Alessandro Leogrande

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alessandro Leogrande (Taranto, 1977) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in filosofia a Roma, incontra Goffredo Fofi iniziando a collaborare con la rivista "Lo Straniero" di cui è divenuto vicedirettore. Scrive su quotidiani come il "Corriere del Mezzogiorno" e riviste quali "Internazionale" e "Minima&moralia". Ha curato con Goffredo Fofi l'antologia Nel Sud senza bussola. Venti voci per ritrovare l'orientamento (Napoli, L'ancora del Mediterraneo, 2002), e la raccolta di racconti sul calcio Ogni maledetta domenica (Roma, minimum fax, 2010).

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Un mare nascosto, Napoli, L'ancora del Mediterraneo, 2000
  • Le male vite: storie di contrabbando e di multinazionali, Napoli, L'ancora del Mediterraneo, 2003 (poi, Roma, Fandango Libri, 2010)
  • Nel paese dei viceré: l'Italia tra pace e guerra, Napoli, L'ancora del Mediterraneo, 2006
  • Uomini e caporali: viaggio tra i nuovi schiavi nelle campagne del Sud, Milano, Mondadori, 2008; Premio Napoli [1] (poi, Milano, Feltrinelli, 2016)
  • Il naufragio: morte nel Mediterraneo, Milano, Feltrinelli, 2011
  • La frontiera, Milano, Feltrinelli, 2015; Premio Pozzale Luigi Russo [2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]