Corno Giovine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corno Giovine
comune
Corno Giovine – Stemma Corno Giovine – Bandiera
Corno Giovine – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Lodi-Stemma.png Lodi
Amministrazione
SindacoPietro Bernocchi (lista civica Per Corno) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate45°08′04″N 9°45′39″E / 45.134444°N 9.760833°E45.134444; 9.760833 (Corno Giovine)Coordinate: 45°08′04″N 9°45′39″E / 45.134444°N 9.760833°E45.134444; 9.760833 (Corno Giovine)
Altitudine50 m s.l.m.
Superficie9,94 km²
Abitanti1 129[1] (31-12-2018)
Densità113,58 ab./km²
FrazioniMezzano Passone
Comuni confinantiCaselle Landi, Cornovecchio, Maleo, Piacenza (PC), Santo Stefano Lodigiano
Altre informazioni
Cod. postale26846
Prefisso0377
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT098022
Cod. catastaleD028
TargaLO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona E, 2 545 GG[2]
Nome abitanticornogiovinesi
PatronoSan Biagio
Giorno festivo3 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Corno Giovine
Corno Giovine
Corno Giovine – Mappa
Posizione del comune di Corno Giovine nella provincia di Lodi
Sito istituzionale

Corno Giovine (Corn Giun o 'l Corn, ossia "il Corno" in dialetto lodigiano[3]) è un comune italiano di 1.129 abitanti della provincia di Lodi in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Come Cornovecchio e Santo Stefano al Corno, anche Corno Giovine prende origine dal nuovo insediamento degli abitanti di Villafranca, antica località posta sull'ansa del Po e distrutta dalle frequenti alluvioni.

Dopo le lotte tra Milano e Cremona (XIII secolo) che la danneggiarono più volte divenne possesso dei Visconti, che la donarono a Guglielmo Bevilacqua con Maccastorna ed altre terre.

In età napoleonica (1809-16) al comune di Corno Giovine furono aggregate Corno Vecchio e Lardera, ridivenute autonome con la costituzione del regno Lombardo-Veneto.

Nel 1869 al comune di Corno Giovine fu aggregata Mezzano Passone[4].

Il nome antico deriva dal lat. cornu, ossia "ansa", in riferimento al corso del Po.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Da segnalare la cinquecentesca parrocchiale di San Biagio, la quattrocentesca chiesa di San Rocco, la vecchia fornace, nonché il settecentesco palazzo Pedrazzini, rinnovato nelle strutture e ora di proprietà comunale.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2008 gli stranieri residenti nel comune di Corno Giovine in totale sono 110[6], pari al 9,23% della popolazione. Tra le nazionalità più rappresentate troviamo:

Paese Popolazione (2008)
Marocco 51
Albania 11

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo statuto comunale, il territorio comunale comprende il capoluogo e le località di Belgrado, Bianca Vidore, Buon Pensiero, Campagna, Campagnetta, Ca' Rossa, Castelletto, Colombarone, Cooperativa Vecchio Po, Fornaci, Inomata, Mezzano Nuovo, Mezzano Passone di Sotto, Mezzano Squadre, Mezzano Vecchio, Mulino di Sopra, Quartierone, San Rocco, Temesvar e Verani[7].

Secondo l'ISTAT, il territorio comunale comprende il centro abitato di Corno Giovine e le località di Mezzano Passone di Sopra e Mezzano Passone di Sotto[8].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia locale si basa in prevalenza sull'agricoltura, con aziende per lo più a conduzione diretta: si coltivano cereali e foraggi e si allevano bovini da carne e da latte.

L'industria e l'artigianato sono presenti con alcune imprese medio-piccole nei settori tessile e meccanico, che lavorano per lo più per enti pubblici.

Non tutta la forza lavoro è occupata localmente: l'eccedenza si rivolge soprattutto verso Piacenza, Codogno e Milano.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Segue un elenco delle amministrazioni locali.[9]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1945 Carlo Anelli Sindaco
1945 Lorenzo Rubinetti Sindaco
1946 1947 Isidoro Gruppi Sindaco
1947 1956 Aldo Campagnoli Sindaco
1956 1960 Renzo Raffaglio Sindaco
1960 1970 Giancarlo Rho Sindaco
1970 1975 Alda Quintini Sindaco
1975 1999 Umberto Migliorini Democrazia Cristiana Sindaco
1999 2003 Amedeo Lucchini Sindaco
2003 2004 Antonella Pagano Commissario prefettizio
2004 2014 Paolo Belloni lista civica (centrodestra) Sindaco
2014 in carica Pietro Bernocchi lista civica Sindaco

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2018.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 231.
  4. ^ Regio Decreto 24 gennaio 1869, n. 4853
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Dati demografici ISTAT
  7. ^ Art. 1 comma 3 dello Statuto Comunale
  8. ^ ISTAT - Dettaglio località abitate
  9. ^ Lista pubblicata in Il Lodigiano. Quarant'anni di autonomia, Provincia di Lodi, 2008, p. 276.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN237068843 · WorldCat Identities (EN237068843
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia