Crespiatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crespiatica
comune
Crespiatica – Stemma
Crespiatica – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Lodi-Stemma.png Lodi
Amministrazione
SindacoFabrizio Rossi (lista civica di centrosinistra) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate45°21′27″N 9°34′34″E / 45.3575°N 9.576111°E45.3575; 9.576111 (Crespiatica)Coordinate: 45°21′27″N 9°34′34″E / 45.3575°N 9.576111°E45.3575; 9.576111 (Crespiatica)
Altitudine75 m s.l.m.
Superficie7,03 km²
Abitanti2 281[1] (30-6-2017)
Densità324,47 ab./km²
FrazioniBenzona, Tormo
Comuni confinantiAbbadia Cerreto, Chieve (CR), Corte Palasio, Dovera (CR), Monte Cremasco (CR), Vaiano Cremasco (CR)
Altre informazioni
Cod. postale26835
Prefisso0371
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT098025
Cod. catastaleD159
TargaLO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona E, 2 441 GG[2]
Nome abitanticrespiatichesi
PatronoSant'Andrea
Giorno festivo30 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Crespiatica
Crespiatica
Crespiatica – Mappa
Posizione del comune di Crespiatica nella provincia di Lodi
Sito istituzionale

Crespiatica (Crespiàdega in dialetto lodigiano[3]) è un comune italiano di 2.281 abitanti[1] della provincia di Lodi in Lombardia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il suo territorio si incunea nella provincia di Cremona.

La frazione di Tormo è posta ai confini con i comuni di Corte Palasio e Dovera, mentre la frazione Benzona è posta al confine con il comune di Chieve.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Crespiatica fu dapprima possesso del vescovo di Pavia, dal XII al XV secolo e dal 1652 passò a Francesco del Maino.

Tormo appartenne, nell'XI secolo, al contado di Treviglio e poi a Milano. Passò in seguito a Guido della Torre (XIV secolo) e ai Bertoglio (XVIII secolo).

Nel 1879 al comune di Crespiatica venne aggregato il comune di Tormo.[4]

A partire dal 1º gennaio 2014 il comune di Crespiatica è entrato a far parte, assieme ai comuni di Abbadia Cerreto, Corte Palasio e Boffalora d'Adda, dell'Unione di Comuni Lombarda Oltre Adda Lodigiano.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli edifici di interesse storico artistico c'è la parrocchiale di Sant'Andrea, una chiesa barocca in cui è conservata una grande pala d'altare raffigurante il martirio del santo (XVII secolo).

In frazione Tormo è la neoclassica villa Cavezzali Gabba.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2008 gli stranieri residenti nel comune di Crespiatica in totale sono 230[6], pari all'11,70% della popolazione. Tra le nazionalità più rappresentate troviamo:

Paese Popolazione (2008)
Romania 81
Egitto 54
Marocco 29
Albania 21
Tunisia 14

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo statuto comunale, nel territorio comunale sono presenti, oltre al capoluogo, le frazioni di Benzona e Tormo, le cascine Casaletti, Campagna e Santa Maria, e l'"agglomeramento" di Conce Verde[7].

Secondo l'ISTAT, il territorio comunale comprende il centro abitato di Crespiatica, la frazione di Tormo, e le località di Cascina Casaletti[8].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è attraversato dalla strada provinciale Lodi - Crema e da quella interna Crespiatica - Dovera, lungo le quali si è formata un'area industriale e artigianale. Le aziende presenti operano nei settori edilizio, chimico e meccanico.

Sono presenti una ventina di aziende minori che si dedicano a svariate attività.

L'agricoltura è attiva con una quindicina di aziende agricole, che producono soprattutto cereali e foraggi per l'allevamento bovino.

Contrariamente a quanto avvenuto in altri centri, il calo demografico a Crespiatica è stato sempre molto contenuto e la mano d'opera è quasi integralmente assorbita dalle attività locali.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Segue un elenco delle amministrazioni locali.[9]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1945 1956 Angelo Palladini Sindaco
1956 1970 Giuseppe Regazzetti Sindaco
1970 1975 Esachiele Baroni Sindaco
1975 1985 Italo Dedè Sindaco
1985 2004 Natale Moroni Sindaco
2004 2014 Anna Maria Ogliari lista civica (centrosinistra) Sindaco
2014 in carica Fabrizio Rossi lista civica (centrosinistra) Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 238.
  4. ^ Regio Decreto 12 giugno 1879, n. 4938
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Dati demografici ISTAT
  7. ^ Art. 3 comma 2 dello Statuto Comunale
  8. ^ ISTAT - Dettaglio località abitate
  9. ^ Lista pubblicata in Il Lodigiano. Quarant'anni di autonomia, Provincia di Lodi, 2008, p. 278.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]