Complesso di San Gaudioso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Complesso di San Gaudioso
Complesso di San Gaudioso. 0019.JPG
Arco d'ingresso di Cosimo Fanzago.
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
LocalitàCoA Città di Napoli.svg Napoli
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareSan Gaudioso
Arcidiocesi Napoli
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzioneV secolo

Coordinate: 40°51′09.1″N 14°15′13.39″E / 40.852527°N 14.253719°E40.852527; 14.253719

Il complesso di San Gaudioso era una struttura religiosa ubicata in vico San Gaudioso, a Napoli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il monastero fu fondato nel V secolo da Settimio Celio Gaudioso, vescovo africano naufragato a Napoli e qui rimasto a vivere, nella parte alta della città, dove erano situate le strutture religiose pagane in abbandono. Tre secoli dopo cadde in rovina e fu restaurato dal vescovo Stefano II di Napoli per insediarvi le monache benedettine; tra il 780 e il 790 Stefano II fece edificare accanto al convento una basilica dedicata a santa Fortunata.

L'espansione vera e propria del complesso avvenne però tra il XVI e il XVII secolo, quando si trovò ad occupare un'insula molto vasta; nel 1560 è intervenuto Giovanni Francesco di Palma, che progettò il chiostro; nell'operazione di restauro seicentesca operò Cosimo Fanzago, che attorno al 1630 vi realizzò una pregevole scala marmorea d'accesso e il piano di rifacimento dell'insula.

La chiesa fu incendiata nel 1799, durante gli scontri legati alla repubblica napoletana. Andarono così perdute testimonianze pittoriche di artisti barocchi come Battistello Caracciolo, Francesco Solimena e Luca Giordano. Il monastero, che in quell'occasione fu saccheggiato, non ebbe grandi danneggiamenti e dal 1807 al 1819 fu sede dell'osservatorio astronomico e successivamente dell'osservatorio di Marina.

Il monastero, nel 1883 dichiarato sede clinica universitaria, fu demolito completamente nel 1920 per realizzarvi le nuove strutture ospedaliere. Nel 1943 in esse s'insediò l'ospedale per i soldati francesi, per poi riprendere la loro funzione dopo la guerra.

L'unica parte superstite del monastero è la scala fanzaghiana con l'arco di accesso e il muro perimetrale con il portale in piperno. Rimangono inoltre assai esigue tracce del chiostro.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A cura di Giosi Amirante e Rosanna Cioffi, Dimore della conoscenza. Le sedi della Seconda Università degli Studi di Napoli, ESI, 2010

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]