Lucio d'Alessandro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lucio d'Alessandro
Lucio d'Alessandro e Sergio Mattarella.jpg
Lucio d'Alessandro (a destra) con il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella

Rettore dell'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa
In carica
Inizio mandato 26 maggio 2011
Predecessore Francesco Maria De Sanctis

Presidente pro tempore della Conferenza dei rettori delle università italiane
Durata mandato 10 gennaio 2020 –
20 febbraio 2020
Predecessore Gaetano Manfredi
Successore Ferruccio Resta

Rettore dell'Università degli Studi del Molise
Durata mandato 1º novembre 1990 –
31 ottobre 1995
Predecessore Giovanni Palmerio
Successore Giovanni Cannata

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università di Napoli
Professione Sociologo, Avvocato, Docente universitario

Lucio d'Alessandro (Napoli, 4 aprile 1951) è un sociologo e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È rettore dell'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli dal 2011, nella quale è anche professore ordinario di Sociologia del diritto (Facoltà di Giurisprudenza) e Sociologia giuridica (Facoltà di Scienze dell'Educazione).[1] È dal 2014 vicepresidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane,[2] della quale è stato anche Presidente pro tempore nei primi mesi del 2020 in seguito alle dimissioni di Gaetano Manfredi, nominato Ministro dell'università e della ricerca; grazie a ciò, è diventato il primo rettore di un'università non statale a ricoprire tale carica.[3]

Il 25 febbraio 2021 è stato nominato vicepresidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).

Coordinatore della Sezione di Sociologia del Diritto dell'Associazione Italiana di Sociologia, ha concentrato la sua attività di studioso soprattutto sull'utilitarismo morale tra Settecento e Ottocento, con attenzione specifica all'opera politica e filosofica di Jeremy Bentham, e sul pensiero di Michel Foucault, di cui ha approfondito la concezione della genealogia del sociale. Si è inoltre occupato del moderno concetto di Università, a partire dal pensiero di Humboldt e Schleiermacher.

Alla produzione scientifica nel settore della sociologia del diritto, ha affiancato la narrativa, in particolare con il romanzo Il medico dei vicoli.[4][5][6] È stato Rettore dell'Università degli Studi del Molise dal 1990 al 1995.[7] Ha vinto il Premio letterario Internazionale Viareggio Rèpaci 2016 ("premio speciale del Presidente per la narrativa") per il romanzo Il dono di Nozze. Romanzo epistolare involontario sui Reali d'Italia scritto nel 1896 da Gabriele D'Annunzio e altri personaggi d'alto affare, edito da Mondadori.[8]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Trilogia di Topolino, illustrazioni di Lello Esposito, Napoli, Guida Editori, 2019, ISBN 978-88-68665-27-2.
  • Diritto e società. Per un immaginario della cultura giuridica, Guida Editori, 2018, ISBN 978-88-686-6424-4
  • Il dono di nozze. Romanzo epistolare involontario sui Reali d'Italia scritto nel 1896 da Gabriele D'Annunzio e altri personaggi d'alto affare, Mondadori, 2015, ISBN 9788891806635
  • Il medico dei vicoli, Sperling & Kupfer, 2010, ISBN 978-88-200-4913-3
  • Universitas, exodus, communitas, Napoli: Pubblicazioni Universitarie (Università degli Studî Suor Orsola Benincasa), 2011 ISBN 978-88-96055-35-9
  • Decisione del legislatore e interpretazione del giudice. Genealogia di un'utopia permanente, Napoli: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, 2009 ISBN 978-88-96055-38-0
  • Foucault. Lieux d'une permanence, l'Harmattan, Parigi, 1998.
  • Comunità politica e pena di morte. Note su Vittorio Imbriani, Napoli: Guida, 1990 ISBN 88-7835-064-8
  • Pasquale Stanislao Mancini e l'eredità del Riformismo meridionale, Napoli, 1988.
  • Giustizia e legge nel Critone. Note su recenti interpretazioni platoniche, Napoli, Pubblicazioni Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, 1984.
  • La «riabilitazione della filosofia pratica» in Germania e la ripresa della topica di Giambattista Vico, Napoli: Pubblicazioni Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, 1984.
  • Per una genealogia del sociale. Saggio su Michel Foucault, Napoli: La Buona Stampa, 1984.
  • Stato e Università nel pensiero di Schleiermacher, Napoli: Pubblicazioni dell'Istituto Universitario di Magistero, 1984.
  • Potere e scena barocca, Napoli, La Buona Stampa, 1983.
  • Utilitarismo morale e scienza della legislazione. Studio di Jeremy Bentham, Napoli: Guida, 1981.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prof. Lucio d’Alessandro, su UniSOB.it. URL consultato il 16 ottobre 2018.
  2. ^ Crui, Lucio d'Alessandro vicepresidente, in Corriere del Mezzogiorno. URL consultato il 29 luglio 2015.
  3. ^ Lucio d’Alessandro, staffetta napoletana al vertice della Conferenza dei Rettori, su Il Denaro, 29 gennaio 2020. URL consultato il 19 marzo 2020.
  4. ^ "Medico dei vicoli", di Lucio D'Alessandro [collegamento interrotto], su la-mattina.it. URL consultato il 29 luglio 2015.
  5. ^ Successo del libro “Il medico dei vicoli”, edito dalla Sperling & Kupfer, scritto da Lucio d’Alessandro., su positanonews.it. URL consultato il 29 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  6. ^ Il medico dei vicoli, storia di una conversione, in La Repubblica. URL consultato il 29-luglio 2015.
  7. ^ Lucio d'Alessandro confermato alla guida del Suor Orsola Benincasa fino al 2019, su ateneapoli.it. URL consultato il 29 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2015).
  8. ^ Premio Letterario Viareggio Rèpaci, su www.premioletterarioviareggiorepaci.it. URL consultato il 5 settembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Rettore dell'Università degli Studi "Suor Orsola Benincasa" Successore SuorOrsolaBenincasalogo.png
Francesco Maria De Sanctis dal 26 maggio 2011 in carica
Predecessore Rettore dell'Università degli Studi del Molise Successore Unimol.png
Giovanni Palmerio 1º novembre 1990 - 31 ottobre 1995 Giovanni Cannata
Controllo di autoritàVIAF (EN116478062 · ISNI (EN0000 0000 8325 4006 · SBN IT\ICCU\CFIV\015019 · LCCN (ENn83048367 · WorldCat Identities (ENlccn-n83048367