Arma parlante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In araldica si definiscono armi parlanti quei simboli, rappresentati su alcuni stemmi, che contengono delle figure che, per il loro nome o per la loro immagine, richiamano più o meno direttamente il nome (talora la funzione) del possessore di tali blasoni.[1]

Il richiamo al nome può avvenire in vari modi:

  • direttamente: un gallo («coq» in francese) per il cognome Lecoq; dei bicchieri per il cognome Bicchieri; dei vitelli per il cognome Vitelleschi; un barbo («bar» in francese) e un giglio (quindi un fiore, «fleur» in francese) per la città francese di Barfleur; Una casa con due torri per Casellina e Torri (Oggi Scandicci)
  • per omonimia: una melagrana (granada in spagnolo) per la città di Granada (Spagna);
  • per approssimazione: un calice per la Galizia; un colubro («coluber» in latino) per Colbert;
  • per rappresentazione corrispondente all'etimologia: un braccio che tiene una lancia per Shakespeare («scuoti-lancia»); un bue con i piedi nell'acqua per Oxford («Guado del bue»);
  • mediante rebus: una torre ed un pino per La Tour du Pin;
  • per grado superiore: un cinghiale (più di valore ...) per il cognome Cochon («maiale»).
Testa di una volpe (stemma Chrone-Fenrich).

Nella terminologia araldica inglese si è mantenuto il termine canting arms derivato dalla lingua latina cantare.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert Viel, Le origini simboliche del blasone, 1998, Edizioni Arkeios, Roma, ISBN 88-86495-43-9
  2. ^ Canting arms su oxforddictionaries.com Url consultato il 4-7-2013
Casellina e Torri (Ora Scandicci)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica