Cavea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La divisioni in settori della cavea al Colosseo

Il kòilon o càvea è l'insieme delle gradinate (diviso in settori) di un anfiteatro o di un teatro classico, dove prendevano posto gli spettatori per assistere alle rappresentazioni, ai giochi, o ad altri intrattenimenti.

Nella Roma antica in origine era quella parte nascosta degli anfiteatri dove erano collocate le gabbie delle fiere, in seguito viene a denominare lo spazio destinato al pubblico. Diviso per ceto sociale, era distinta in ”ima”, ”media” e ”summa cavea”, in cui prendevano posto rispettivamente i ceti dei rango senatorio (in prima fila) e di rango equestre, le categorie intermedie, e la plebe.

La cavea poggiava sopra le volte dei vomitoria, accessibili dall'ambulacro che girava tutto intorno all'edificio.

Nella maggior parte dei casi, se la cavea è di forma ellittica, ci troviamo di fronte ad un anfiteatro.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Càvea deriva dal latino cavea, di origine incerta.[1] La sua disposizione incavata unita all'origine del teatro[2] suggerisce che abbia affinità con la parola cavèrna dal latino cavĕrna, derivato di cavus «cavo, incavato».[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ cavea, su treccani.it.
  2. ^ di Oscar G. Brockett (Autore), C. Vicentini (a cura di), A. De Lorenzis (Traduttore), Storia del teatro.
  3. ^ caverna, su treccani.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]