Michele Riondino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michele Riondino al Giffoni Film Festival nel 2010

Michele Riondino (Taranto, 14 marzo 1979) è un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Giovanissimo, fonda con i compagni "La setta dei poeti estinti" con l'obiettivo di formare un gruppo musicale; impara, con grandissimo impegno, a suonare la chitarra, ma nel cuore il sogno di fare l'attore.
Trasferitosi a Roma per frequentare l'Accademia d'Arte Drammatica «Silvio D'Amico», comincia a interpretare dei ruoli a teatro.[1] Esordisce nella serie televisiva Distretto di Polizia dove è presente dal 2003 al 2005 per tre stagioni.

Nel 2006 in televisione recita ne La freccia nera per la regia di Fabrizio Costa.

Al cinema lo ricordiamo in Il passato è una terra straniera di Daniele Vicari nel 2008 e nel 2009 in Dieci inverni con la regia di Valerio Mieli.

Dal 2012 è il protagonista della nuova fiction Rai Il giovane Montalbano della regia di Gianluca Maria Tavarelli. Nello stesso anno torna al teatro e debutta anche come regista nell'opera La Vertigine del Drago, di Alessandra Mortelliti con supervisione ai testi di Andrea Camilleri; l'opera è andata in scena per la prima volta[2] alla LV edizione del Festival dei due Mondi di Spoleto.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Documentari[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nastro d'argento
Anno Titolo Categoria Risultato
2009 Il passato è una terra straniera Migliore attore non protagonista Nomination
2010 Dieci inverni Premio Guglielmo Biraghi Vinto
2012 Gli sfiorati Migliore attore non protagonista Nomination
2013 Bella addormentata e Acciaio Migliore attore non protagonista Nomination

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Testo del collegamento, testo aggiuntivo.
  2. ^ Michele Riondino: "La vertigine del drago" è il suo debutto alla regia teatrale dopo "Il giovane Montalbano" | DaringToDo.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]