Alessandro Piperno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alessandro Piperno (Roma, 25 marzo 1972) è uno scrittore, critico letterario e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini ebraiche da parte di padre, dopo aver iniziato gli studi universitari a Pisa si è laureato in Letteratura francese presso l'Università degli Studi di Roma Tor Vergata, dove ha insegnato a contratto la medesima materia ed è divenuto ricercatore dall'ottobre 2008. Nel 2000 ha pubblicato per FrancoAngeli il saggio critico Proust antiebreo, sulla figura di Marcel Proust. È redattore della rivista Nuovi Argomenti[1].

Nel 2005 ha pubblicato il suo primo romanzo, Con le peggiori intenzioni, con quasi 200 000 copie vendute in pochi mesi, e con quale vince il premio Viareggio[2] e il premio Campiello opera prima[1]. Il romanzo narra le vicende di mezzo secolo della famiglia Sonnino e, in particolare, del suo membro più giovane, Daniel.

Nel 2010 ha pubblicato Persecuzione, prima parte di un dittico intitolato Il fuoco amico dei ricordi; la seconda parte, Inseparabili, è stata pubblicata nel 2012.

Nel 2016 ha pubblicato il suo quarto romanzo, Dove la storia finisce.

È il vincitore del Premio Strega 2012 con Inseparabili.[3]

Da novembre 2020 è stato nominato direttore della collana editoriale I Meridiani [4].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Proust antiebreo, Collana di Critica letteraria e Linguistica, Milano, FrancoAngeli, 2000, ISBN 88-464-1876-X.
  • Il demone reazionario: sulle tracce del «Baudelaire» di Sartre, Collana Ingegni, Roma, Gaffi, 2007, ISBN 978-88-87803-84-6.
  • Contro la memoria, Roma, Fandango libri, 2012, ISBN 978-88-6044-279-6.
  • Prefazione a: Giuseppe Iannaccone, Italo Svevo. Lo scrittore in fuga, Collana Piccole biografie, Portaparole, 2009, ISBN 978-88-894-2165-9.
  • Pubblici infortuni, Collana Libellule, Milano, Mondadori, 2013, ISBN 978-88-04-62859-0.
  • Il manifesto del libero lettore. Otto scrittori di cui non so fare a meno, Collana Scrittori italiani e stranieri, Milano, Mondadori, 2017, ISBN 978-88-04-67401-6.
  • Postfazione a: Claudio Bondì e Stefano Piperno, Perché ci siamo salvati, Marsilio, 2020.
  • Proust senza tempo, Collana Scrittori italiani e stranieri, Milano, Mondadori, 2022, ISBN 978-88-047-4984-4.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Profilo biografico Archiviato il 12 gennaio 2012 in Internet Archive. dal sito di Fahrenheit (Radio 3)
  2. ^ Premio letterario Viareggio-Rèpaci, su premioletterarioviareggiorepaci.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  3. ^ 2012, Alessandro Piperno, su premiostrega.it. URL consultato il 13 maggio 2019.
  4. ^ https://www.corriere.it/cultura/20_novembre_04/piperno-guida-meridiani-la-felicita-classici-sfida-59fbcfb6-1dfb-11eb-9970-42ca5768e0fd.shtml

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85750539 · ISNI (EN0000 0001 0921 8610 · SBN RAVV220216 · Europeana agent/base/111402 · LCCN (ENno2001018709 · GND (DE131368893 · BNE (ESXX1772296 (data) · BNF (FRcb13574847q (data) · J9U (ENHE987007308645905171 · NSK (HR000628960 · WorldCat Identities (ENlccn-no2001018709