Dovera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dovera
comune
Dovera – Stemma
Dovera – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Cremona-Stemma.png Cremona
Amministrazione
Sindaco Mirko Signoroni (lista civica di centro-sinistra) dal 26-05-2014 (1º mandato)
Territorio
Coordinate 45°22′N 9°32′E / 45.366667°N 9.533333°E45.366667; 9.533333 (Dovera)Coordinate: 45°22′N 9°32′E / 45.366667°N 9.533333°E45.366667; 9.533333 (Dovera)
Altitudine 73 m s.l.m.
Superficie 20,65 km²
Abitanti 3 854[1] (30-11-2016)
Densità 186,63 ab./km²
Frazioni Barbuzzera, Postino, Roncadello, San Rocco
Comuni confinanti Boffalora d'Adda (LO), Corte Palasio (LO), Crespiatica (LO), Lodi (LO), Monte Cremasco, Pandino, Spino d'Adda
Altre informazioni
Cod. postale 26010
Prefisso 0373
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 019041
Cod. catastale D358
Targa CR
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 557 GG[2]
Nome abitanti doveresi
Patrono San Lorenzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Dovera
Dovera
Dovera – Mappa
Posizione del comune di Dovera nella provincia di Cremona
Sito istituzionale

Dovera (Duéra in dialetto cremasco) è un comune italiano di 3 854 abitanti[1] della provincia di Cremona in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Borgo agricolo di antica origine, Dovera appartenne da sempre alla Gera d'Adda milanese. Il limitrofo centro abitato di Roncadello, oggi frazione, apparteneva invece al Contado di Lodi.

Dovera appartenne alla provincia di Lodi dal 1786 al 1791.

In età napoleonica (1810) al comune di Dovera fu aggregata Roncadello, ridivenuta autonoma con la costituzione del Regno Lombardo-Veneto (1815). Contemporaneamente, entrambi i centri furono inseriti nel distretto di Pandino della provincia di Lodi e Crema.

Con l'Unità d'Italia i comuni di Dovera e Roncadello furono inseriti nel circondario di Crema della provincia di Cremona. Nel 1868 il comune di Roncadello fu aggregato definitivamente a Dovera.[3]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2015 gli stranieri residenti nel comune di Dovera in totale sono 342[5]. Le comunità nazionali numericamente significative sono:

Paese Popolazione (2015)
Romania 94
Senegal 52
Marocco 40
Albania 25
Egitto 22

Persone legate a Dovera[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale comprende, oltre al capoluogo, le frazioni di Barbuzzera, Postino, Roncadello e San Rocco[6].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il centro abitato è attraversato dalla strada statale 472 Bergamina, che unisce Treviglio a Lodi, ed è punto di origine di una strada provinciale che conduce a Crespiatica passando per la frazione di Postino.

Vi sono poi alcune strade minori, di importanza locale, dirette ai centri limitrofi.

La parte nord del territorio comunale, ai confini con Pandino, è lambita dalla strada statale 415 Paullese.

Tranvie[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1880 al 1920 Dovera era servita da una stazione della tranvia interurbana a vapore Lodi–Bergamo, che correva lungo la strada Bergamina.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Elenco dei sindaci dal 1985 ad oggi[7].

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1985 1990 Tarcisio Bruni Democrazia Cristiana sindaco
1990 1995 Tarcisio Bruni Democrazia Cristiana sindaco
1995 1999 Gianfranco Rancati lista civica di centro-destra sindaco
1999 2004 Giuseppe Rioldi lista civica di centro-sinistra sindaco
2004 2009 Giuseppe Rioldi lista civica sindaco
2009 2014 Franco Mosetti lista civica sindaco
2014 in carica Paolo Mirko Signoroni lista civica sindaco

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2016.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Regio Decreto 30 giugno 1868, n. 4485
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Dati demografici ISTAT
  6. ^ Art. 2 comma 5 dello Statuto Comunale
  7. ^ Anagrafe: Ricerca e Archivio nel sito del Ministero dell'Interno

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Itinerari di fede tra Adda, Oglio e Po, Arti Grafiche Rossi, Soresina, 1994, ISBN non disponibile - Scheda del santuario ad opera di Cesare Alpini

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN239193400