Silvia Avallone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Silvia Avallone

Silvia Avallone (Biella, 11 aprile 1984) è una scrittrice e poetessa italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver vissuto a Biella e, per alcuni anni, anche a Piombino[1], si trasferisce definitivamente a Bologna[2], nella cui università si laurea in Filosofia e si specializza in Filologia moderna[3] con una tesi su La Storia di Elsa Morante. I suoi tre romanzi sono ambientati in queste tre città.[4]

Sposata dal 2010[5], ha una figlia, Nilde, nata nel novembre 2015.[6]

Nel 2007 pubblica la raccolta di poesia Il libro dei vent'anni (Ed. della Meridiana)[7], vincitrice del premio Alfonso Gatto, sezione giovani.[8] Sue poesie e racconti appaiono su ClanDestino e Nuovi Argomenti.[9]

Con il suo romanzo d’esordio Acciaio (Rizzoli, 2010), ambientato a Piombino, vince il premio Campiello Opera Prima[10], il premio Flaiano[11], il premio Fregene[12], e si classifica seconda al premio Strega 2010.[13] Il romanzo viene tradotto in 23 lingue e in Francia, con D'Acier, vince il Prix des lecteurs de L'Express 2011.[14]

Da Acciaio è tratto il film omonimo del 2012, per la regia di Stefano Mordini, con Michele Riondino e Vittoria Puccini, prodotto da Palomar e presentato nel 2012 alla 69esima Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, all’interno delle Giornate degli Autori.[15] Sempre ad Acciaio è ispirata l'omonima canzone di Noemi che apre l'album Made in London del 2014.[16] Nel 2015 la compagnia teatrale svizzera L'outil de la ressemblance ha portato in scena lo spettacolo D'acier, tratto dalla traduzione francese del romanzo.[17]

Acciaio è stato tradotto:

  • negli Stati Uniti e nel mondo (Swimming to Elba) da Viking;
  • nei Paesi Bassi (Staal) da De Bezige Bij;
  • in Francia (D'acier) da Liana Levi;
  • in Germania (Ein Sommer aus Stahl) da Klett-Cotta;
  • in Ungheria (Acel) da Európa Könyvkiadó;
  • in Giappone da Hayakawa;
  • in Russia (Стальное лето) da Ripol;
  • in Croazia (Čelična Mladost) da Leeseopchangjak;
  • in Repubblica Ceca da Motto - Albatros Media;
  • in Svezia (Stål) da Natur & Kultur;
  • in Brasile (Aço) da Objetiva / Alfaguara;
  • in Spagna (De acero) e nel mondo ispanico da Alfaguara, in castigliano;
  • in Spagna (D'Acer) da Edicions 62, in catalano;
  • in Portogallo da A Esféra Dos Livros;
  • in Corea da Leeseopchangjak;
  • in Grecia da Synchroni orizontes;
  • in Norvegia da Aschehoug;
  • in Israele da Ofir Feldman / Kinneret Zmora;
  • in Polonia da Sonia Draga;
  • in Turchia da Parodi Kitap;
  • in Finlandia (Teräs) da Minerva Kustannus;
  • in Serbia da Evro-Giunti;
  • in Macedonia da Antolog.

Nel 2012, per gli Inediti d’autore del Corriere della Sera, esce il racconto La lince[18], che viene poi pubblicato in Francia nel 2012 dalle edizioni Liana Levi con il titolo Le lynx.[19]

Il romanzo successivo è ambientato nel Biellese e s'intitola Marina Bellezza (Rizzoli, 2013).[20] È stato tradotto in Francia, Belgio, Germania, Austria, Svizzera, Olanda, Norvegia e in Svezia.

Nel 2014 fa parte della giuria di qualità della 64ª edizione del Festival di Sanremo[21], esaudendo il sogno della protagonista Marina Bellezza.[22]

Il suo ultimo romanzo, uscito nel 2017 ancora per Rizzoli, s'intitola Da dove la vita è perfetta.[23] Il titolo è un verso di una sua poesia giovanile de Il libro dei vent'anni,[2] ed è dedicato alla figlia. Tradotto in Francia con il titolo "La vie parfaite" (Liana Levi) e nei Paesi Bassi con "Levenslicht" (De Bezige Bij) nel 2018, è in corso di traduzione in Svezia per Natur & Kultur e in Slovacchia per Inaque.. Sempre nel 2018 viene inserita nella lista dei 47 autori selezionati dai bibliotecari svedesi per l'assegnazione del "Contro Nobel" per la Letteratura da parte della Nuova accademia di Svezia.[24]

Il 21 giugno 2019 presso l’Aula Magna dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, durante la cerimonia dei Dottori di Ricerca, le è stata conferita la “Medaglia Petrarca” per le “Arts and Humanities” per essersi distinta, in qualità di ex alumna dell’Università di Bologna, in ambito letterario.[25] È la prima volta nella storia dell’Ateneo che questa onorificenza viene assegnata.

Collabora con il Corriere della Sera, La lettura e 7, dove scrive mensilmente all’interno della rubrica “4 per 7”.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Per Il libro dei vent'anni:

  • Premio Alfonso Gatto 2008, opera prima.

Per Acciaio:

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alla deriva nella città d'acciaio. "Vi racconto lo smarrimento delle giovani tute blu", Repubblica.it, 2 febbraio 2010.
  2. ^ a b Alessia Liparoti, “Se i libri non fossero oggetti erotici, leggerli o scriverli sarebbe terribilmente noioso”. Silvia Avallone si racconta, Il Libraio, 7 aprile 2017. URL consultato il 22 giugno 2017.
  3. ^ Antonio Prudenzano, L'intervista all'esordiente del momento/ Silvia Avallone, autrice di 'Acciaio', Affaritaliani.it, 26 febbraio 2010. URL consultato il 22 giugno 2017.
  4. ^ Ilaria Falcone, “Da dove la vita è perfetta” di Silvia Avallone, NonSoloCinema, 15 aprile 2017. URL consultato il 22 giugno 2017.
  5. ^ Elvira Serra, Silvia Avallone «Ho sposato il libraio», Corriere della Sera, 14 settembre 2012. URL consultato il 22 giugno 2017.
  6. ^ Elvira Serra, Silvia Avallone: “Mia figlia mi diverte più di un libro”, Io Donna, 9 ottobre 2016. URL consultato il 22 giugno 2017.
  7. ^ Paolo Perazzolo, Silvia (Avallone), facci sognare, Famiglia Cristiana, 23 settembre 2013. URL consultato il 22 giugno 2017.
  8. ^ Silvia Bombino, I libri di... Silvia Avallone, Vanity Fair, 19 maggio 2011. URL consultato il 22 giugno 2017.
  9. ^ Conversazioni Serali: "Raccontare la scrittura", incontro con Silvia Avallone, Luiss, 23 novembre 2013. URL consultato il 22 giugno 2017.
  10. ^ Marisa Fumagalli, Vespa, la Avallone e il décolleté che fa litigare al Campiello, Corriere della Sera, 6 settembre 2010. URL consultato il 22 giugno 2017.
  11. ^ Premi: Silvia Avallone vince il Flaiano 2010 per la narrativa, RomagnaNOI, 1º luglio 2010. URL consultato il 22 giugno 2017.
  12. ^ Silvia Avallone vince il Premio Fregene, IlGiornale.it, 1º luglio 2010. URL consultato il 22 giugno 2017.
  13. ^ Dario De Cristofaro, Antonio Pennacchi vince il Premio Strega 2010, Flanerí, 5 luglio 2010. URL consultato il 22 giugno 2017.
  14. ^ (FR) Présentation de la 9ème édition du Prix des Lecteurs de L'Express, L'Express, 22 giugno 2011. URL consultato il 22 giugno 2017.
  15. ^ "Acciaio": la classe operaia non va all'Elba. Non la desidera neanche più, Venezia Today, 3 settembre 2012. URL consultato il 22 giugno 2017.
  16. ^ Juary Santini, NOEMI: il nuovo singolo è "Acciaio", All Music Italia, 29 agosto 2014. URL consultato il 22 giugno 2017.
  17. ^ (FR) D'acier - L'outil de la ressemblance, loutil.ch. URL consultato il 22 giugno 2017.
  18. ^ Carmine Totaro, La lince – S.Avallone, 2011, Stato Quotidiano, 31 agosto 2016. URL consultato il 22 giugno 2017.
  19. ^ (FR) Le Lynx, par Silvia Avallone, L'Express, 1º agosto 2012. URL consultato il 22 giugno 2017.
  20. ^ Barbara Rossetti, Silvia Avallone, esce oggi il nuovo romanzo Marina Bellezza, booksblog.it, 18 settembre 2013.
  21. ^ Sanremo: presidente giuria di qualità sarà Paolo Virzì, AdnKronos, 20 febbraio 2014. URL consultato il 22 giugno 2017.
  22. ^ Sanremo: Avallone, sogno diventa realtà, ANSA, 19 febbraio 2014. URL consultato il 22 giugno 2017.
  23. ^ Barbara Stefanelli, Silvia Avallone, il nuovo romanzo. Dove la libertà è Bianca, Corriere della Sera, 28 marzo 2017. URL consultato il 22 giugno 2017.
  24. ^ lastampa.it, https://www.lastampa.it/2018/08/14/biella/silvia-avallone-al-contro-nobel-esserci-gi-una-vittoria-yfvrhi7biNSRUN1T1QBATM/pagina.html.
  25. ^ ilrestodelcarlino.it, https://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/dottorato-unibo-2019-1.4657850.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN108091467 · ISNI (EN0000 0001 1930 9495 · SBN IT\ICCU\BIAV\089034 · LCCN (ENno2010047519 · GND (DE140207325 · BNF (FRcb16276097f (data) · NDL (ENJA01240201 · WorldCat Identities (ENno2010-047519