Senza lasciare traccia (film 2016)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Senza lasciare traccia
Film Senza Lasciare Traccia.jpg
Paese di produzioneItalia
Anno2016
Durata93 min
Rapporto2.39:1
Generedrammatico, noir
RegiaGianclaudio Cappai
SoggettoGianclaudio Cappai, Lea Tafuri
SceneggiaturaGianclaudio Cappai, Lea Tafuri
ProduttoreMassimo Ruggini, Lea Tafuri, Gianclaudio Cappai
Produttore esecutivoLivia Barbieri
Casa di produzioneHirafilm, Mediasponsor, Obiettivo Energia
Distribuzione in italianoIl Monello film, Hirafilm
FotografiaFabio Paolucci
MontaggioAlessio Doglione
MusicheTeho Teardo
ScenografiaAlessandro Bertozzi
CostumiSandra Cianci
Interpreti e personaggi

Senza lasciare traccia è un film del 2016 diretto da Gianclaudio Cappai, alla sua opera prima, e interpretato da Michele Riondino, Valentina Cervi, Vitaliano Trevisan ed Elena Radonicich.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Afflitto da una malattia incurabile, l’insegnante Bruno decide di accompagnare la moglie restauratrice Elena in viaggio verso un’indefinita località del Nord, dove un trauma infantile lo ha segnato nel corpo e nell'anima. Mentre lei lavora su un antico dipinto, lui approfitta del tempo libero per raggiungere l’amica d’infanzia Vera, nella Fornace ormai abbandonata in cui vive con il padre. Nessuno dei due riconosce quell'intruso dalle intenzioni sempre più ambigue.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato nella Bassa padana e prodotto dalla società indipendente Hirafilm con il sostegno della Lombardia Film Commission e del fondo regionale per il cinema-audiovisivo del Lazio[1]. Gran parte delle riprese, effettuate in pellicola Super 16 millimetri e durate sei settimane tra Marzo e Aprile 2014, sono state realizzate all'interno di una vecchia fornace nei dintorni di Corno Giovine (Lodi).

Il quadro da restaurare che compare nel film rappresenta Il mito di Deucalione e Pirra del pittore veronese Niccolò Giolfino. Il quadro si trova a Bloomington all'interno dell'Indiana University Art Museum.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stato presentato in anteprima nazionale alla settima edizione del BIF&ST, nella sezione Nuove proposte, il film è uscito nelle sale italiane il 16 aprile del 2016, distribuito da Hirafilm in collaborazione con Il Monello Film. Nel 2017 il film è stato distribuito in Russia, Polonia e Brasile. Nel mese di Aprile 2018 Il film esce in un’edizione Dvd Digipack a cura della Penny Video.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

“Un dramma complesso e ambizioso, che accorpa il simbolismo degli archetipi ad una regia già precisa e che non deve chiedere scusa a nessuno”. Anna Maria Pasetti, Il Fatto Quotidiano [2]

“Notevole sorpresa (...) l'esordio nel lungometraggio di Gianclaudio Cappai. (...) La scelta di Cappai, saggia ed esteticamente interessante, (è quella) di costruire un thriller d’atmosfera dove il tema del fuoco entra dentro e sotto pelle”. Mauro Gervasini, FilmTv [3]

“Il film compie un lavoro sull'immagine e sulla materia del cinema complesso, perché carico di sfumature linguistiche impercettibili tra movimento e staticità, intimismo europeo e plasticità”. Carlo Valeri, Sentieri selvaggi [4]

"Il regista sa lavorare sugli spazi e sulle atmosfere, costruendo un film di genere (revenge movie, thriller) che di genere non è, perché i generi sono molti ma soprattutto perché l’interesse è psicologico e la chiave è esistenziale, metafisica”. Paola Brunetta, Cineforum [5]

"Il risultato è una sorta di thriller dell'anima, che per il suo modo azzardato ma affascinante di intersecare il piano antropologico e sociale con quello tragico e soprattutto psicanalitico, rievoca vagamente l'opera di un regista altrettanto oscuro come Giulio Questi". Emilio Ranzato, L'Osservatore Romano [6]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2016 – Russia-Italia Film Festival
  • 2016 – Festival Presente Italiano
    • Premio Migliore Opera prima a Gianclaudio Cappai
  • 2016 – Ciak d'oro
    • Candidato al premio per la migliore opera prima
  • 2016 – Premio Kineo Diamanti al cinema italiano
    • Nominato al premio per la migliore opera prima
  • 2016 – Premio Fabrique du Cinema
    • Nominato al premio per la migliore opera prima
  • 2017 – Festival del Cinema Europeo
    • Candidato al premio per la migliore opera prima

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Senza lasciare traccia, su Cinedatabase, Rivista del cinematografo.
  2. ^ Anna Maria Pasetti, http://hirafilm.com/senzalasciaretraccia.html.
  3. ^ Mauro Gervasini, Senza lasciare traccia di Gianclaudio Cappai - la recensione di FilmTv, in FilmTv. URL consultato il 19 ottobre 2018.
  4. ^ Carlo Valeri, Senza lasciare traccia, un film di Gianclaudio Cappai con Michele Riondino, su www.sentieriselvaggi.it. URL consultato il 19 ottobre 2018.
  5. ^ Paola Brunetta, Senza lasciare traccia, in Cineforum. URL consultato il 19 ottobre 2018.
  6. ^ Emilio Ranzato, Thriller dell’anima, su www.osservatoreromano.va. URL consultato il 19 ottobre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Bartolini, Il Cinema Giallo-Thriller Italiano, editore Gremese, Roma 2017, pp. 251-252.
  • Alessandro Cappabianca, Filmcritica, n.674, Aprile 2017, pp. 155-156.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema