Ferruccio Parazzoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferruccio Parazzoli

Ferruccio Parazzoli (Roma, 1935) è uno scrittore e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ferruccio Parazzoli, nato a Roma nel 1935, vive a Milano. Lavora nell'editoria dove è stato a contatto con i maggiori autori del '900 e dove ha diretto per dieci anni gli Oscar Mondadori. È autore di numerosi romanzi, saggi, racconti, vincitori dei più importanti premi letterari nazionali e finalisti al Premio Campiello (1977 e 1982) e al Premio Strega (1985 e 2017).

Con il romanzo ucronico 1994 - La nudità e la spada (1990) immagina di scrivere nel 2015, dopo un ventennio dal fatto cruciale di fine millennio: la fine cruenta del cristianesimo a causa di un colpo di Stato avvenuto nel 1994.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • Questa è mia madre: venti scrittori italiani raccontano la loro madre, Milano, Edizioni paoline, 1997
  • Mompracem!, Milano, Mondadori, 2002 (con Antonio Franchini)

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • O città o Milano, Roma, Coines, 1976
  • Il giro del mondo, Milano, Bompiani, 1977
  • Le nozze, Milano, Bompiani, 1978
  • Carolina dei miracoli, Milano, Rusconi, 1979
  • Tra lo stipite e il gelso, Firenze, Pananti, 1979
  • Il bicchiere rovesciato, Firenze, Pananti, 1981
  • Uccelli del paradiso, Milano, Mondadori, 1982
  • Le briciole agli uccelli, Torino, Edizioni Paoline, 1984
  • Il giardino delle rose, Milano, Rizzoli, 1985
  • Vigilia di Natale, Milano, Rizzoli, 1987
  • 1994 - La nudità e la spada, Milano, Mondadori, 1990
  • Il barista è sempre pallido, Milano, Club della famiglia, 1991
  • La strega e il presidente, Milano, Mondadori, 1992
  • Il tempo in villa, Milano, Longanesi, 1994
  • Esercizi lauretani, Ancona, Transeuropa, 1995 (con altri)
  • L'ago e il cammello, Milano, Longanesi, 1996
  • Possibile che sia già primavera? e altri racconti, Roma, Viviani, 1997
  • Ti vestirari del tuo vestito bianco, Milano, Frassinelli, 1997
  • La camera alta, Milano, Mondadori, 1998
  • L'angelo strabico: appunti dal cuore della notte, Gorle, Servitium, 2001
  • Nessuno muore, Milano, Mondadori, 2001
  • MM rossa, Milano, Mondadori, 2003
  • I demoni (con Giuseppe Genna e Michele Monina), Ancona, Pequod Edizioni, 2003
  • Per queste strade familiari e feroci (risorgerò), Milano, Mondadori, 2004
  • L'evacuazione, Milano, Mondadori, 2005
  • Piazza bella piazza, Milano, Mondadori, 2006
  • Quanto so di Anna, Milano, Mondadori, 2007
  • Adesso viene la notte, Milano, Mondadori, 2008
  • Il tribunale dei bambini, Milano, Mondadori, 2009
  • Il posto delle cornacchie: nuovi appunti dal cuore della notte, Milano, Ares, 2010
  • Altare della Patria, Milano, Il Saggiatore, 2011
  • La leggenda del cieco samurai, Borgomanero, Ladolfi, 2011
  • Il mondo è rappresentazione, Milano, Mondadori, 2011
  • Il tesoro del polpo zoppo, Milano, Mursia, 2012
  • Il vecchio che guardava tramontare i tramonti, Milano, Rizzoli, 2013
  • Il fantasma di Dio. Ricognizioni dal sottosuolo, Milano, il Saggiatore, 2013
  • Né potere né gloria, Milano, Rizzoli, 2014
  • Nessuno muore, Milano, il Saggiatore, 2014
  • Infinita commedia, Milano, Rizzoli, 2015
  • Il rito del saluto, Milano, Bompiani, 2016
  • Amici per paura, Milano, SEM, 2017
  • Missa solemnis, Milano, Bompiani, 2017

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Indagine sulla crocefissione, Milano, Rusconi, 1982
  • Breviario familiare: il Vangelo della domenica per tutti i giorni della settimana, Milano, Edizioni paoline, 1987
  • Gesù e le donne, Milano, Edizioni paoline, 1989
  • Io credo?, Casale Monferrato, Piemme, 1995
  • Vita di Gesù, Milano, Mondadori, 1999
  • Simone Bariona: il pescatore di Cafarnao, Gorle, Servitium, 2007
  • Inventare il mondo: teoria e pratica del racconto, Milano, Garzanti, 2009
  • Eclisse del dio unico, Milano, Il Saggiatore, 2012
  • Gesù e le donne, Milano, Paoline, 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Carlo Pagetti, Ferruccio Parazzoli, in John Clute, David Langford e Peter Nicholls (a cura di), The Encyclopedia of Science Fiction, III edizione online, 2011-2015. URL consultato il 28 aprile 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN71447308 · ISNI: (EN0000 0000 7831 9346 · SBN: IT\ICCU\CFIV\017910 · LCCN: (ENn79060343 · GND: (DE119488582 · BNF: (FRcb12254177n (data) · NLA: (EN35681889