Lester Bowie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lester Bowie
Lester Bowie.jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereFree jazz
Improvvisazione libera
Periodo di attività musicale1965 – 1999
Strumentotromba

Lester Bowie (Bartonsville, 11 ottobre 1941New York, 8 novembre 1999) è stato un trombettista e compositore statunitense di jazz d'avanguardia. È stato membro della Association for the Advancement of Creative Musicians (AACM) e cofondatore dell'Art Ensemble of Chicago.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel villaggio di Bartonsville nella Contea di Frederick, Maryland, USA, Bowie era cresciuto a St. Louis, Missouri. Nel 1943 la sua famiglia si trasferisce a prima a Little Rock (Arkansas) in seguito a St. Louis (Missouri). A 5 anni aveva iniziato a studiare la tromba con suo padre, che era un musicista[1].

Dal 1951 Lester prende parte alle manifestazioni musicali della zona: riunioni religiose, feste scolastiche, ecc. Nel 1957 dirige un complesso e suona nei teatri e alla radio. Lester aveva suonato con musicisti blues fra i quali Little Milton e Albert King, e con stelle del rhythm and blues come Solomon Burke, Joe Tex e Rufus Thomas. Nel 1965 diventa il diretttore artistico e marito di Fontella Bass[2]

Nel 1966 diviene uno dei membri fondatori dell'AACM insieme a Muhal Richard Abrams, Joseph Jarman e Roscoe Mitchell con il quale pubblica il primo album Sound. Nel 1967 ai due si unisce il bassista Malachi Favors e formano l'Art Ensemble, successivamente all'arrivo di Joseph Jarman, nel 1969 il gruppo fu invitato a Parigi per un festival, ma finì per rimanervi per ben due anni, perché la scena musicale e politica era favorevole alle loro idee artistiche. Nella capitale francese pubblicarono il primo disco con il nome Art Ensemble of Chicago. Durante la permanenza in Francia, l'AEOC fece entrare nel gruppo il batterista Don Moye e registrò molti altri album. Nel 1971 ritorna a Chicago dove continuerà a suonare con lo stesso gruppo.

Nel 1985 Bowie introduce la Lester Bowie's Brass Fantasy nell'etichetta discografica ECM Records, incidendo il brano I Only Have Eyes for You. La Brass Fantasy comprendeva un batterista (Don Moye) e otto fiati: 4 trombe, due tromboni, corno francese e un basso tuba[3].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Lester Bowie, New Jazz Festival Moers (Moers Festival), 1978
Lester Bowie, with the Art Ensemble of Chicago, Jazz Festival Zeltweg (Spielberg), 1983

Da leader[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Anno Casa discografica
Numbers 1 & 2 1967 Nessa
Gittin' to Know Y'All (features Bowie conducting the Baden-Baden Free Jazz Orchestra) 1970 MPS
Fast Last! 1974 Muse
Rope-A-Dope 1976 Muse
African Children 1978 Horo
Duet (with Phillip Wilson) 1978 Improvising Artists
The 5th Power 1978 Black Saint
The Great Pretender 1981 ECM
All the Magic 1983 ECM
Bugle Boy Bop (with Charles "Bobo" Shaw) 1983 Muse
Duet (with Nobuyoshi Ino) 1985 Paddle Wheel

Lester Bowie's Brass Fantasy[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Anno Casa discografica
I Only Have Eyes for You 1985 ECM
Avant Pop 1986 ECM
Twilight Dreams 1987 Venture
Serious Fun 1989 DIW
My Way 1990 DIW
Live at the 6th Tokyo Music Joy (with the Art Ensemble Of Chicago) 1990 DIW
The Fire This Time 1992 In & Out
The Odyssey Of Funk & Popular Music 1999 Atlantic
When the Spirit Returns 2003 (recorded Oct. 1997) Dreyfus Jazz

Lester Bowie's New York Organ Ensemble[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Anno Casa discografica
The Organizer 1991 DIW
Funky T. Cool T. 1992 DIW

con l'Art Ensemble of Chicago[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Anno Casa discografica
Old/Quartet - Roscoe Mitchell 1967 Nessa
Numbers 1 & 2 - Lester Bowie 1967 Nessa
Early Combinations - Art Ensemble 1967 Nessa
Congliptious - Roscoe Mitchell 1967 Nessa
A Jackson in Your House 1969 Actuel
Tutankhamun 1969 Freedom
the Spiritual 1969 Freedom
People in Sorrow 1969 Pathe Marconi
Message to Our Folks 1969 Actuel
Reese and the Smooth Ones 1969 Actuel
Eda Wobu 1969 JMY
Certain Blacks 1970 America
Go Home 1970 Galloway
Chi-Congo 1970 Paula
Les Stances a Sophie 1970 America
Live in Paris 1970 Freedom
Art Ensemble of Chicago with Fontella Bass 1970 America
Phase One 1971 America
Live at Mandell Hall 1972 Delmark
Bap-Tizum 1972 Atlantic
Fanfare for the Warriors 1973 Atlantic
Kabalaba 1974 AECO
Nice Guys 1978 ECM
Live in Berlin 1979 West Wind
Full Force 1980 ECM
Urban Bushmen 1980 ECM
Among the People 1980 Praxis
The Complete Live in Japan 1984 DIW
The Third Decade 1984 ECM
Naked 1986 DIW
Ancient to the Future 1987 DIW
The Alternate Express 1989 DIW
Art Ensemble of Soweto 1990 DIW
America - South Africa 1990 DIW
Thelonious Sphere Monk with Cecil Taylor 1990 DIW
Dreaming of the Masters Suite 1990 DIW
Live at the 6th Tokyo Music Joy with Lester Bowie's Brass Fantasy 1991 DIW
Fundamental Destiny with Don Pullen 1991 AECO
Salutes the Chicago Blues Tradition 1993 AECO
Coming Home Jamaica 1996 Atlantic
Urban Magic 1997 Musica Jazz

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The Leaders.

Come ospite[modifica | modifica wikitesto]

con David Bowie

con James Carter

con Jack DeJohnette

con Brigitte Fontaine

  • Comme à la Radio (Saravah, 1971)

con Melvin Jackson

  • Funky Skull (Limelight, 1969)

con Fela Kuti

con Frank Lowe

  • Fresh (Freedom, 1975)

con Jimmy Lyons

con Roscoe Mitchell

con David Murray

con Sunny Murray

con Charles Bobo Shaw

  • Under the Sun (Freedom, 1973)
  • Streets of St. Louis (Moers Music, 1974)

con Archie Shepp

con Alan Silva

con Wadada Leo Smith

con altri

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Philippe Carles, Jean-Louis Comolli, Free Jazz/Black Power, Giulio Einaudi editore, 1973, p.299
  2. ^ (EN) Lester Bowie Biography, Songs, & Albums, su AllMusic. URL consultato il 1º settembre 2022.
  3. ^ Lester Bowie’s Brass Fantasy: An Unexpected ECM Pop Venture, Udiscovermusic, leggi on-line

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27251202 · ISNI (EN0000 0000 6303 6538 · Europeana agent/base/65122 · LCCN (ENn79090862 · GND (DE118866168 · BNE (ESXX864315 (data) · BNF (FRcb13891763w (data) · J9U (ENHE987007406729805171 · WorldCat Identities (ENlccn-n79090862