Incantesimo napoletano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Incantesimo napoletano
Titolo originale Incantesimo napoletano
Paese di produzione Italia
Anno 2002
Durata 82 min
Genere commedia
Regia Paolo Genovese, Luca Miniero
Soggetto Luca Miniero, Paolo Genovese
Sceneggiatura Luca Miniero, Paolo Genovese
Produttore Paolo Occhipinti, Gianluca Arcopinto per Axelotil
Distribuzione (Italia) Lucky Red
Fotografia Andrea Locatelli
Montaggio Paola Freddi
Musiche Enzo Avitabile
Scenografia Valentina Scalia
Interpreti e personaggi

Incantesimo napoletano è un film del 2002, scritto e diretto da Paolo Genovese e Luca Miniero.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La piccola Assuntina, nata in una famiglia napoletana, crescendo inizia a parlare con uno stretto dialetto milanese. Questa stranissima anomalia getta i parenti nella disperazione. Col passare degli anni, nonostante i tentativi di correggerla, Assuntina con il suo linguaggio peggiorerà ulteriormente, tanto che le verrà dato il soprannome di "Cotoletta" e rifiuterà di adattarsi a qualunque tradizione partenopea, rifiutando anche i dolci tipici della città per quelli del capoluogo lombardo.

Tutti gli ulteriori tentativi da parte della famiglia e degli amici saranno vani, come vano sarà il lungo soggiorno che le faranno fare a Torre Annunziata per farle studiare la vera lingua napoletana presso gli zii, popolani che si esprimono soltanto in un dialetto molto stretto.

Raggiunti i venti anni Assuntina rimane incinta...

La critica[modifica | modifica wikitesto]

Fabio Ferzetti, ne Il Messaggero dell'8 febbraio del 2002, «...invece batti e ribatti gli esordienti Paolo Genovese e Luca Miniero, rodati pubblicitari, finiscono per cavare da questo spunto surreale una commedia triste come tristi sanno essere i napoletani, una storia di famiglia dove il più disperato è il padre...»

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema