Luciano Marigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Luciano Marigo (Schio, 30 dicembre 1931Santorso, 29 dicembre 2017[1]) è stato uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Schio nel 1931, si laureò all'Università di Genova in Lettere, con una tesi su Clemente Rebora.

Il suo libro Due giorni con Chiara, ambientato sulle strade della Vicenza alla fine degli anni 70 gli permise di vincere il Premio Selezione Campiello [2] : concorse anche al Premio Strega [3].

Morì sul finire del 2017 per un infarto.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La capra semita, Rebellato, Padova, 1963
  • La fatica di non credere, Il Regno, 1967
  • Due giorni con Chiara, Città Armoniosa, Reggio Emilia, 1979
  • Donna Assurda, Città Armoniosa, Reggio Emilia, 1980
  • L'ultimo giorno, Città Armoniosa, Reggio Emilia, 1990
  • La stanza del cuore, Santi Quaranta, 2004[4]
  • "Il dono dello stupore", Paoline, 2015
  • "Racconti per tempi post-cristiani", Asterios, 2017
  • "Se questa è la vita", romanzo postumo, Asterios 2018 (recensione: "Il Giornale di Vicenza")

Attività giornalistica[modifica | modifica wikitesto]

Scrisse racconti e saggi critici per: Avvenire, Il giornale di Vicenza, Il Sabato, Aevum, Sigma

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1979, Premio Selezione Campiello

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Pappalardo La Rosa, La storia di una "riconversione", L'Umanità, Roma, 31 gennaio 1980.
  • Chiara Bragiola, Tre storie, un'unica fede - La narrativa di Luciano Marigo, Quaderni di Schio, Menin Edizioni, 2001, 52 pag.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN40997467 · ISNI (EN0000 0000 3343 4009 · SBN IT\ICCU\CFIV\109493 · LCCN (ENn90639396 · WorldCat Identities (ENn90-639396