Fontanafredda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altre località con questo nome, vedi Fontanafredda (disambigua).
Fontanafredda
comune
Fontanafredda – Stemma Fontanafredda – Bandiera
Fontanafredda – Veduta
Campanile della chiesa parrocchiale
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia-Giulia-Stemma.svg Friuli-Venezia Giulia
EDRProvincia di Pordenone-Stemma.png Pordenone
Amministrazione
SindacoMichele Pegolo (centro-destra) dal 12-6-2017 2º mandato dal 13-06-2022
Territorio
Coordinate45°58′N 12°34′E / 45.966667°N 12.566667°E45.966667; 12.566667 (Fontanafredda)
Altitudine52 m s.l.m.
Superficie46,4 km²
Abitanti12 761[1] (30-9-2021)
Densità275,02 ab./km²
FrazioniCamolli, Casut, Ceolini, Fontanafredda, Nave, Ranzano, Romano, Ronche, Talmasson, Vigonovo (sede comunale), Villadolt
Comuni confinantiAviano, Brugnera, Budoia, Caneva, Polcenigo, Porcia, Roveredo in Piano, Sacile
Altre informazioni
Lingueitaliano, friulano
Cod. postale33074
Prefisso0434
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT093022
Cod. catastaleD670
TargaPN
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Cl. climaticazona E, 2 367 GG[3]
Nome abitantifontanafreddesi
Patronosan Giorgio
Giorno festivo23 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fontanafredda
Fontanafredda
Fontanafredda – Mappa
Posizione del comune di Fontanafredda nella ex provincia di Pordenone
Sito istituzionale

Fontanafredda (Fontanefrede in friulano standard, Fontanafredha nella variante locale[4], Fontanafreda in veneto[5]) è un comune italiano[6] di 12 761 abitanti del Friuli-Venezia Giulia.

Si tratta di un comune sparso con sede municipale in frazione Vigonovo. Fino al 30 settembre 2017 faceva parte della provincia di Pordenone, soppressa dal 1º ottobre successivo. Fa parte dell'Unità Territoriale Intercomunale del Noncello.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma è stato riconosciuto con regio decreto del 5 settembre 1935, successivamente modificato con decreto luogotenenziale del 10 dicembre 1944 che ha eliminato il capo del littorio.

«Di verde, a 11 stelle disposte in due pali, cinque e cinque e una in punta, le due in capo d'oro, le altre d’argento. Ornamenti esteriori da Comune.[7]»

Il gonfalone è un drappo di azzurro.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale
  • Chiesa Parrocchiale di S. Giorgio[8].
  • Chiesa Parrocchiale di Vigonovo o antica pieve di S. Maria (costruita in sasso nel XIX secolo, custodisce al suo interno pitture di A. Vicentino (1596), S. Fracchia e G. De Lorenzi.).
  • Chiesa di S. Giorgio in Campagna o S. Giorgio di Villadolt.
  • Chiesa della Beata Vergine del Rosario in località Romano. Si tratta di uno degli edifici religiosi più importanti del territorio. La sua moderna facciata non fa certo presagire la ricchezza artistica conservata al suo interno (degni di menzione l'altare maggiore ligneo barocco e un'acquasantiera di un anonimo "tajapiera" di Meduno).
  • Chiesetta di S. Antonio. Essa fu una meta di pellegrinaggi per chiedere "il miracolo della pioggia" e molto probabilmente fu eretta su un antico luogo di culto pagano delle divinità delle acque (frazione di Nave).
  • Chiesa Parrocchiale di Ranzano.
  • Chiesa Parrocchiale di Nave.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Villa Pierozan-Zilli.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Fontanafredda fa parte dei comuni compresi nell'ambito territoriale friulanofono[10].

Più precisamente, il comune si colloca nella fascia di transizione tra veneto e friulano occidentale. Inchieste condotte a Vigonovo nel 1966 e nel 1968 per l'Atlante storico-linguistico-etnografico friulano, hanno evidenziato come nel territorio si parli una mescolanza tra le due lingue: nel lessico, sostanzialmente veneto, non mancano termini spiccatamente friulani (cjadena "catena", cjar "carro", forcja "forca"); inoltre, si riscontrano tracce della tipica dittongazione friulana[11].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Aziende[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ toponomastica ufficiale (DPReg 016/2014), su arlef.it.
  5. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 278, ISBN 88-11-30500-4.
  6. ^ Sito web ufficiale Comune di Fontanafredda, su comune.fontanafredda.pn.it.
  7. ^ Comune di Fontanafredda, Statuto comunale, Art. 3 Stemma e gonfalone.
  8. ^ Pro loco Fontanafredda, Sezione Storia e Arte, su prolocofontanafredda.com (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2011).
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28 dicembre 2012.
  10. ^ Toponomastica ufficiale, su arlef.it. URL consultato il 7 maggio 2022.
  11. ^ Giovan Battista Pellegrini, Introduzione all'Atlante storico-linguistico-etnografico friulano (ASLEF), Padova-Udine, Istituto di glottologia dell'Università di Padova-Istituto di filologia romanza della Facoltà di lingue e letterature straniere di Trieste, 1972, p. 183.
  12. ^ Gemellaggio con la Città di Saint Jean [collegamento interrotto], su t3synergie3a.insiel.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Fadelli, Storia di Fontanafredda, Pordenone 2010
  • N. Pes (a cura di), Fontanafredda e il suo municipio, Fontanafredda 1981
  • A. Fadelli (a cura di), A. Fadelli, C. Filippetto, S. Marielli, N.Pes, L. Zin, Forcate. Da arida brughiera a campi coltivati: i protagonisti raccontano, Fontanafredda 2004

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233921541
  Portale Friuli-Venezia Giulia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Friuli-Venezia Giulia