James Senese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
James Senese
James Senese.jpg
James Senese
NazionalitàItalia Italia
GenereJazz
Canzone napoletana
Fusion
Periodo di attività musicale1964 – in attività
Strumentovoce, sassofono
EtichettaRCA Italiana, BBB, Dischi Ricordi, Polydor, EMI Italiana
Gruppo attualeNapoli Centrale
Studio15
Live1

James Senese, all'anagrafe Gaetano Senese (Napoli, 6 gennaio 1945), è un sassofonista e cantante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gaetano, meglio conosciuto come James, è nato a Napoli nel quartiere Miano, figlio di James Smith, soldato statunitense afroamericano, e di Anna Senese, giovane ragazza napoletana. Inizia giovanissimo la sua carriera di sassofonista, nel 1961 insieme a Mario Musella e ad altri amici danno vita a Terzigno al complesso di "GIGI E I SUOI ASTER". Nel 1963 James e Mario incontrano Vito Russo, dando vita alla formazione de I 4 Con[1], gruppo da questi fondato, i cui componenti sono, oltre allo stesso Russo alla voce, al pianoforte e alle chitarre e da Senese al sax, Mario Musella alla voce e al basso, Nicola Mormone alla chitarra e Ino Galluccio alla batteria; questo complesso inciderà alcuni 45 giri per la King, l'etichetta di Aurelio Fierro.

Già da allora inizia il sodalizio con Mario Musella che proseguirà con l'avventura degli Showmen, e successivamente con gli Showmen 2.

Senese si distingue per il suo virtuosismo ma dove offre il meglio di sé è con i Napoli Centrale, gruppo che fonda insieme all'amico Franco Del Prete, l'album omonimo (si ricorda particolarmente il brano "Pensione Floridiana"), gli album "Mattanza" e "Qualcosa ca nu 'mmore" si caratterizzano per un jazz-rock dalla forte connotazione popolare.

Album di successo, inoltre, "Zitte! Sta arrivanne 'o mammone" del 2001, che si avvalse di importanti collaborazioni, come Enzo Gragnaniello, Lucio Dalla, Raiz.

Ha curato le musiche del film di Lodovico Gasparini No grazie, il caffè mi rende nervoso (1982) con Lello Arena e Massimo Troisi, film in cui ha partecipato anche come attore nel ruolo di se stesso, e cantando una canzone dal titolo "Arò Vaje".

James Senese è stato inoltre uno dei componenti del supergruppo di Pino Daniele (Tullio De Piscopo, Tony Esposito, Joe Amoruso e Rino Zurzolo) con il quale ha collaborato nei dischi d'esordio; questi grandi musicisti sono recentemente tornati a suonare insieme per l'incisione dell'album di Daniele Ricomincio da 30, pubblicato nel maggio 2008.

Nel 2005 il libro edito da Guida e intitolato Je sto ccà. James Senese di Carmine Aymone ne racconta il percorso di vita e artistico.

Nel 2011 partecipa al film Passione di John Turturro e al successivo adattamento teatrale.

Nel 2012 esce l'album "E' fernuto 'o tiempo" (Arealive/iCompany).

Tra il 2015 e il 2016 con i Napoli Centrale fa oltre 180 concerti in tutta Italia con qualche puntata all'estero. Sempre nel 2016 esce il nuovo album dei Napoli Centrale "'O Sanghe" (Ala Bianca/Warner) che vede nuovamente Franco Del Prete collaborare ai testi. L'album vince la targa Tenco come miglior album in dialetto.

Nel maggio del 2018, per i suoi 50 anni di carriera, esce un doppio live registrato al Teatro Tasso di Sorrento.[2] Sempre nel 2018 sperimenta per la prima volta una trasposizione dei suoi brani per gruppo vocale in un concerto con il Soul Six Vocal Group.

La formazione attuale dei Napoli Centrale vede James Senese alla voce e sax, Gigi De Rienzo al basso, Ernesto Vitolo alle tastiere e Agostino Marangolo alla batteria.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

Album
Singoli

Con Vito Russo e i 4 Con[modifica | modifica wikitesto]

45 giri

Con gli Showmen[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio
Raccolte
  • 2002 – The Showmen (BMG - RCA Italiana, 74321821472 (2))
Singoli

Con gli Showmen 2[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio
Raccolte
Singoli

Con i Napoli Centrale[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio
Singoli

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Ha recitato interpretando se stesso nel film No grazie, il caffè mi rende nervoso del 1982 dove viene ucciso dal serial killer napoletano "Funiculì funiculà" poiché reo, a suo modo di vedere, di voler troppo innovare la musica napoletana tradizionale e Zora la vampira nel 2000. Ha, inoltre, preso parte al film di John Turturro, Passione. Nel 2018 partecipa al film Una festa esagerata di e con Vincenzo Salemme, sempre nei panni di se stesso.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2011 ha ricevuto il premio Armando Gill alla carriera.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ James Senese. Biografia e discografia [collegamento interrotto], su librerianeapolis.it. URL consultato il 2010-30-04.
  2. ^ [1]
  3. ^ Nonostante il titolo, non è un disco dei Napoli Centrale ma un album contenente delle diverse registrazioni dei brani del 33 giri Showmen 2, pubblicato nel 2004 anche in vinile con il titolo Epitaffio. Come ha spiegato Gianmichele Mattiuzzo, si tratta di provini registrati per la Zeus in preparazione dell'album ma non pubblicati all'epoca

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, ed. Curcio, 1990; alla voce Showmen, The
  • Claudio Pescetelli, Una generazione piena di complessi, editrice Zona, Arezzo, 2006; alla voce Showmen, pag. 140
  • Carmine Aymone, Je sto ccà....James Senese, Alfredo Guida Editore, Napoli, 2009
  • Gianluca Livi, Napoli Centrale - Facimmo 'O Jazz!, Rondò (N. 3), Roma, anno 2008 (poi pubblicato anche in rete il 05/06/2015 su http://www.artistsandbands.org/ver2/articoli/biografie/7194-napoli-centrale-facimmo-o-jazz)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]