Oscar Mondadori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Copertina del primo numero della collana, con il romanzo di Ernest Hemingway Addio alle armi, pubblicato il 27 aprile 1965.[1]

Gli Oscar Mondadori sono una collana italiana di libri tascabili edita dalla Arnoldo Mondadori Editore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Arnoldo Mondadori con Ernest Hemingway: lo scrittore fu il primo autore pubblicato nella collana nel 1965

La collana vanta un primato: è stata la prima collana tascabile italiana a esordire nelle edicole.[2] I libri uscivano tutte le settimane come "pubblicazione periodica", dunque beneficiavano degli sgravi fiscali concessi alla stampa. La prima pubblicazione fu il romanzo Addio alle armi di Ernest Hemingway. Fu stampato in 60.000 copie, che andarono tutte esaurite nel primo giorno di uscita, il 27 aprile 1965[3]. Ogni libro della collana costava 350 lire (circa 3 euro del 2006), l'equivalente di un biglietto per il cinema. Il primo slogan degli Oscar, "I libri-transistor", fu coniato dal poeta Vittorio Sereni, che lavorava alla collana insieme ad Alberto Mondadori, figlio di Arnoldo. Il genere letterario privilegiato della collana fu il romanzo, che permetteva le tirature più alte[1].

Il successo della collana scatenò una vera e propria "corsa al tascabile" da parte degli editori concorrenti: le uscite si moltiplicarono, scatenando un'inflazione di titoli nelle edicole, che portò dopo un anno a una rapida contrazione delle vendite. Ma intanto gli Oscar si erano conquistati la posizione di leader del mercato: Un amore, di Dino Buzzati, vendette 400.000 copie ma il vero long-seller fu La ragazza di Bube di Carlo Cassola con 446.800 copie vendute in sei anni.

Nel 1967 prese le redini della collana Mario Spagnol. Gli Oscar cambiano gradualmente aspetto: mutano il logo (assumendo quello attuale: la silhouette del Premio Oscar all'interno di una O); si differenziano in diverse collane (Oscar gialli, fantascienza, etc.), escono dall'ambito puramente letterario pubblicando manuali e anche fumetti (anche se all'inizio il formato standard non è proprio congeniale), mentre i classici vengono ristampati con paratesti critici di tutto rispetto, allo scopo di conquistare il pubblico scolastico. A questa crescita quantitativa e qualitativa corrisponde una sensibile[senza fonte] crescita del prezzo di copertina. Gradualmente, gli Oscar tornano dalle edicole alle librerie, diventando una sorta di "casa editrice nella casa editrice". Dal 1973 il successore di Spagnol è Alceste Nomellini.

Nel 1984 gli Oscar vengono rilanciati da Ferruccio Parazzoli: nuovi titoli (60% di novita), ristrutturazione delle collane, campagne promozionali e un nuovo slogan: "Negli Oscar c'è"[1]. Nella stagione calcistica 1984-85, Oscar Mondadori è stato sponsor di maglia del Milan. Nel 1995 la Mondadori ha varato una nuova collana di tascabili supereconomici: i Miti. Concepiti per raggiungere una vasta diffusione, sono distribuiti contemporaneamente in libreria, edicola e supermercato.

Nel 2006 gli Oscar rappresentavano il 45% del fatturato della Mondadori Editore. Nel 2012 hanno superato i 4.000 titoli in catalogo, ripartiti in 18 sottocollane[1]. A partire dalla primavera 2016 la collana ha subito una profonda rivisitazione della grafica a cura dello studio Leftloft. Le nuove copertine delle collane Oscar moderni ed Oscar classici sono prive dell'angolo in alto a destra mentre i libri della collana Oscar gialli hanno adesso un foro circolare al centro della copertina.[4]

Elenco delle sottocollane dal 1965 ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Gli Oscar, i libri-transistor che fanno biblioteca

Gli Oscar, i libri-transistor che fanno biblioteca, presentano settimanalmente i capolavori della letteratura e le storie più avvincenti in edizione integrale supereconomica per il tempo libero. Gli Oscar sono i libri 1965 per gli italiani che lavorano: per gli operai, per i tecnici, per gli impiegati, per i funzionari, per i dirigenti, per i professionisti, per gli studenti, per la famiglia, per tutti i membri attivi e informati della società. A casa, in tram, in autobus, in filobus, in metropolitana, in automobile, in taxi, in treno, in barca, in motoscafo, in transatlantico, in jet, in fabbrica, in ufficio, al bar, nei viaggi di lavoro, nei week-end, in crociera, Gli Oscar saranno sempre nella vostra tasca, sempre a portata di mano. Con Gli Oscar una casa editrice tradizionalmente all'avanguardia ha ideato e creato il libro settimanale di altissimo livello per un pubblico in movimento. Gli Oscar sono gli Oscar dei libri: si rinnovano ogni settimana, durano tutta la vita.
Il famoso risvolto nella seconda di copertina, contenente il "manifesto" dei libri settimanali Mondadori.

  • Oscar
  • Oscar arte (1975-77)
  • Oscar attualità (1982-89)
  • Oscar bestsellers (1996-oggi)
  • Oscar biblioteca (1978-82)
  • Oscar biografie e storia
  • Oscar biografie (1983-92)
  • Oscar cartoons (1972-78)
  • Oscar casa (1970-77)
  • Oscar classici
  • Oscar classici greci e latini (1991-)
  • Oscar classici moderni (1988-)
  • Oscar cofanetto
  • Oscar cucina (1990-93)
  • Oscar del crimine (1972-75)
  • Oscar del giallo (1972-78)
  • Oscar del ridere (1972-75)
  • Oscar dizionari (1989-95)
  • Oscar documenti
  • Oscar fantascienza (1973-94)
  • Oscar fantascienza, fantasy, horror (1977-85)
  • Oscar Fantastica (2016-oggi)
  • Oscar fantasy (1989-94)
  • Oscar fiabe e leggende di tutto il mondo (1991-2001), 35 titoli
  • Oscar fiabe regionali italiane (1982-90), 18 titoli[5]
  • Oscar fumetti (1970-83)
  • Oscar gialli (G)
  • Oscar giochi (1987-94)
  • Oscar grandi best seller
  • Oscar grandi classici
  • Oscar guide
  • Oscar guide di Starbene
  • Oscar guide pratiche e manuali
  • Oscar guide per negati (2006-)
  • Oscar horror (1989-92)
  • Oscar junior (2010-)
  • Oscar illustrati
  • Oscar illustrati le grandi guide (1986-88)
  • Oscar illustrati tutto (1987-95)
  • Oscar libreria (L)
  • Oscar leggere i classici (1993-99)
  • Oscar letture
  • Oscar letture per la scuola
  • Oscar letture per la scuola media
  • Oscar maestri del pensiero moderno (1990-92)
  • Oscar manuali
  • Oscar manuali il mio futuro (1987)
  • Oscar mensili (1965-67)
  • Oscar miti
  • Oscar moderni
  • Oscar musica (1982-85)
  • Oscar narrativa (N)
  • Oscar narratori del Novecento
  • Oscar narratori italiani (1992-93)
  • Oscar Novecento
  • Oscar opere di
    • Italo Calvino (1994-)[6]
    • Gabriele D'Annunzio
    • Friedrich Nietzsche (1971-83)
    • Luigi Pirandello
  • Oscar originals (1989-90)
  • Oscar original (1997-98)
  • Oscar oro (1983-90)
  • Oscar per conoscere (1970-92), 20 titoli
  • Oscar poesia
  • Oscar poesia del Novecento
  • Oscar poesia e teatro
  • Oscar Quark (2002-04)
  • Oscar ragazzi
  • Oscar saggi
  • Oscar salute e benessere (1998-99)
  • Oscar scrittori del Novecento
  • Oscar scrittori moderni (2006-)
  • Oscar sport (1973-77)
  • Oscar storia (1990-)
  • Oscar studio (S)
  • Oscar studio dizionari (1973-84)
  • Oscar studio enciclopedia filosofica (1980-85)
  • Oscar supermanuali (1983-97)
  • Oscar teatro
  • Oscar Teatro alla Scala (1983-86)
  • Oscar teatro e cinema (1985-87)
  • Oscar umorismo (1979-82)
  • Oscar uomini e religioni (1984-2001)
  • Oscar varia
  • Oscar viaggi (1990-92)
  • Oscar western (1981-87)
  • Piccola biblioteca Oscar

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d G. C. Ferretti, G. Iannuzzi, Storie di uomini e libri, minimum fax, Roma 2014.
  2. ^ La prima collana di tascabili in assoluto fu invece la Biblioteca Universale Rizzoli, creata nel 1949.
  3. ^ Nella prima settimana di vendite raggiunse la quota di 210.000 copie.
  4. ^ Gli Oscar Mondadori sono cambiati, in ilpost.it, 4 novembre 2016. URL consultato il 31 luglio 2017.
  5. ^ Piemontesi, lombarde, venete, del Trentino-Alto Adige, friulane e della Venezia Giulia, liguri, romagnole e emiliane, toscane, marchigiane, umbre, di Roma e del Lazio, abruzzesi, molisane, campane, pugliesi, calabresi e lucane, siciliane, sarde.
  6. ^ Anche se Calvino era entrato nella collana dal 1980 con le Fiabe italiane e altre opere.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN177049690 · LCCN (ENn86742806 · GND (DE1097228320 · BNF (FRcb170596469 (data)