / Personaggi Domenico Scandella detto Il Menocchio, pordenonewithlove.it. URL consultato il 31 marzo 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN133827428
Friuli-Venezia Giulia Portale Friuli-Venezia Giulia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Friuli-Venezia Giulia