Antonino Foschini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Antonino Foschini (Penne, 18981948) è stato uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Penne, in provincia di Pescara, diresse la rivista Il Fuoco, da lui fondata, dal 1914[1] al 1915, anno in cui cessò di essere pubblicata.[2] In gioventù aderì al fascismo; scrisse alcune biografie di personaggi storici, tra cui quella di François Villon, che gli valse il Premio Viareggio 1932.[3] Diventato oppositore del fascismo fu deportato nei campi di concentramento nazisti. Riuscì a sopravvivere alla deportazione, ma segnato nello spirito e nel corpo dalle torture fisiche e psicologiche, morì pochi anni dopo il suo rientro in Italia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Biografie[modifica | modifica wikitesto]

  • L'Aretino, Milano, Moderna, 1931
  • L'avventura di Villon, Milano, Atlante, 1932
  • Cesare, Milano, Marangoni, 1936
  • Baracca, Roma, Editoriale Aeronautica, 1938

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • Un filosofo della guerra: Diego Ruiz, Bologna, Il Fuoco, 1914
  • Henri Barbusse, Milano, L'Ardito, 1921
  • Pietro Aretino, I ragionamenti, Milano, Dall'Oglio
  • Il volo in Italia, Roma, Editoriale Aeronautica, 1939 (con Federigo Valli)
  • Vita e poesia di Mecenate, Roma, Augustea, 1941
  • Romanità di Carlo Magno, Roma, Edizioni Di Documento, 1942

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il fuoco : rassegna d'arte e di pensiero
  2. ^ Marcella Bencivenni, A Magazine of Art and Struggle: The Experience of Il Fuoco, 1914-1915, in Italian American Review, 2001, 57-84.
  3. ^ Premio letterario Viareggio-Rèpaci, su premioletterarioviareggiorepaci.it. URL consultato il 9 agosto 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Primo Conti; Giuseppe Raimondi, Carteggio 1918-1980, a cura di Patrizia Mania, Edizioni di Storia e Letteratura, 2001, p. 9.
  • A cura di Enrico Bittoto, La vita tumultuosa di Antonino Foschini, Edizioni Pendragon, 2016

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN65034567 · ISNI (EN0000 0000 3656 1898 · LCCN (ENn97090001 · GND (DE127612858 · BNF (FRcb11145244p (data) · BAV ADV10171117 · WorldCat Identities (ENn97-090001