Paolo Genovese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
(Da sinistra) Alessandro Gassmann, Paolo Genovese, Gianni Profita, Luca Miniero e Silvio Orlando nel 2008

Paolo Genovese (Roma, 20 agosto 1966) è un regista, sceneggiatore e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Paolo Genovese nasce a Roma il 20 agosto 1966. Diplomato al Liceo classico statale Giulio Cesare e laureato in Economia e commercio alla Università degli Studi di Roma "La Sapienza", ha iniziato la sua carriera come autore e regista di spot pubblicitari presso l'agenzia McCann Erickson Italia di Milano. Nel 1998 gira insieme a Luca Miniero il cortometraggio candidato al David di Donatello, Incantesimo napoletano, che nel 2002 diviene un film, diretto sempre insieme a Luca Miniero.

In campo pubblicitario ha diretto molte campagne pubblicitarie, tra queste Tim, Tre, Mac Donalds, Buitoni, Algida, Findus e Corriere della sera.

Nel 2006 ha diretto con Luca Miniero la serie televisiva Nati ieri[1], cui ha fatto seguito nel 2008 la serie Amiche mie.

Nel 2007 il film Viaggio in Italia - Una favola vera, anche questo girato con Luca Miniero, è stato trasmesso a puntate durante la trasmissione televisiva Ballarò[2]. Nel 2008 i due hanno diretto la miniserie Amiche mie, trasmessa su Canale 5.

Nel 2010 ha diretto, questa volta da solo La banda dei Babbi Natale, con Aldo, Giovanni e Giacomo, che ha incassato più di 20 milioni di euro, mentre l'anno seguente è la volta di Immaturi, altro successo al botteghino.

Nel 2012 dirige Immaturi - Il viaggio, sequel del film del 2011; nello stesso anno esce il film Una famiglia perfetta. Nel 2014 dirige il film Tutta colpa di Freud, che si rivela invece un successo, mentre nel 2015 torna al cinema col film Sei mai stata sulla Luna?[3].

Nel 2016 il suo film Perfetti sconosciuti ottiene un buon incasso al botteghino; in seguito Genovese riceve molteplici proposte di acquisto dei diritti per fare della sua pellicola un remake. Il 18 aprile dello stesso anno il film vince il David di Donatello per il miglior film e il David di Donatello per la migliore sceneggiatura; qualche giorno dopo, la sceneggiatura dell'opera viene anche premiata al Tribeca Film Festival. Nel 2017 dirige il film The Place, che si rivela un discreto successo al botteghino[4].

Genovese ha fatto parte della Giuria della sezione ufficiale nella 75ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia (2018)[5][6].

Dal 2016 è direttore artistico della società Leone Film Group.

Ha scritto due romanzi per Einaudi: Il primo giorno della mia vita e Supereroi, e un altro per Mondadori: Tutta colpa di Freud.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Paolo Genovese è sposato con Federica, da cui ha avuto tre figli, Emma, Matteo e Pietro. Vive tra Roma e Todi.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Genovese - Regista - Biografia e Filmografia - Ecodelcinema, su www.ecodelcinema.com. URL consultato il 4 settembre 2018.
  2. ^ CG Entertainment, Viaggio in Italia - Una favola vera, su CG Entertainment. URL consultato il 4 settembre 2018.
  3. ^ Perfetti sconosciuti. URL consultato il 4 settembre 2018.
  4. ^ The Place: il nuovo film di Paolo Genovese si mostra nel primo teaser trailer, in Best Movie, 11 ottobre 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
  5. ^ Valerio Cappelli, Il sogno americano di Paolo Genovese «Ho voglia di un film internazionale», in Corriere della Sera. URL consultato il 4 settembre 2018.
  6. ^ Le cinque giurie di Venezia 75. Definiti i giurati della Mostra 2018: in quella del concorso Paolo Genovese, Naomi Watts e Christoph Waltz, in Orizzonti Andrea Pallaoro, per l'opera prima Carolina Crescentini, in Cinematografo. URL consultato il 4 settembre 2018.
  7. ^ Simona Santoni, David di Donatello 2016: miglior film Perfetti sconosciuti - Foto - Panorama, in Panorama, 18 aprile 2016. URL consultato il 4 settembre 2018.
  8. ^ (IT) David di Donatello 2016, i vincitori: Perfetti sconosciuti miglior film. Sette premi per Lo chiamavano Jeeg Robot e Il racconto dei Racconti (FOTO e VIDEO) - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano, 19 aprile 2016. URL consultato il 4 settembre 2018.
  9. ^ Nastri d'Argento 2016, Perfetti sconosciuti è la commedia dell'anno, in Cineblog.it. URL consultato il 4 settembre 2018.
  10. ^ a b CIAK D’ORO 2016: TUTTI I VINCITORI, su ciakmagazine.it. URL consultato il 09/06/16 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2020).
  11. ^ Cinema, ecco i film candidati ai Globi d'Oro della stampa estera, in rainews. URL consultato il 4 settembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90085287 · ISNI (EN0000 0001 1879 3043 · SBN IT\ICCU\ANAV\062808 · LCCN (ENno2009082145 · GND (DE143947923 · BNE (ESXX5310685 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2009082145