Andrea Tarabbia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Andrea Tarabbia (Saronno, 28 maggio 1978) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vive a Bologna[1]. Dal 2006 al 2012 ha fatto parte della redazione della rivista Il primo amore[2][3]. Ha collaborato alle riviste L'Indice dei libri del mese, IL, Vanity Fair, Liberazione, Playboy[4]. Nell'ottobre del 2016 vince il Premio Letterario Alessandro Manzoni - città di Lecco[5] con il romanzo Il giardino delle mosche: vita di Andrej Čikatilo, con cui è entrato anche nella Selezione Premio Campiello del 2016.[6]

È stato redattore del sito di promozione della letteratura italiana all'estero Books in Italy.[7]

Con Madrigale senza suono ha vinto nel 2019 la 57esima edizione del Premio Campiello[8].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ La storia della rivista sul sito ufficiale
  3. ^ a b c d Presentazione video di La buona morte sul sito Rai Cultura
  4. ^ Scheda biografica su La ventinovesima ora
  5. ^ edizioni precedenti, su premiomanzonilecco.it. URL consultato il 4 agosto 2019.
  6. ^ Vincitori Premio Campiello edizione 54a, su premiocampiello.org. URL consultato il 6 giugno 2019.
  7. ^ [2]
  8. ^ Premio Campiello, Andrea Tarabbia vince con 'Madrigale senza suono', su quotidiano.net, 14 settembre 2019. URL consultato il 14 settembre 2019.
  9. ^ Recensione di Piersandro Pallavicini su "Tuttolibri", 26 giugno 2010
  10. ^ Francesco M. Cataluccio, Il demonio ha casa a Beslan recensione sul domenicale de Il Sole 24 ORE del 16 ottobre 2011
  11. ^ Ad Andrea Tarabbia il Premio Campiello, su ansa.it, 14 settembre 2019. URL consultato il 14 settembre 2019.
  12. ^ Giuseppe Dierna, I diari diabolici di Bulgakov, in attesa del Maestro e Margherita Recensione su la Repubblica del 25 novembre 2012

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN168908544 · ISNI (EN0000 0001 1799 0758 · LCCN (ENn2011018655 · WorldCat Identities (ENn2011-018655