Giuliana De Sio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuliana De Sio al festival "Capri Hollywood"

Giuliana De Sio (Salerno, 2 aprile 1956[1][2][3]) è un'attrice italiana.

Sorella minore della cantante Teresa De Sio, ha vinto due David di Donatello per la migliore attrice protagonista, per Io, Chiara e lo Scuro (1983) e per Cattiva (1992).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresce e studia a Cava de' Tirreni e arriva a Roma a 18 anni ospite di un amico. Lì conosce il capo carismatico di una famosa comune hippy di Terrasini di cui si innamora e con cui si trasferisce per alcuni mesi, dopo i quali torna a Roma ospite di Teresa Ann Savoy, una sua amica attrice.

Nel frattempo incontra Alessandro Haber, che la spinge a diventare attrice portando delle foto che le aveva fatto un agente: nel giro di tre giorni le fanno fare tre provini - due per il teatro e uno per la televisione - e ottiene la parte in ciascuno. Sceglie la televisione e viene scritturata[4] per lo sceneggiato Rai Una donna (1977), tratto dal romanzo di Sibilla Aleramo[5], mentre l'anno successivo le viene affidata una parte nello sceneggiato tv Le mani sporche, insieme a Marcello Mastroianni.

Al cinema ha raggiunto il successo con tre film del 1983: Sciopèn di Luciano Odorisio, Scusate il ritardo di Massimo Troisi e Io, Chiara e lo Scuro di Maurizio Ponzi, che le vale il David di Donatello e il Nastro d'argento e del quale interpreta anche il seguito, Casablanca, Casablanca (1985), di Francesco Nuti, anche protagonista di questi ultimi due titoli. Con Ponzi invece tornerà a lavorare in Italiani (1996), Besame Mucho (1999) e A luci spente (2004).

Giuliana De Sio ospite nel 1986 al Giffoni Film Festival

Nel 1987 era stata scelta come protagonista del film Opera di Dario Argento[6], ma all'ultimo fu sostituita da Cristina Marsillach. Successivamente ha interpretato sia film drammatici, come Cento giorni a Palermo (1984) di Giuseppe Ferrara; Cattiva (1991) di Carlo Lizzani (con cui vince il suo secondo David di Donatello); Con rabbia e con amore (1997) di Alfredo Angeli, che pellicole divertenti tra cui I picari (1987) di Mario Monicelli; La vera vita di Antonio H. (1994) di Enzo Monteleone; W la scimmia (2002) di Marco Colli.

Negli anni 2000 è poi tornata a recitare con successo in tv: Gli amici di Gesù - Maria Maddalena (2000), Il bello delle donne dove è stata protagonista per tutte le tre serie (2001-2002-2003), Caterina e le sue figlie 2 (2007), Mogli a pezzi (2008).

Interprete di successo anche sul palcoscenico, nelle ultime stagioni teatrali è stata protagonista di Notturno di donna con ospiti, un testo di Annibale Ruccello per la regia di Enrico Maria Lamanna, dove l'attrice veste i panni di una donna in preda alla pazzia; mentre dal 2007 è l'indiscussa protagonista de Il laureato, testo teatrale tratto dal famoso film di Mike Nichols, nel ruolo della Signora Robinson, reso celebre sul grande schermo da Anne Bancroft.

Il 15 dicembre 2011 è ricoverata d'urgenza a Lamezia Terme (durante la tournée dello spettacolo La Lampadina Galleggiante) in seguito a dolori al torace, e le viene diagnosticata erroneamente una pleurite con doppia polmonite. Dimessa alcuni giorni dopo e ritornata a Roma, la sera del 31 dicembre le sue condizioni peggiorano: viene colpita da un'embolia polmonare e una trombosi venosa profonda alla gamba sinistra. Il 6 gennaio 2012 tramite Facebook annuncia di essere fuori pericolo. Dopo un periodo di riabilitazione l'attrice torna in salute[7][8].

Dall'11 settembre 2012, torna nella fiction L'onore e il rispetto - Parte Terza, con Gabriel Garko, nel ruolo della mafiosa siciliana Tripolina. Il ritorno sulle scene è segnato da Rodolfo Valentino - La leggenda, in cui interpreta il ruolo dell'attrice hollywoodiana Alla Nazimova. Successivamente gira un'altra fiction per Mediaset dal titolo Furore - Il vento della speranza, dove interpreta una sindacalista siciliana negli anni sessanta[9].

Dopo il successo della sua opera teatrale Notturno di donna con ospiti, lavora sul set della fiction Il bello delle donne... alcuni anni dopo, sequel de Il bello delle donne, dove interpreta nuovamente Annalisa Bottelli.

Sempre nel 2016 Giuliana De Sio farà parte del cast della nuova fiction per Mediaset dal titolo Amore pensaci tu, diretta dai registi Francesco Pavolini e Vincenzo Terracciano.

Ritorna con grande successo al cinema dopo ben cinque anni di assenza nel film La verità, vi spiego, sull'amore al fianco di Ambra Angiolini e Massimo Poggio interpretando una nonna alle prese con la crisi di mezza età.

Nel 2017 partecipa al talent show Ballando con le stelle in coppia con Maykel Fonts.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuliana De Sio ne I picari di Mario Monicelli (1988), nel ruolo di un'irascibile prostituta.
Giuliana De Sio in Cattiva di Carlo Lizzani (1992), film sulla psicoanalisi, che le fece ottenere il secondo David di Donatello come migliore attrice.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco Artisti Settore Audiovisivo Rappresentati da Nuovo IMAIE (al 31/01/2014) (PDF), su areasoci.nuovoimaie.it, IMAIE. URL consultato il 1º aprile 2016 (archiviato il 1º aprile 2016).
  2. ^ De Sio family tree: De Sio, Alfonso (1994). La Divina Commedia Cavaiola. Cava de′ Tirreni: Emilio di Mauro SpA. pp. 14–15. ISBN 88-86473-02-8.
  3. ^ Giuliana de Sio - IMDb
  4. ^ Una donna (TV mini-series 1977) - IMDb
  5. ^ Intervista a Giuliana De Sio, Sottovoce, Raiuno, 9 febbraio 2009
  6. ^ (EN) Tutto su Opera di Dario Argento - Nocturno.it, in Nocturno, 7 agosto 2016. URL consultato il 23 aprile 2017.
  7. ^ Passata la brutta avventura, Giuliana De Sio senza veli a Fregene [foto], in Leggilo.net, 17 agosto 2012. URL consultato il 23 aprile 2017.
  8. ^ La denuncia di Giuliana De Sio su Facebook: 'Stavo per morire”, in Gossip Fanpage. URL consultato il 23 aprile 2017.
  9. ^ Furore - Il vento della speranza, i personaggi (foto), in TVBlog.it. URL consultato il 23 aprile 2017.
  10. ^ De Sio migliore attrice per L'onore e il Rispetto 3, su tv.fanpage.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN87284975 · ISNI (EN0000 0001 1462 3354 · SBN IT\ICCU\RAVV\097361 · LCCN (ENno2003084111 · GND (DE141628316 · BNF (FRcb14169921r (data)