Pedemontana Veneta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Superstrada Pedemontana Veneta
Autostrada ASPV Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniVeneto Veneto
ProvinceVicenza Vicenza
Treviso Treviso
Mappa pedemontana veneta.svg
Dati
ClassificazioneAutostrada
InizioMontecchio Maggiore
FineSpresiano
Lunghezza94,747[1] km
Data apertura3 giugno 2019
PedaggioSistema chiuso
Percorso
Principali intersezioniA4, A31 e A27
Tracciato pedemontana veneta.svg

La Superstrada Pedemontana Veneta è un'autostrada di proprietà della Regione del Veneto in concessione a pedaggio. Non ha una classificazione alfanumerica come le altre autostrade italiane, ma è identificata dalla sigla SPV.

Da giugno 2019 è percorribile il primo tratto di circa 7 km (dalla progressiva 23,6 al km 29,3) in seguito a delibera della giunta regionale dell’8 marzo 2019 e a ordinanza del concessionario “Superstrada Pedemontana Veneta SPA” del 16 maggio 2019[2].

A completamento di tutti i lavori sarà un'arteria che collegherà Montecchio Maggiore a Spresiano passando per il distretto industriale di Thiene-Schio, per Bassano del Grappa, per Montebelluna e a nord di Treviso, interconnettendosi a 3 autostrade (da ovest: la A4, la A31 e la A27).

A lavori conclusi sarà lunga 94,747 km[1][3][4].

Classificazioni[modifica | modifica wikitesto]

La SPV tra Thiene e Breganze

Inizialmente la costruzione era prevista come strada di categoria A (autostrada); successivamente è stata costruita come strada di categoria B per ridurre le fasce di rispetto[5] e per avere più flessibilità in fase di costruzione in riferimento ai raggi planimetrici e ai profili altimetrici[6].

In ogni caso la larghezza della carreggiata è quella di una strada di categoria A. Dal punto di vista tecnico-legale è stata costruita rispettando alcuni criteri delle autostrade (categoria A) e alcuni delle superstrade chiamate tecnicamente “strade extraurbane principali” (categoria B).

Per questa ragione ha i limiti di velocità delle strade extraurbane principali, conosciute come superstrade, (110 km/h) ma presenta i segnali stradali di inizio e fine autostrada.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La necessità di realizzare un asse che congiungesse le città sorte ai piedi delle Prealpi venete è sorta fin dagli anni settanta quando lo sviluppo socio-economico-industriale dell'area pedemontana ha manifestato una crescente richiesta di mobilità. Negli anni novanta la situazione è diventata critica a causa della progressiva urbanizzazione della campagna veneta e dell'aumento del traffico sull'autostrada Serenissima. Con l'allargamento dell'Unione europea e l'apertura delle frontiere ad est a metà degli anni 2000 la situazione è peggiorata, basti considerare che dal 2004 al 2008 il traffico pesante sulla Serenissima è aumentato del 105%[7] (più che raddoppiato). Con l'attuale congiuntura economica (2009-2015), si registra una diminuzione del traffico del 5-10%.

Nel febbraio del 1990 la pedemontana veneta viene inserita nel Piano Regionale dei Trasporti della Regione del Veneto.[8]

Nell'agosto del 1997 è stato firmato un accordo quadro tra la regione e il governo riguardo alla pedemontana. Nella Finanziaria del 1999 lo Stato ha stanziato 40 miliardi di lire per 15 anni. Nella finanziaria del 2001 viene prevista la possibilità di realizzare la pedemontana non come autostrada ma come superstrada (possibilità poi applicata per accordo con gli enti locali)[9]. Nell'accordo tra stato e regione del 9 agosto 2001 lo Stato delega alla regione la competenza sulla realizzazione dell'opera. La delibera nº 121 del CIPE del 21 dicembre 2001 inserisce la pedemontana veneta tra gli interventi strategici di preminente interesse nazionale[10].

Nel 2002 la società Pedemontana Veneta Spa composta da Autostrade per l'Italia, Autostrada Brescia-Padova, Autovie Venete, Banca Antonveneta, Unicredit e San Paolo presenta un progetto (che, diversamente da quello in costruzione, non comprende la tratta ovest tra l'A4 e l'A31) che nel dicembre 2002 viene messo a gara dalla regione. A causa di ricorsi e a causa di una procedura di infrazione dell'Unione europea i lavori non partono. Il 24 ottobre 2003 viene firmata un'intesa tra il Governo e la Regione del Veneto e la pedemontana viene inserita tra le infrastrutture di preminente interesse nazionale per le quali concorre l'interesse regionale.[10] Nel dicembre del 2003 la società Pedemontana presenta un nuovo progetto che comprende anche la tratta ovest; questo progetto viene poi messo a gara ma alla scadenza nessun progetto alternativo è stato presentato e quindi la società Pedemontana diventa promotrice dell'infrastruttura.

La società nel 2005 diventa a maggioranza privata in seguito all'ingresso nel capitale azionario di Impregilo, del Consorzio Cps, di Fin. Opi e di Adria Infrastrutture. Nello stesso anno la Regione del Veneto, in quanto soggetto aggiudicatore, trasmette il progetto comprensivo della VIA (Valutazione Impatto Ambientale) della società ai Ministeri competenti e alle province competenti. Nell'agosto del 2005 l'opera riceve il VIA ministeriale con alcune prescrizioni. Nel marzo del 2006 il CIPE chiede alla regione Veneto di affidare l'opera in concessione tramite gara che verrà poi pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea nell'ottobre del 2006. L'investimento previsto per i privati è pari a 2.155,048 milioni di euro (Iva esclusa). Alla gara hanno partecipato oltre alla società Pedemontana altre due ATI. In seguito a ricorsi e controricorsi al TAR e al Consiglio di Stato la realizzazione della superstrada è stata affidata all'Ati composta dal consorzio stabile SIS Società Consortile per Azioni ScpA (consorzio tra INC SpA (50,9%) e Sipal SpA (0,1%), entrambe del gruppo FININC SpA di proprietà della famiglia Dogliani, e il gruppo spagnolo Sacyr Vallehermoso (49%)) e da Itinere Infraestructuras SA[3][11]. Il progetto preliminare con il quale l'ATI sopra citata è risultata aggiudicataria è stato redatto dall'ingegner Nicola Troccoli in collaborazione con il suo staff tecnico della Ingeco Ingegneria.

Il 15 agosto del 2009 l'ingegner Silvano Vernizzi[1], amministratore delegato di Veneto Strade[12] e già commissario delegato per l'emergenza socio economico ambientale della viabilità di Mestre (nomina connessa ai lavori per il Passante di Mestre[13]) è stato nominato Commissario straordinario per lo stato di emergenza socioeconomico-ambientale nei territori delle province di Treviso e Vicenza.

Il soggetto titolare della realizzazione dei lavori è la Regione del Veneto e il Commissario Delegato per l'Emergenza determinatasi nel settore del traffico e della Mobilità nel territorio delle province di Treviso e Vicenza[14].

Il 9 gennaio 2010 vengono pubblicati e poi resi esecutivi i tremila espropri nelle province di Vicenza e di Treviso[15].

Il 20 settembre 2010 il Commissario straordinario ha firmato il decreto di approvazione del progetto definitivo.[16]

La posa della prima pietra è avvenuta il 10 novembre 2011 a Romano d'Ezzelino[17]; nel 2012 sono iniziati i lavori al principio della nuova strada mentre nel bassanese i cantieri sono stati aperti il 4 febbraio 2013[18][19][20]

A causa di alcune varianti sostanziali al progetto definitivo, alcuni tratti (3f e 2b) nel 2011, vengono sottoposti nuovamente a Valutazione di Impatto Ambientale, e approvati con decreto nº2260 della Giunta Regionale del Veneto il 10 dicembre 2013.[20] L'ultimo tratto in variante (3c), viene approvato a febbraio 2015.[21][22]

L'apertura al traffico del primo tratto (Breganze - A31 "Valdastico") di 7,2 km è avvenuta il 3 giugno 2019, mentre la conclusione dell'intera opera è prevista per settembre 2020.[23]

Finanziamento e concessione[modifica | modifica wikitesto]

L'infrastruttura, realizzata in finanza di progetto dall'ATI SIS SCpA - Itinere SA che gestirà l'opera e ne riscuoterà il pedaggio per 39 anni, avrà un costo di 2.391 milioni di euro,[14][3][24].

Il costo aggiornato al 2013, stimato per l'intero progetto è pari a 2258 M€[20], a fronte di un contributo pubblico globale, sia statale che regionale, di 615 M€[25] a cui si dovranno aggiungere gli eventuali contributi regionali in ragione dei flussi di traffico per il bilancio economico del project financing.

Alla scadenza dei 39 anni l'infrastruttura tornerà in gestione alla Regione.

Caratteristiche dell'infrastruttura[modifica | modifica wikitesto]

La segnaletica è quella delle autostrade

La Pedemontana sarà una strada a due carreggiate indipendenti, ciascuna con due corsie per senso di marcia ognuna larga 3,75 metri, con corsia d'emergenza larga 3 metri, con banchina sinistra di 75 cm e con spartitraffico centrale di 3,00 metri, costituendo una piattaforma di 25,50 metri di sezione.[26]

La velocità di progetto è pari a 120 km/h per tutto il percorso.[1]

Degli oltre 90 km, 50 km sono in trincea, 26,5 km in rilevato, 7,8 km in gallerie naturali e 5,9 km in gallerie artificiali.[1]

Tabella percorso[modifica | modifica wikitesto]

Autostrada ASPV Italia.svg Superstrada Pedemontana Veneta
Tipo Indicazione ↓km↓ ↑km↑ Provincia Note
AB-Kreuz-grün.svg Autostrada A4 Italia.svg Torino – Trieste 0 94,5 VI Italian traffic signs - lavori.svg in costruzione
AB-AS-grün.svg Montecchio Maggiore
Strada Regionale 11 Italia.svg SR 11 Padana Superiore
Strada Provinciale 500 Italia.svg SP 500 var Bretella di Alte Ceccato
RWB Industriegebiet.svg Vicenza Zona Industriale
2,5 92
AB-AS-grün.svg Montecchio MaggioreArzignano
Strada Statale 246 Italia.svg SP 246 di Recoaro Valdagno
Strada Provinciale 93 Italia.svg SP 93 Arzignanese
RWB Industriegebiet.svg Distretto industriale della concia Chiampo
5,5 89
Italian traffic signs - ponte.svg Ponte sul torrente Poscola 9 85,5
Italian traffic signs - galleria.svg Galleria di S.Urbano
Lunghezza 1,489 km
AB-AS-grün.svg Castelgomberto
Strada Statale 246 Italia.svg SP 246 di Recoaro Valdagno
14 80,5
Italian traffic signs - galleria.svg Galleria di Malo
Lunghezza 6,1 km
AB-AS-grün.svg Malo
Strada Statale 46 Italia.svg SS 46 del Pasubio VicenzaSchioRovereto
23 71,5
Italian traffic signs - ponte.svg Ponte sul fiume Timonchio
AB-Kreuz-grün.svg Autostrada A31 Italia.svg Rovigo – Piovene Rocchette
Piovene R.VicenzaRovigo
29 65,5 in esercizio
Italian traffic signs - ponte.svg Ponte sul fiume Astico
AB-AS-grün.svg Breganze
Strada Provinciale 119 Italia.svg SP 119 Chizzalunga SandrigoBreganze
Strada Provinciale 111 Italia.svg SP 111 Nuova Gasparona Thiene
35 59,5 Italian traffic signs - lavori.svg in costruzione
AB-AS-grün.svg Marostica
Strada Statale 248 Italia.svg SP 248 Schiavonesca-Marosticana
Strada Provinciale 60 Italia.svg SP 60 di Nove
42,5 52
Italian traffic signs - ponte.svg Ponte sul fiume Brenta
AB-AS-grün.svg Bassano Ovest – Quartiere Pre (Bassano) – Cartigliano
Strada Provinciale 59 Italia.svg SP 59 di Granella Tezze sul Brenta
Strada Provinciale 97 Italia.svg SP 97 di Sant'Anna Cittadella
48 46,5
AB-AS-grün.svg Bassano Est – Rosà
Strada Statale 47 Italia.svg SS 47 della Valsugana PadovaTrento
52,5 42
AB-AS-grün.svg LoriaMussolente
Strada Provinciale 75 Italia.svg SP 75 di Volon CassolaBorso del Grappa
Strada Statale 245 Italia.svg SR 245 Castellana Castelfranco VenetoVenezia
Strada Regionale 308 Italia.svg SR 308 del Santo Padova
56 38,5 TV
AB-AS-grün.svg Riese Pio X
Strada Provinciale 20 Italia.svg SP 20 di Fonte
59,5 35
AB-AS-grün.svg Montebelluna Ovest – Altivole
Strada Statale 667 Italia.svg SP 667 di Caerano Castelfranco Veneto
68,5 26
AB-AS-grün.svg Montebelluna Est – Volpago
Strada Statale 348 Italia.svg SR 348 Feltrina TrevisoVenezia
79 15,5
AB-AS-grün.svg Povegliano
Strada Provinciale 90 Italia.svg SP 90 di Bolè
88 6,5
AB-AS-grün.svg Spresiano
Strada Statale 13 Italia.svg SS 13 Pontebbana VeneziaTarvisio
93 1,5
AB-Kreuz-grün.svg Autostrada A27 Italia.svg Venezia – Belluno 94,5 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Progetto Esecutivo - Parte Generale - Inquadramento dell'Intervento
  2. ^ Pedemontana Veneto [collegamento interrotto], su Pedemontana Veneto. URL consultato il 4 giugno 2019.
  3. ^ a b c Fondazione Nord Est - Pedemontana Veneta Archiviato il 27 gennaio 2011 in Internet Archive.
  4. ^ Fondazione nordest, OTI nordest, su otinordest.it (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2015).
  5. ^ http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=14&id=89252
  6. ^ https://www.stradeeautostrade.it/strade-e-autostrade/la-superstrada-pedemontana-veneta/2/
  7. ^ Gazzettino.it - Emergenza traffico e tir in A4 - 4 luglio 2009
  8. ^ Regione del Veneto - La Superstrada Pedemontana Veneta in cifre
  9. ^ Senato della Repubblica - XVI Legislatura - Atto di Sindacato Ispettivo nº 4-05570
  10. ^ a b Protocollo di Legalità per la costruzione della Pedemontana
  11. ^ Gruppo Sacyr - Strade in costruzione in Italia Archiviato il 16 novembre 2016 in Internet Archive.
  12. ^ Veneto Strade Spa
  13. ^ Gazzettino.it - La Pedemontana accelera: arriva il commissario Archiviato il 26 agosto 2014 in Internet Archive.
  14. ^ a b Camera dei Deputati - CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO - Sistemi Stradali ed Autostradali Archiviato il 25 gennaio 2014 in Internet Archive.
  15. ^ Pedemontana veneta, via agli espropri - Gli interessati sono quasi tremila
  16. ^ Agenzia ASCA, parte la Pedemontana[collegamento interrotto]
  17. ^ Pedemontana, al via i cantieri. L'opera sarà pronta tra sei anni. - Corriere della Sera
  18. ^ Caterina Zarpellon, Pedemontana. Aperto il cantiere a sud di Bassano, Il Giornale di Vicenza, 5 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2014).
  19. ^ Aristide Cariolato, Pedemontana, la Regione punta al 2017, Il Giornale di Vicenza, 12 aprile 2014.
  20. ^ a b c decreto n°2260 della Giunta Regionale del Veneto il 10 dicembre 2013, pubblicato sul bollettino ufficiale n°116 del 31 dicembre 2013
  21. ^ DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 2724 del 29 dicembre 2014, Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 14 del 6 febbraio 2015
  22. ^ Pedemontana 9_11_2016 (delib. 13).pdf, in Google Docs. URL consultato il 15 novembre 2016.
  23. ^ Martina Zambon, Pedemontana, nel 2019 il primo tratto. «Cantieri avanti tutta, l’Europa si fida di noi», Corriere della Sera, 5 dicembre 2017.
  24. ^ Alessandro Zuin, "Corriere del Veneto" con sede in Padova, via Rismondo n. 2/E - edizione di Padova e Rovigo, 16 giugno 2013 N. 140, pag. 5
  25. ^ http://www.regione.veneto.it/web/superstrada-pedemontana-veneta/l-spv-in-sintesi
  26. ^ Decreto Ministeriale 5 Nov 2001 - Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]