Emanuele Trevi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emanuele Trevi

Emanuele Trevi (Roma, 7 gennaio 1964) è un critico letterario e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dello psicoanalista junghiano Mario Trevi, è editor e autore di saggi e romanzi. Ha debuttato nella narrativa nel 2003 con I cani del nulla, uscito presso Einaudi Stile Libero[1]. È stato direttore creativo (con Arnaldo Colasanti) della Fazi editore, ha curato una collana presso Quiritta editore e, con Marco Lodoli, l'antologia scolastica Storie della vita edita da Zanichelli[2].

Altri saggi vanno dall'introduzione a Il mio Carso di Scipio Slataper, all'intervista per «Paris Review» a Milan Kundera, dalla collaborazione per la parte delle prose all'edizione di Lucio Felici delle opere di Giacomo Leopardi, alla presentazione di una collezione di saggi di Viktor Borisovič Šklovskij, e ancora di opere di Emilio Salgari, John Fante, Gabriella Sica, Goffredo Parise, Giosetta Fioroni, Giorgio Manganelli, Alexandre Dumas[non chiaro], Ferenc Molnár, Edmondo De Amicis (i viaggi), Henri Michaux ecc.

Con il libro reportage sul poeta Pietro Tripodo, "Senza verso. Un'estate a Roma" edito da Laterza ha vinto il Premio Sandro Onofri[3]. Con Il libro della gioia perpetua, ha vinto il Premio Napoli nel 2010.[4] Con il romanzo Il popolo di legno, tradotto in francese, con i tipi dell'editore Actes Sud, ha vinto il 19 gennaio 2018, il Prix Marco Polo Venise, per il miglior romanzo italiano tradotto nel 2017 in francese e consegnatogli durante una cerimonia presso l'Ambasciata italiana a Parigi. Con Sogni e favole (Ponte alle Grazie, 2019), ha vinto il Premio Viareggio per la narrativa[5] e la XVIII edizione del Premio Pianeta Azzurro - I Contemporanei, creato dalla scultrice Alba Gonzales.

Collabora con Radio 3[6] e ha scritto su diverse riviste come Nuovi Argomenti, Il caffè illustrato e su quotidiani quali la Repubblica, la Stampa e il manifesto.

È stato sposato con la scrittrice Chiara Gamberale dal 2009 al 2011[7][8].

Pensiero[modifica | modifica wikitesto]

Trevi riprende da Elémire Zolla la teoria iniziatica della letteratura, concependo l'opera scritta come la guida rivelatrice di un percorso graduale a tappe orientato all'«accesso alle verità nascoste dell'esistenza» e come uno strumento di autotrasformazione dell'autore e dei suoi lettori.
Secondo Rondini, questa teoria «si può inserire all'interno di una secolare tradizione, alchemico-iniziatica, di origine eleusina, che intende abolire i confini tra opere e vita ... la letteratura diviene una pratica con cui esercitare un vero e proprio "lavoro su di sé"».[9]

Gli interlocutori attuali o intellettuali di Trevi comprendono anche storici delle religioni (Schuré, Corbin, Eliade), narratori (Apuleio, Melville, Collodi, V. Woolf, Joyce), protagonisti di viaggi iniziatici (Artaud), scrittori e critici (Agamben, Zolla, Citati, Calasso, C. Campo).[9]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • Anonimo Fiorentino, Storia di fra' Michele Minorita, Collana «Minima» n.16, Roma, Salerno, 1991, ISBN 978-88-840-2065-9.
  • Tavola ritonda, Collezione Classici Rizzoli, Milano, Rizzoli, 1999, ISBN 978-88-171-8944-6. [classico italiano del XIV secolo]
  • a cura di M.Lodoli e E.Trevi, Storie della vita. L'antologia come un romanzo, Bologna, Zanichelli, 2005, ISBN 9788808071576.

Introduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Articoli notevoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Amore, figura e intendimento. Osservazioni sull'allegoria in Cavalcanti e nella «Vita Nuova» [di Dante Alighieri ], «La Cultura», 27 (1989), 143-154.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Emanuele Trevi, I cani del nulla < Libri < Einaudi
  2. ^ Lodoli Marco, Trevi Emanuele - STORIE DELLA VITA - Zanichelli
  3. ^ RSI Radiotelevisione svizzera Archiviato il 10 agosto 2014 in Internet Archive.
  4. ^ edizioni 2007-2011, su premionapoli.it. URL consultato il 22 agosto 2019.
  5. ^ Marco Gasperetti, Trevi, Minore e Ricci vincono il premio Viareggio-Rèpaci, su corriere.it, 24 agosto 2019. URL consultato il 25 agosto 2019.
  6. ^ http://www.radio3.rai.it/dl/radio3/programmi/puntata/ContentItem-52c79cee-8e17-41f4-bace-57e115c298e7.html
  7. ^ Le luci nelle case degli altri, il nuovo libro di Chiara Gamberale. Intervista all'autrice - Style.it Archiviato il 14 gennaio 2014 in Internet Archive.
  8. ^ Chiara Gamberale: "In amore siamo tutti difettosi" - Io Donna, su iodonna.it, 5 febbraio 2016. URL consultato il 30 agosto 2016.
  9. ^ a b Andrea Rondini, Emanuele Trevi e la teoria iniziatica della letteratura (PDF), in Enthymema, n. 11, Università di Macerata, 27 dicembre 2014, DOI:10.13130/2037-2426/4355, ISSN 2037-2426 (WC · ACNP), OCLC 7180834304. URL consultato il 13 febbraio 2020 (archiviato il 13 gennaio 2015). Ospitato su archive.is.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85373356 · ISNI (EN0000 0001 2142 0846 · SBN IT\ICCU\MILV\039267 · LCCN (ENn99035745 · GND (DE1082452262 · BNF (FRcb133350138 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n99035745