Giuliana Morandini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuliana Morandini (Pavia di Udine, 1938) è una scrittrice, saggista e critica letteraria italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nativa della provincia di Udine, ha poi vissuto a Venezia e a Roma; critica letteraria, scrive di letteratura tedesca. Nelle sue opere, sia nei romanzi che nei saggi, è centrale la figura femminile. Ha vinto il Premio Prato per la narrativa nel 1978 per I cristalli di Vienna,[1] il Premio Viareggio Saggistica 1977 per E allora mi hanno rinchiusa e il Viareggio per la narrativa 1983 con il suo Caffè Specchi, mentre nel 1992 il Premio Flaiano per Sogno a Herrenberg.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • La voce che è in lei. Antologia della narrativa femminile italiana fra '800 e '900, Milano, Bompiani, 1980
  • Maria Celeste Galilei, Lettere al padre , Torino, La Rosa, 1983

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • I cristalli di Vienna, Milano, Bompiani 1978
  • Caffè Specchi, Milano, Bompiani, 1983
  • Angelo a Berlino, Milano, Bompiani, 1987, Premio Selezione Campiello[2]
  • Sogno a Herrenberg, Milano, Bompiani, 1991
  • Giocando a dama con la luna, Milano, Bompiani, 1996
  • Notte a Samarcanda, Genova, Marietti, 2006

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • E allora mi hanno rinchiusa: testimonianze dal manicomio femminile, Milano, Bompiani, 1977
  • Ricercare Carlotta, Teramo, Lisciani & Zampetti, 1979
  • Da te lontano, Trieste, Dedolibri, 1989
  • Sospiri e palpiti. Scrittrici italiane del Seicento, Genova, Marietti, 2001

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Le insensate, 2004

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Prato" alla Morandini, in La Stampa, 15 settembre 1978, p. 13.
  2. ^ Premio Campiello, opere premiate nelle precedenti edizioni, su premiocampiello.org. URL consultato il 24 febbraio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN14879126 · ISNI (EN0000 0001 1598 5867 · SBN IT\ICCU\CFIV\023902 · LCCN (ENn86048454 · GND (DE119448971 · BNF (FRcb125132610 (data)