Mikel Landa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mikel Landa
Mikel Landa - Critérium du Dauphiné 2012 - Prologue (cropped).jpg
Mikel Landa al Critérium du Dauphiné 2012
Nome Mikel Landa Meana
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 173[1] cm
Peso 60 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Squadra Sky
Carriera
Squadre di club
2010 Orbea
2011-2013 Euskaltel
2014-2015 Astana
2016- Sky
Statistiche aggiornate al agosto 2017

Mikel Landa Meana (Mungia, 13 dicembre 1989) è un ciclista su strada spagnolo che corre per il Team Sky. Professionista dal 2010, ha caratteristiche di scalatore. In carriera ha vinto tre tappe e una classifica scalatori al Giro d'Italia, dove fu terzo nel 2015, e una tappa alla Vuelta a España.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

2010-2014: i primi anni nel professionismo[modifica | modifica wikitesto]

Landa al prologo del Critérium du Dauphiné 2011

Debutta tra i professionisti nel 2010 con la formazione spagnola Orbea,[2] passando l'anno successivo all'Euskaltel-Euskadi.[3] Nel 2011 ottiene la prima vittoria da pro aggiudicandosi la quinta tappa della Vuelta a Burgos[4] e vincendo anche la classifica scalatori della corsa. Nel 2012 si classifica secondo al Gran Premio Miguel Indurain, mentre nel 2013 si piazza secondo sia alla Vuelta a la Comunidad de Madrid che alla Vuelta a Asturias; nelle due stagioni partecipa come gregario alla Vuelta a España.

Nel 2014, con la dismissione dell'Euskaltel,[5] si trasferisce al team kazako Astana Pro Team.[6] La prima vittoria con la nuova squadra, l'unica stagionale, la ottiene in solitaria nella quarta e ultima tappa del Giro del Trentino, sul Monte Bondone.[7] Nel prosieguo di annata prende anche parte al Giro d'Italia e alla Vuelta a España.

2015: le vittorie di tappa al Giro e alla Vuelta[modifica | modifica wikitesto]

Confermato in Astana, inizia il 2015 con un successo alla Vuelta al País Vasco, precedendo nella quinta tappa il belga Tim Wellens.[8] Il 24 maggio ottiene il primo trionfo in una grande Giro, conquistando l'arrivo in salita della 15ª tappa del Giro d'Italia a Madonna di Campiglio, staccando nel finale il russo Jurij Trofimov, lo spagnolo Alberto Contador e il suo capitano italiano Fabio Aru.[9] Dopo il giorno di riposo, si ripete staccando l'olandese Steven Kruijswijk e ancora Contador, centrando così il secondo successo consecutivo, nella tappa con la salita del Mortirolo e l'arrivo all'Aprica.[10] Conclude la Corsa Rosa al terzo posto della classifica generale, dietro a Contador e Aru.[11]

Nello stesso anno partecipa anche alla Vuelta a España, in qualità di gregario del siciliano Vincenzo Nibali (squalificato nel corso della seconda tappa) e del poi vincitore Aru.[12] Partito senza ambizioni di classifica,[12] vince dopo una lunga fuga l'undicesima tappa, da Andorra la Vella a Cortals d'Encamp, frazione "regina" della corsa, caratterizzata da ben sei salite in territorio andorrano:[13] concluderà la corsa al 25º posto.

Durante il mese di settembre Landa annuncia il suo passaggio al Team Sky per la stagione 2016:[14] qualche tempo più tardi il team manager della formazione britannica, Dave Brailsford, comunica che Landa ricoprirà il ruolo di capitano al Giro d'Italia 2016.[15]

Dal 2016: gli anni alla Sky[modifica | modifica wikitesto]

Landa in azione al Giro d'Italia 2017

Dopo una prima parte di stagione 2016 complicata per motivi di salute, Landa ottiene una vittoria di tappa alla Vuelta al País Vasco[16] e una al Giro del Trentino,[17] corsa in cui ottiene anche il trionfo nella classifica finale.[18] In occasione del Giro d'Italia per la prima volta Landa si presenta ai nastri di partenza di un grande Giro con i gradi di capitano: dopo una prima settimana di prestazioni discontinue, seppur di buon livello, il basco è però costretto al ritiro nel corso della decima tappa per problemi fisici.[19] In seguito partecipa al Tour de France in appoggio al britannico e capitano Chris Froome, che conquisterà per la terza volta la corsa francese.[20]

Nel 2017 in occasione del Giro d'Italia è costretto a uscire di classifica a causa di una caduta nel corso della nona tappa,[21] ma è comunque protagonista con le fughe da lontano: transita per primo al Gran Premio della Montagna del passo dello Stelvio, la cima Coppi dell'edizione (2758 m),[22] e vince la tappa con arrivo in salita a Piancavallo, arrivando in solitaria al traguardo;[23] conquista inoltre la maglia azzurra di leader della classifica scalatori.[24][25]

A luglio si presenta al Tour de France in supporto a Froome, che farà sua la sua quarta Grande Boucle:[26] riesce a rimanere a ridosso delle prime posizioni per tutto l'arco delle tre settimane, dimostrandosi tra i più brillanti in salita,[27] terminando al quarto posto nella generale a un solo secondo dal terzo gradino del podio, occupato dal francese Romain Bardet.[28] Sei giorni più tardi è ottimo protagonista alla Clásica San Sebastián, aiutando il polacco compagno di squadra Michał Kwiatkowski a conseguire la vittoria.[29] Il 1º agosto è invece al via della Vuelta a Burgos, dove si impone negli arrivi in salita della frazione inaugurale[30] e della terza tappa, quella più impegnativa,[31] dominando anche la classifica finale della breve corsa a tappe spagnola.[32]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011 (Euskaltel-Euskadi, una vittoria)
5ª tappa Vuelta a Burgos (Areniscas de los Pinares > Lagunas de Neila)
  • 2014 (Astana Pro Team, una vittoria)
4ª tappa Giro del Trentino (Val di Daone > Monte Bondone)
  • 2015 (Astana Pro Team, quattro vittorie)
5ª tappa Vuelta al País Vasco (Eibar > Aia)
15ª tappa Giro d'Italia (Marostica > Madonna di Campiglio)
16ª tappa Giro d'Italia (Pinzolo > Aprica)
11ª tappa Vuelta a España (Andorra la Vella > Cortals d'Encamp)
  • 2016 (Team Sky, tre vittorie)
2ª tappa Vuelta al País Vasco (Markina-Xemein > Amurrio Barandio)
2ª tappa Giro del Trentino (Arco > Anras)
Classifica generale Giro del Trentino
  • 2017 (Team Sky, quattro vittorie)
19ª tappa Giro d'Italia (San Candido > Piancavallo)
1ª tappa Vuelta a Burgos (Burgos > Burgos/Alto del Castillo)
3ª tappa Vuelta a Burgos (Ojo Guareña > Picón Blanco)
Classifica generale Vuelta a Burgos

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011 (Euskaltel-Euskadi)
Classifica scalatori Vuelta a Burgos
  • 2013 (Euskaltel-Euskadi)
Classifica a punti Vuelta a Asturias
  • 2015 (Astana Pro Team)
Premio Azzurri d'Italia Giro d'Italia
2ª tappa Vuelta a Burgos (Burgos, cronosquadre)
Classifica scalatori Giro del Trentino
Classifica scalatori Giro d'Italia
Premio della Combattività Giro d'Italia
Classifica a punti Vuelta a Burgos
Classifica scalatori Vuelta a Burgos

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2014: 34º
2015: 3º
2016: ritirato (10ª tappa)
2017: 17º
2016: 35º
2017: 4º
2012: 69º
2013: 39º
2014: 28º
2015: 25º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2011: ritirato
2012: ritirato
2013: 21º
2014: ritirato
2015: 29º
2016: ritirato

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Melbourne 2010 - In linea Under-23: 18º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mikel Landa, teamsky.com.
  2. ^ (ES) El Orbea probará a Mikel Landa y Jon Izagirre, fundacioneuskadi.com, 24 luglio 2009.
  3. ^ (ES) Mikel Landa también dará el salto al Euskaltel-Euskadi, orbea.com, 24 agosto 2010.
  4. ^ (EN) Landa takes first pro victory on final stage, cyclingnews.com, 7 agosto 2011.
  5. ^ (EN) Euskaltel-Euskadi confirms that it will disband at the end of the season, cyclingnews.com, 20 agosto 2013.
  6. ^ (EN) Jesper Ralbjerg, Spanish rider Mikel Landa joins Astana Pro Team, cyclingquotes.com, 3 ottobre 2013.
  7. ^ Trentino, tappa a Landa. Classifica a Evans, gazzetta.it, 25 aprile 2014.
  8. ^ Paesi Baschi, sul muro di Aia il trionfo di Landa, gazzetta.it, 10 aprile 2015.
  9. ^ Eugenio D'Alessio, Giro, a Campiglio vince Landa. Prova di forza di Contador, terzo. Aru quarto, gazzetta.it, 24 maggio 2015.
  10. ^ Eugenio D'Alessio, Giro, Contador show sul Mortirolo. Bis di Landa, Aru crolla: è 3º nella generale, gazzetta.it, 26 maggio 2015.
  11. ^ Giro d'Italia, Milano incorona Contador. L'ultima tappa è di Keisse, gazzetta.it, 31 maggio 2015.
  12. ^ a b (EN) Emil Axelgaard, Landa explains poor Vuelta form, cyclingquotes.com, 1º settembre 2015.
  13. ^ Ciro Scognamiglio, Vuelta, doppietta Astana: e Aru va in maglia rossa, gazzetta.it, 2 settembre 2015.
  14. ^ (EN) Stephen Farrand, Team Sky confirms the arrival of Mikel Landa for 2016, cyclingnews.com, 26 settembre 2016.
  15. ^ Lucia Resta, Giro d'Italia 2016: Mikel Landa sarà il capitano del Team Sky, outdoorblog.it, 21 ottobre 2015.
  16. ^ Giro dei Paesi Baschi, Landa coglie il primo successo con la Sky, gazzetta.it, 5 aprile 2016.
  17. ^ Trentino, show di Landa in salita: tappa e maglia. Cunego terzo, Nibali cede 32", gazzetta.it, 20 aprile 2016.
  18. ^ Giro del Trentino, Landa vince col brivido. Nibali si prova in salita, gazzetta.it, 22 aprile 2016.
  19. ^ Giro d'Italia, Landa si ritira durante la 10ª tappa, gazzetta.it, 10 maggio 2016.
  20. ^ Mattia Bazzoni, Tour de France, Greipel vince sui Campi Elisi. Scatta la festa per il tris di Froome, gazzetta.it, 24 luglio 2016.
  21. ^ (EN) Giro d'Italia: Thomas, Landa & Yates crash en route to Blockhaus, cyclingnews.com, 14 maggio 2017.
  22. ^ Lucia Resta, Giro d'Italia 2017: Mikel Landa ha vinto il gpm dello Stelvio, la Cima Coppi, outdoorblog.it, 23 maggio 2017.
  23. ^ Giro 100, 19ª tappa: Quintana torna in maglia rosa, a Piancavallo vince Landa, gazzetta.it, 26 maggio 2017.
  24. ^ Stefano Capasso, Giro d'Italia 2017: classifica scalatori. Mikel Landa ha vinto la Maglia Azzurra, outdoorblog.it, 28 maggio 2017.
  25. ^ Filippo Francesco Idone, Giro d'Italia, Mikel Landa raggiante: "maglia azzurra è il giusto premio e sono molto contento", sportfair.it, 28 maggio 2017.
  26. ^ Ciro Scognamiglio, Tour, nella festa di Froome IV l'ultimo sprint è di Groenewegen, gazzetta.it, 23 luglio 2017.
  27. ^ Gianluca Santo, Tour de France 2017: Mikel Landa, quanto va forte in salita? Sarà un semplice gregario di Froome?, oasport.it, 16 luglio 2017.
  28. ^ Giampaolo Almeida, Tour de France 2017, Landa perde il podio per un secondo: "Fa molto male", cyclingpro.net, 22 luglio 2017.
  29. ^ Ciclismo, volata a a San Sebastian: vince Kwiatkowski davanti a Gallopin, repubblica.it, 29 luglio 2017.
  30. ^ Inarrestabile Mikel Landa: sua la prima tappa della Vuelta a Burgos, cicloweb.it, 1º agosto 2017.
  31. ^ Alessandro Farina, Vuelta a Burgos 2017: doppietta di Mikel Landa, sua anche la tappa regina, oasport.it, 3 agosto 2017.
  32. ^ Vuelta a Burgos 2017, si chiude nel segno di Lopez. Landa controlla e vince la corsa, cyclingpro.net, 5 agosto 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]