Alessandro Piperno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alessandro Piperno (Roma, 25 marzo 1972) è uno scrittore, critico letterario e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini ebraiche da parte di padre, dopo aver iniziato gli studi universitari a Pisa si è laureato in Letteratura francese presso l'Università degli Studi di Roma Tor Vergata, dove ha insegnato a contratto la medesima materia ed è divenuto ricercatore dall'ottobre 2008. Nel 2000 ha pubblicato per FrancoAngeli il saggio critico Proust antiebreo, sulla figura di Marcel Proust. È redattore della rivista Nuovi Argomenti[1].

Nel 2005 ha pubblicato il suo primo romanzo, Con le peggiori intenzioni, con quasi 200.000 copie vendute in pochi mesi, e con quale vince il premio Viareggio[2] e il premio Campiello opera prima[1]. Il romanzo narra le vicende di mezzo secolo della famiglia Sonnino e in particolare del suo membro più giovane, Daniel.

Nel 2010 ha pubblicato Persecuzione, prima parte di un dittico intitolato Il fuoco amico dei ricordi; la seconda parte, Inseparabili, è stata pubblicata nel 2012.

Nel 2016 ha pubblicato il suo quarto romanzo, Dove la storia finisce.

È il vincitore del Premio Strega 2012 con Inseparabili.[3]

Da novembre 2020 è stato nominato direttore dei I Meridiani [4].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Postfazione a: Claudio Bondì e Stefano Piperno, Perché ci siamo salvati, Marsilio, 2020.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Profilo biografico Archiviato il 12 gennaio 2012 in Internet Archive. dal sito di Fahrenheit (Radio 3)
  2. ^ Premio letterario Viareggio-Rèpaci, su premioletterarioviareggiorepaci.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  3. ^ 2012, Alessandro Piperno, su premiostrega.it. URL consultato il 13 maggio 2019.
  4. ^ https://www.corriere.it/cultura/20_novembre_04/piperno-guida-meridiani-la-felicita-classici-sfida-59fbcfb6-1dfb-11eb-9970-42ca5768e0fd.shtml

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85750539 · ISNI (EN0000 0001 0921 8610 · SBN IT\ICCU\RAVV\220216 · Europeana agent/base/111402 · LCCN (ENno2001018709 · GND (DE131368893 · BNF (FRcb13574847q (data) · BNE (ESXX1772296 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2001018709