John Vignola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

John Vignola (Spotorno, 1966) è un giornalista, critico musicale e conduttore radiofonico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appassionato di musica, vi si dedica professionalmente intorno alla metà degli anni Novanta, fondando e gestendo la On/Off Records, un'etichetta indipendente poi divenuta Beware! e chiusa nel 2001, con la quale produce, tra gli altri, i Perturbazione, Bugo e i Gatto Ciliegia contro il Grande Freddo.[1] Intanto scrive o cura testi e collane editoriali sulla storia del rock: da Rock, i 500 dischi fondamentali (2002)[2] a Su la testa! 1994-2004, dieci anni di rock italiano (2005),[3] seguiti da Il libretto mosso del MEI. Dieci anni di musica al Meeting delle Etichette Indipendenti (2006) e, realizzati con Diego Carmignani, Lucio Dalla (2012, con la prefazione di Aldo Cazzullo)[4] e Daft Punk. Musica robotica (2014).

Nel 2015 ha curato la pubblicazione di Lucio Dalla -Trilogia,[5] cofanetto e libro dedicati ai tre dischi che Lucio Dalla ha realizzato, come autore e musicista, tra il 1977 e il 1980[6]. Nel 2016 si occupa della parte editoriale del cd antologico Il meglio di Piero Ciampi[7] e, nello stesso anno, cura i testi di Pooh 50 - L'ultima notte insieme[8], che viene pubblicato con una lunga serie di interviste ai componenti del gruppo.

Nel 2017, cura l'uscita nelle edicole di Parola di Rino[9], che raccoglie in 10 cd e altrettanti fascicoli la discografia completa di Rino Gaetano, con numerosi inediti, foto e testi mai pubblicati prima, e cura i testi e le note di Masters, cofanetto su diversi supporti (cd, vinile e vinile colorato in edizione limitata) dedicato a Lucio Battisti, che a pochi mesi dall'uscita diventa disco d'oro[10]. Sempre nel 2017 escono le edizioni Legacy di Anime salve di Fabrizio De André[11], di Burattino senza fili di Edoardo Bennato e di Come è profondo il mare di Lucio Dalla[12], di cui cura note e testi fino ad allora inediti. Durante l'anno successivo curerà cofanetti antologici dedicati a Franco Battiato, Pino Daniele, e ancora Lucio Dalla.

A fine aprile 2019 cura le note di copertina di Faber Nostrum, disco-tributo dedicato a Fabrizio De André a cui partecipano numerosi gruppi e artisti rock contemporanei.

Ha recensito dischi su Audioreview e Rockerilla, curato la rubrica letteraria de Il Mucchio Selvaggio, suoi articoli appaiono suVanity Fair. È spesso invitato a tenere conferenze e presentazioni sulla musica rock.

È stato direttore artistico del Premio Nazionale Città di Loano per la Musica Tradizionale Italiana, dalla prima edizione (2005) fino a quella del 2017. Il Premio ha anche prodotto un documentario-intervista su Giovanna Marini e sulla Scuola Popolare di Musica di Testaccio, di cui è autore.

Come conduttore radiofonico esordisce su Rai Radio 3 sul finire degli anni Novanta per poi passare agli altri due canali Rai (tra gli altri, con Il cammello di Radio 2, RaiStereoNotte, Ritratti, oltre alle dirette dal Festival di Sanremo);[13] dal 2009 al 2014 ha condotto il programma mattutino di Rai Radio 2 Twilight (che nel 2012 vince il MArteAwards come "miglior programma radiofonico")[14] ed è poi tornato alla prima rete con la trasmissione serale Radio1 Music Club, che da settembre 2015 a settembre 2017 va in onda anche al mattino.

Da settembre 2017 a luglio 2018 è fra i conduttori di FuoriGioco, in onda su Rai Radio1 tutti i giorni dalle 15.00 alle 17.00.

Nel giugno 2018 è fra i conduttori di Musicultura 2018,in onda su Rai 3 a cui aveva già partecipato insieme a Fabrizio Frizzi.[15]

Da settembre 2018 riparte Radio1 Music Club, fino alla fine dell'anno in onda tutti giorni dalle 10.00 del mattino e, con l'inizio del 2019, in fascia pomeridiana: dalle 15.00, dal lunedì al venerdì, sempre su Rai Radio1. La nuova stagione del programma ospita prevalentemente esibizioni dal vivo di musicisti del panorama contemporaneo, non esclusivamente rock.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Dente ed Enrico Gabrielli: incontro-concerto al Teatro Valle", sul sito Out Siders Archiviato il 27 aprile 2015 in Internet Archive. del 4 febbraio 2012.
  2. ^ Eddy Cilìa, Federico Guglielmi, Gianluca Testani e John Vignola (a cura di), Rock i 500 dischi fondamentali, Firenze, Giunti, 2002. ISBN 978-88-09-75524-6. Il testo è parzialmente consultabile anche su Google Libri.
  3. ^ Matteo Speroni, "Il libro - «Su la testa!», la rinascita del rock italiano", sul Corriere della Sera del 29 marzo 2005, p. 51.
  4. ^ John Vignola e Diego Carmignani, Lucio Dalla, Gargoyle, 2012.
  5. ^ Lucio Dalla - Trilogia, Sony Legacy, 2015.
  6. ^ "Anna e Marco di Lucio Dalla doveva chiamarsi Sera: così la salvammo...", in Repubblica.it, 27 novembre 2015. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  7. ^ BOBO RONDELLI canta PIERO CIAMPI – CD DOPPIO, su www.picicca.it. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  8. ^ (EN) POOH – Pooh 50 - L'Ultima Notte Insieme, in Sony Music Italy. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  9. ^ Rino Gaetano, tutta la discografia in edicola con Sorrisi e Panorama | TV Sorrisi e Canzoni, in TV Sorrisi e Canzoni, 2 marzo 2017. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  10. ^ Disco Oro per album Masters di Battisti - Musica, in ANSA.it, 20 novembre 2017. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  11. ^ Rockol.com s.r.l., √ Recensioni | Dischi | Fabrizio De André - ANIME SALVE LEGACY EDITION su Rockol, in Rockol. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  12. ^ Rockol.com s.r.l., √ Lucio Dalla, la seconda vita di “Come è profondo il mare”, in Rockol. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  13. ^ "A scuola da John Vignola -10: io e Sanremo", sul sito TomTomRock del 14 febbraio 2014.
  14. ^ "Tutti i vincitori dei MArteAwards 2012!" sul sito MArte Live.
  15. ^ Procol Harum e Stato Sociale aprono Musicultura 2018, in Cronache Maceratesi, 13 giugno 2018. URL consultato il 13 giugno 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]