Arturo Tofanelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Arturo Tofanelli (Cerreto Guidi, 10 maggio 1908Milano, 2 settembre 1994) è stato uno scrittore, giornalista e traduttore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Arturo Tofanelli nasce il 10 maggio 1908 a Lazzeretto (frazione di Cerreto Guidi) da Leopoldo Tofanelli e Faustina Salvadori, secondogenito di tre fratelli[1].

Nel 1925 si trasferisce con la famiglia a Milano. Qui Tofanelli finisce il liceo; nella capitale lombarda ha inizio la sua carriera di giornalista[1]. Fonda a soli 19 anni il settimanale Epoca Nuova (otto pagine in formato quotidiano) e inizia a pubblicare racconti sul periodico Meridiano di Roma. Nel 1933 arriva in finale al Premio Bagutta con i racconti contenuti nella raccolta Impossibilità di vivere[1]. Nello stesso periodo è redattore della Fiera Letteraria.

La svolta professionale arriva con la Mondadori Editore. A partire dal 1939 Tofanelli lavora in esclusiva per la casa editrice lombarda. Il suo primo incarico è la direzione della collana Lo Specchio[1], prima collana mondadoriana dedicata alla poesia. Il suo nome è legato indissolubilmente al settimanale Tempo, fondato proprio nel 1939. Pochi mesi dopo la nascita (7 giugno) Tofanelli è nominato redattore capo (settembre 1939 - 1943).
Dopo l'8 settembre 1943 ripara in Svizzera, da cui torna a guerra conclusa. Nel 1945 accetta l'incarico di redattore capo dell'Avanti![1]. Riceve in regalo la proprietà della testata Tempo dalla Mondadori (in quel periodo impegnata ad allargare il bacino dei lettori di libri), trova un nuovo editore in Aldo Palazzi e il 17 gennaio 1946 Tempo ritorna in edicola. Tofanelli guiderà ininterrottamente il settimanale per ventidue anni, fino al 1968. Tempo diventa uno dei più diffusi rotocalchi italiani di attualità, secondo solo a L'Europeo di Arrigo Benedetti[1]. Tofanelli tiene personalmente la rubrica di dialogo con i lettori. L'altro fiore all'occhiello di Tofanelli è la rivista Pirelli, dedicata alle produzioni della nota casa automobilistica. Diretta fino al 1957[1], Tofanelli la fa diventare, da semplice rivista di settore, un prodotto attraente e piacevole.

Dopo la conclusione dell'esperienza con Tempo, Tofanelli si dedica all'editoria. Inventa il periodico Successo, primo esempio di mensile dedicato all'economia, e crea due nuovi settimanali, Il Lombardo (formato quotidiano, 48 pp., uscito nel 1973) e Lo Speciale. Il suo maggiore collaboratore in queste iniziative è Francesco Frigieri. Esse però non riscuotono il successo sperato[1].

Parallelamente all'attività giornalistica Tofanelli è traduttore e narratore. Nel 1957 viene insignito del Premio Viareggio ex aequo con Italo Calvino e Natalia Ginzburg per la raccolta L'uomo d'oro[2][3].

Muore il 2 settembre 1994 a Milano in una clinica dove è ricoverato per una broncopolmonite[4]. Viene sepolto nel cimitero di Bruzzano; i resti sono poi stati tumulati in una celletta[5].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Si sposa tre volte, la prima nel 1935 con Maria Stevanini e la seconda nel 1948 con Marta Sonaré. Legatosi sentimentalmente con l'attrice Dorian Gray negli anni sessanta, la coppia ha un figlio, Massimo Arturo, nato nel 1963[6]. Nel 1970 Tofanelli celebra il terzo e ultimo matrimonio con Jole Frigeri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Quel cerretese che rivoluzionò il rotocalco, su ricerca.gelocal.it. URL consultato l'8 marzo 2018.
  2. ^ Salerno, p. 130.
  3. ^ Premio letterario Viareggio-Rèpaci, su premioletterarioviareggiorepaci.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  4. ^ Morto a Milano Arturo Tofanelli, su ricerca.repubblica.it. URL consultato l'8 marzo 2018.
  5. ^ Comune di Milano, Applicazione di ricerca defunti "Not 2 4get".
  6. ^ Caccia, p. 253.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli astri fanno all'amore, Milano, Istituto Editoriale Nazionale, 1928
  • Impossibilità di vivere, Milano, Istituto Editoriale Nazionale, 1933
  • Il fiume rosso, Milano, Primi piani, 1938
  • L'uomo d'oro, Milano, Mondadori, 1957

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Splendori del vino attraverso i tempi, Milano, Istituto Editoriale Nazionale, 1928
  • Il cielo di Nuova York, Milano, Edizioni della Meridiana, 1955
  • Memorie imperfette: con i grandi del secolo terribile, Milano, GEI, 1986 ISBN 88-345-0027-X.

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • Le opere del fascismo nel decennale, Milano, Istituto Editoriale Nazionale, 1933
  • Il 1951 nel mondo: terrori e speranze, Milano, Milano nuova, 1951

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 1646 4107 · SBN IT\ICCU\CFIV\115065