Benedetta Cibrario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Benedetta Cibrario (Firenze, 1962) è una scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Benedetta Cibrario è nata a Firenze nel 1962, da padre torinese e madre napoletana. Ha vissuto in diverse città italiane, prima di arrivare, con la famiglia, in Piemonte, in un paese dell’Alta Val di Susa, poi a Torino, dove frequenta il liceo classico Massimo d’Azeglio. Si laurea in Storia e Critica del Cinema con Gianni Rondolino, con una tesi su Michael Powell e Emeric Pressburger. Durante gli anni universitari lavora al Giornale dell’Arte, collabora saltuariamente all’Espresso e frequenta, senza diplomarsi, il corso di Archivistica, Paleografia e Diplomatica all’Archivio di Stato di Torino. Sposata, con quattro figli, per esigenze familiari e professionali comincia a trasferirsi ripetutamente tra l’Italia (Milano e la campagna grossetana) e l’Inghilterra (Londra e Oxford). Gli anni delle trasferte all’estero sono determinanti per Benedetta Cibrario, che comincia a raccogliere materiale per un romanzo che ruoti intorno al tema del rapporto tra individuo e storia, mettendo a fuoco non soltanto temi che torneranno nei romanzi seguenti ma anche sperimentando tecniche di scrittura più o meno esplicitamente suggerite dagli anni di studi cinematografici.

Nel 2007 esordisce con il romanzo Rossovermiglio (Feltrinelli, 2007), Premio Campiello 2008[1]. Rossovermiglio, romanzo di formazione che ha come sfondo l’Italia tra le due guerre e il referendum del 1946, viene tradotto e pubblicato in diversi paesi, tra cui la Germania, l’Olanda, il Portogallo, la Grecia.[2]

Nel 2009, sempre per Feltrinelli, esce Sotto cieli noncuranti, Premio Rapallo Carige 2010.[3][4] Il romanzo è un racconto d’inverno di ambientazione contemporanea, in cui l’episodio della morte di un bambino è il fulcro attorno a cui ruotano diverse voci femminili, ciascuna più o meno coinvolta e impegnata a confrontarsi con l’intollerabilità del dolore.

Nel 2011 la Cibrario torna al tema del rapporto tra il singolo e la storia con un romanzo breve intitolato Lo Scurnuso (Feltrinelli, 2011) considerato da Elisabetta Rasy quasi “una composizione musicale” (Un incanto napoletano, Il Sole 24 ore[5]) per la suddivisione in tre parti, a cui corrispondono tre diversi registri espressivi. Ne Lo Scurnuso la scrittrice “ama Napoli da lontano” come scrive Raffaele La Capria sul Corriere della Sera[6].

Nel 2019 vince il Premio letterario Basilicata con il romanzo Il rumore del mondo[7]. Il 24 novembre 2019 vince l'undicesima edizione del premio Asti d'Appello.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 2007 - Rossovermiglio, (Feltrinelli)
  • 2010 - Sotto cieli noncuranti, (Feltrinelli)
  • 2011 - Lo Scurnuso, (Feltrinelli)
  • 2012 - L'uomo che dormiva al parco, (Feltrinelli)
  • 2018 - Il rumore del mondo, (Mondadori)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Premio Campiello, opere premiate nelle precedenti edizioni, su premiocampiello.org. URL consultato il 24 febbraio 2019.
  2. ^ Rossovermiglio, su worldcat.org. URL consultato il 21 maggio 2019.
  3. ^ primocanale.it, http://www.primocanale.it/notizie/scelte-finaliste-donna-scrittrice--68337.html. URL consultato il 21 maggio 2019.
  4. ^ Donna scrittrice Benedetta Cibrario trionfa nel «Premio Rapallo Carige», su ilgiornale.it. URL consultato il 21 maggio 2019.
  5. ^ Elisabetta Rasy, Un incanto napoletano, su ilsole24ore.com. URL consultato il 21 maggio 2019.
  6. ^ Corriere della Sera del 12 settembre 2011
  7. ^ Vincitori narrativa e letteratura spirituale e poesia religiosa – Quarantottesima edizione Premio Letterario Basilicata, su premioletterariobasilicata.it. URL consultato il 29 settembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN39173743 · ISNI (EN0000 0000 7691 6200 · LCCN (ENno2008002556 · GND (DE102000262X · BNF (FRcb16182224v (data) · WorldCat Identities (ENno2008-002556