Domenico Antonio Vaccaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scorcio della facciata della Chiesa della Concezione a Montecalvario
Altare in Sant'Anna di Palazzo
Scultura di Vaccaro nella Certosa di San Martino, Napoli

Domenico Antonio Vaccaro (Napoli, 3 giugno 1678Napoli, 13 giugno 1745) è stato un pittore, scultore, architetto e disegnatore italiano. Fu un artista a cavallo tra il Barocco e il Rococò e autore di importanti chiese napoletane.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dello scultore Lorenzo Vaccaro e di Caterina Bottigliero. Il De Dominici afferma che il Vaccaro fu battezzato nella Chiesa di Sant'Arcangelo agli Armieri. Il padre avviò la carriera del giovane ragazzo verso gli studi giuridici, ma il Nostro si applicava al disegno di nascosto per non essere visto dal padre. Il De Dominici scrisse: "Ma benché Domenico Antonio attendesse con ogni applicazione alli studi, ad ogni modo non potendo ricalcitrare alla forte inclinazione datali dalla natura, spesso applicava al disegno, istruendo egli medesimo li discepoli di suo padre, ed in particolare il testé mentovato Bartolomeo Granucci, ed il Bottigliero, allora più giovani degli altri scolari di Lorenzo, il quale veduto i disegni di suo figliuolo, altamente lo sgridò, dicendogli assolutamente, che non voleva ch'ei prendesse amore al disegno, ma solamente attendesse alle lettere."

Nel testo continua: "Ubbidì Domenico Antonio al paterno comando, ma non tralasciò la sua geniale applicazione, e raddoppiando fatica venne ad ubbidire al padre, ed a contentare il suo genio. Studiò filosofia, e dopo la legge, ove era l'intenzione di suo padre applicarlo. Indi passò a studiare geometria, e meccanica, e tutto il tempo che l'avanzava applicava segretamente al disegno, quale nascondeva sotto i medesimi scritti per non farsi sorprendere da Lorenzo."

Domenico Antonio aveva sempre il timore paterno e stava sviluppando con bravura l'arte del disegno tanto da dipingere. Dopo una breve partenza, durata due mesi, di Lorenzo a Roma, il ragazzo approfittava per dipingere fin quando il padre ritornò e vide il figlio dipingere, secondo il De Dominici, una scenetta di Siringa e Pan. Il padre diede consenso al ragazzo di proseguire la sua inclinazione e il giovane Domenico Antonio ritornò a studiare matematica, il disegno e l'architettura e frequentò la bottega paterna prima di passare come allievo del pittore Francesco Solimena dove apprese le tecniche di pittura.

Nella bottega del Solimena conobbe anche il giovane Ferdinando Sanfelice, tra di loro vi era una notevole reciproca stima, al punto che il Sanfelice chiamò Domenico Antonio a sostituirlo nella realizzazione della Chiesa di Santa Maria delle Dame Monache di Capua, quando nel 1735 dovette ritornare a Napoli.[1]. Nel 1691 realizzò insieme al padre il Carro del Battaglino per la Chiesa dell'Immacolata Concezione e Purificazione di Maria de' nobili in Montecalvario.

Le prime esperienze[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 marzo 1696 insieme al padre lavorò al baldacchino d'argento presso la chiesa di Santa Maria Donnalbina. Il 30 ottobre dipinse la Visione mistica di San Bonaventura nella basilica di San Lorenzo Maggiore. Tra il 1697 e il 1705 dipinse Il Giudizio di Salomone[2]. Dal 1698 al 1717 riprogettò la Chiesa di San Michele Arcangelo ad Anacapri, quest'opera architettonica fu molto apprezzata anche per il suo pavimento maiolicato; Vaccaro riprese il tema plamentrico nel suo capolavoro ai Quartieri Spagnoli. Nel 1704, a Capua dipinse una tela della Madonna con Cristo e un santo. Il successivo anno realizza il bozzetto dell'affresco San Domenico resuscita il nipote del Cardinale Stefano Orsini per la volta della sacrestia della basilica di San Domenico Maggiore, l'opera non fu mai realizzata perché i Domenicani affidarono l'opera a Francesco Solimena. Tra il 1705 e il 1708 risale una delle più belle sculture barocche in bronzo realizzate dai Vaccaro: Il San Sebastiano morente, l'opera, attualmente conservata nel Tesoro della Cattedrale di San Paolo ad Aversa.

Dalla morte del padre agli albori della maturità artistica[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 agosto 1705 Lorenzo venne ucciso da due sicari lasciando incompiute numerose opere scultoree. Il 12 agosto Domenico Antonio, insieme alla madre ed ai fratelli, per volere espresso, seppellirono Lorenzo a Torre del Greco, nella Chiesa di Santa Croce. Dopo quattro giorni lavorò ai marmi decorativi nella Chiesa di San Giorgio Maggiore lasciati incompiuti dal padre. Contemporanemaente lavorò come scultore presso la chiesa di Santa Maria della Redenzione dei Captivi.

Il 18 giugno 1708 scolpì il ritratto del giureconsulto Francesco Raetano, nel medesimo anno completò le sculture in marmo bianco nella Cappella di San Giovanni Battista alla Certosa di San Martino, le sculture furono già approntate da Lorenzo prima di morire. Partecipò, nel 1709, al completamento dell'edicola di San Gennaro sul sagrato della chiesa di Santa Caterina a Formiello, progettata nel 1706 dal Sanfelice aiutato nelle sculture da Lorenzo Vaccaro. Nel dicembre progettò la decorazione della Cappella di San Gennaro alla Certosa, nel medesimo tempo dipinse la Deposizione nella Chiesa dei Santi Cosma e Damiano a Secondigliano. Tra il marzo del 1710 e il luglio 1711 fu operativo, insieme al Sanfelice, Andrea d'Aste e Domenico Catuogno alla decorazione del Duomo di Amalfi; il Vaccaro e il Catuogno furono gli ideatori del paliotto argenteo, parzialmente trafugato.

Nel 1712 realizzò il modellino in creta e successivamente in legno per il busto del Santo patrono di Avellino, il 19 gennaio i governatori della Cappella di Sant'Antimo e gli orefici Alessandro Cioffi, Gennaro Cioffi e Stefano Reccia chiesero la realizzazione di un modellino di creta del busto da realizzarsi attraverso atto notarile stipulato tra i governatori e dagli orefici alla presenza del notaio Gregorio Servillo. Il 15 ottobre del medesimo iniziarono i lavori di ridecorazione della navata della Basilica di San Paolo Maggiore con l'aiuto del marmoraro Giuseppe Lamberto, allo stesso periodo risaliva anche la statua dell'Angelo custode nella stessa chiesa. Il 24 aprile 1713 ricevette un pagamento per il bassorilievo di San Gennaro alla Certosa. Dopo due anni realizzò due statue per la chiesa di San Ferdinando. Nel settembre 1717, su commissione dell'Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio, cominciò i lavori di rifacimento alla chiesa di Santa Maria della Pace, il Vaccaro si occupò della riprogettazione degli stucchi, marmi, tele e inferriete. Nel 1718 curò le decorazioni marmoree nella nuova chiesa di San Francesco delle Cappuccinelle, insieme a Giovan Battista Nauclerio.

La maturità artistica[modifica | modifica wikitesto]

Facciata della chiesa delle Anime del Purgatorio di Giugliano
Interno della chiesa di Santa Sofia a Giugliano

Il 13 settembre 1718 Domenico Antonio fu incaricato di realizzare il modello della chiesa di Santa Maria della Concezione a Montecalvario con la collaborazione degli ingegneri Giuseppe Lucchese e Filippo Marinelli, mentre i suoli furono ispezionati dal Sanfelice. Il 20 ottobre fu stipulato il contratto fra i governatori e i capomastri. Nel 1719 iniziò a scolpire i bassorilievi sulla vita di san Gaetano nella cripta di San Paolo Maggiore e i pagamenti dell'opera dureranno anche nei successivi anni. Nello stesso anno scolpì diverse sculture, una ad Aversa, due puttini nella cappella di San Tommaso d'Aquino nella chiesa di San Domenico Maggiore e fornisce i disegni per una statua di San Guglielmo per il Santuario di Montevergine. Il 3 giugno 1720, a quarantadue anni, ricevette l'incarico di realizzare il modello della statua di Sant'Andrea che servì per la definitiva in argento realizzata da Andrea De Blasio, il 23 dicembre è presso la Congregazione di Santa Maria dei Sette Dolori, situata nelle vicinanze della Chiesa di Santa Maria della Solitaria.

Il 14 maggio 1721, dall'unione con Giuseppina Pierro, nacque Filippo, primo dei dieci figli di Domenico Antonio. Nel frattempo diresse la fabbrica del restauro della Chiesa della Santissima Annunziata di Casamarciano. Nel 1724 lavorò presso l'abitazione di Carlo De Costanzo. L'anno successivo lavorò presso la chiesa di San Domenico Maggiore e apprezzò i lavori fatti presso il palazzo di Pacecco Carafa a San Biagio dei Librari, nel 1726 disegnò il pavimento della Chiesa di Santa Maria Vecchia[3], disegnò anche il pavimento della Basilica di San Lorenzo Maggiore. Vaccaro fu autore del pavimento in marmo, cotto e piperno nella Chiesa di San Domenico Maggiore. Dal 1724 fino alla sua morte abitò nel Palazzo di Magnocavallo, che l'architetto stesso rifece. Nel maggio 1728, gli argentieri Nicola e Gaetano Avellino consegnarono all'abate dell'abbazia di San Michele Arcangelo a Procida la statua del Santo patrono disegnata dal Vaccaro. Nel medesimo anno fu attivo presso l'abitazione di Francesco Piatti nella progettazione dei piperni; nella casa del canonico Giovan Battista Cestaro, ubicata al supportico Lopez, lavorò alla realizzazione degli stucchi.

Domenico Antonio firmò, nel 1728, le tele nella chiesa di Santa Maria di Monteverginella, intanto realizzò il polverino presso la chiesa di Santa Maria della Carità e disegnò le porte e le finestre del palazzo di Gaetano Sorrentino presso la chiesa di Santa Maria Ognibene. Fu crono commissionati gli stucchi presso la chiesa di Santa Maria la Stella. Nel 1729 lavorò presso il Teatro Nuovo, e progettò una macchina della cuccagna in onore Maria Elisabetta d'Asburgo. Al 1729 risalivano anche pagamenti effettuati al maestro fabbricatore Giovanni Azzolini riguardo ai lavori effettuati presso i chiostri della Basilica di Santa Chiara; in quegli stessi anni fu attivo presso la Chiesa di Santa Maria della Stella e presso il palazzo Biscardi presso il ponte di Chiaia. Nel 1731 diresse i lavori del Palazzo dei principi di Roccella e del della Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli. Fu attivo presso l'collegiata di Santa Maria delle Grazie e contemporaneamente progettò il Palazzo Spinelli di Tarsia.

Dopo il sisma del 1732, fu incaricato dall'abate Angelo Federico della ricostruzione del Palazzo abbaziale di Loreto, si occupò del restauro della Chiesa dei Santi Bernardo e Margherita a Fonseca disegnando stucchi e marmi ed affidando l'esecuzione a Giovanni Saggese, Orazio Cortese e Domenico Gadaleto. Nel 1734 lavorò presso la Chiesa di Santa Maria del Rosario a Portamedina, al rifacimento della chiesa nolana delle Anime al Purgatorio, alla chiesa di Santa Maria della Carità e alla villa di Nicola Morcaldi a Portici. Nel 1735 eseguì, di sua mano, la decorazione pittorica del quarto nobile di Palazzo Spinelli e affidò, invece, al Martinetto la realizzazione degli stucchi del Complesso di San Gaudioso e fu operativo presso la Chiesadi Santa Sofia e di altri complessi religiosi nel giuglianese. Fu l'autore del rifacimento del complesso abbaziale di San Guglielmo del Goleto, e nel 1737 disegnò il modello della statua di San Domenico da porsi sulla guglia. Dopo due anni eseguì gli affreschi del passetto della Regina al Palazzo Reale di Napoli: gli affreschi, L'allegoria della Maestà Regia e Lo Spirito Santo benedice l'unione coniugale, furono eseguiti con la tecnica dell'affresco a tempera, gessetto e sanguigna su volte incannucciate. Contemporaneamente fu operativo nuovamente a Portici presso la villa del Principe Caramanico, presso la basilica di San Giacomo degli Spagnoli e al casino di Tommaso Cito presso l'Infrascata[4].

Gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1740 è nuovamente a Portici impegnato nel rifacimento della Parrocchia della Natività di Maria Vergine. Intorno al 1742 realizzò la cona con la statua dell'immacolata presso la Chiesa del Gesù Nuovo, poco più tardi progettò l'altare maggiore presso la basilica di San Giovanni Maggiore. Nel 1743 fu presso il palazzo Lombardo alla Salute e presso il Palazzo Spinola-Taglialavia a Toledo. Nel luglio 1744, il Vaccaro fu incaricato di disegnare l'antiporta della terza edizione de La Scienza Nuova di Vico, nel medesimo anno furono terminati i lavori di stucco presso la Chiesa di Santa Maria delle Grazie a Calvizzano, nel complesso di Santa Chiara e presso il Palazzo del Conservatorio delle Figliole dei Magnifici Notari di Napoli. Vaccaro morì il 5 luglio 1745, lasciando incompiute diverse fabbriche portate avanti dai figli architetti ed altri. Tra i suoi allievi si ricordano: Francesco Pagano, Giuseppe Astarita, Giovanni del Gaizo, Luca Vecchione, Antonio Donnamaria, Filippo Falciatore e Ludovico Vaccaro.

Opere principali (non esaustiva)[modifica | modifica wikitesto]

Architettura (non esaustiva)[modifica | modifica wikitesto]

Restauri architettonici (non esaustiva)[modifica | modifica wikitesto]

Sculture[7](non esaustiva)[modifica | modifica wikitesto]

Tutto[8] (non esaustiva)[modifica | modifica wikitesto]

Pittura[9] (non esaustiva)[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Giudizio di Salomone, 1697 - 1705
  • Martirio di San Giacomo, 1741
  • Allegorie in Palazzo reale, 1738
  • Sant'Alberto che invoca la Vergine per i colerosi
  • Sant'Emidio e Sant'Irene
  • San Guglielmo da Vercelli che adora il bambino

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alfonso Gambardella, Cultura architettonica a Napoli nella metà del '700, in Barocco napoletano di AA.VV a cura di Gaetana Cantone, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma 1992.
  2. ^ Attribuitogli da Nicola Spinosa (in precedenza si riteneva fosse opera del Solimena).
  3. ^ La chiesa venne demolita nell'Ottocento.
  4. ^ L'attuale Via Salvator Rosa.
  5. ^ ANCeSCAO Sez. di Cerreto Sannita, La Valle del Titerno, ANCESCAO, 2009.
  6. ^ Il Pergamo (Il monastero di Santa Chiara in Nocera dei Pagani, Nocera Inferiore, 1961) cita a pagina 11 un documento che descrive i danni subiti dal monastero a causa della tempesta del 1742. Vi si legge che l'ingegnere napoletano Domenico Vaccaro ha redatto un progetto di ristrutturazione dell'edificio dell'importo di 4.000 ducati e che i lavori furono eseguiti secondo i consigli dell'architetto.
  7. ^ ibidem
  8. ^ Architettura, pittura e scultura
  9. ^ Fonte da Napoli e Dintorni, TCI, 2007

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • B. De Dominici, Vite de' pittori, scultori ed architetti napoletani, Napoli, Trani, 1742-1745.
  • Aurelio De Rose, I Palazzi di Napoli. Storia, curiosità e aneddoti che si tramandano da secoli su questi straordinari testimoni della vita partenopea, Newton e Compton editori, Napoli, 2004.
  • Francesco Domenico Moccia e Dante Caporali, NapoliGuida-Tra Luoghi e Monumenti della città storica, Clean, 2001.
  • Alfonso Gambardella e Giosi Amirante, Napoli fuori le mura. La Costigliola e Fonseca da platee a borgo, Napoli, Edizioni scientifiche italiane, 1994, ISBN 88-7104-805-9.
  • Elena Manzo, La merveille dei principi Spinelli di Tarsia. Architettura e artificio a Pontecorvo, Napoli, ESI, 1997, p. 180, ISBN 88-8114-592-8.
  • Benedetto Gravagnuolo e Fiammetta Adriani, Domenico Antonio Vaccaro. Sintesi delle Arti, Napoli, Guida, 2005.
  • Vincenzo Rizzo, Lorenzo e Domenico Antonio Vaccaro. Apoteosi di un binomio, Napoli, Altrastampa, 2001.
  • Elena Manzo, Il palazzo reale di Portici tra Napoli e Madrid: documenti inediti su Domenico Antonio Vaccaro, in A. Gambardella (a cura di), Napoli-Spagna: Architettura e città nel XVIII secolo, atti del Convegno Internazionale di Studi (Napoli, Osservatorio astronomico, 17-18 dicembre 2001), Napoli, ESI, 2003, pp. 181-190, ISBN 88-495-0652-X.
  • Elena Manzo, Tra sacro e profano: metamorfosi barocche nelle architetture di Domenico Antonio Vaccaro, in “Acta/Artis. Estudis d'Art Modern”, nº 2, 2014, pp. 13-24, ISSN 2339-7691.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN25406495 · LCCN: (ENn95000482 · ISNI: (EN0000 0000 6675 9125 · GND: (DE119157446 · BNF: (FRcb15078866c (data) · ULAN: (EN500003605