Enrico Vanzina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Enrico Vanzina (Roma, 26 marzo 1949) è uno sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primogenito del regista e sceneggiatore Steno e di Maria Teresa Nati, nonché fratello del regista e produttore Carlo Vanzina, vive sin dalla nascita a stretto contatto con il mondo del cinema: oltre al padre regista, suoi amici dell'adolescenza sono Claudio e Marco Risi, figli di Dino Risi. Ottiene il Baccalaureat francese al Lycée Chateaubriand di Roma nel 1966[1] e si laurea nel 1970 in Scienze politiche alla Sapienza di Roma. Nei primi anni settanta il padre lo vuole al suo fianco come aiuto regista per le riprese di L'uccello migratore con Lando Buzzanca, La poliziotta con Mariangela Melato e Piedone a Hong Kong con Bud Spencer; tuttavia capisce presto che la regia non lo interessa e preferisce diventare uno sceneggiatore.

A partire dal 1976 ha iniziato a scrivere sceneggiature, collaborando con i maggiori esponenti del cinema italiano, realizzando più di 80 soggetti, molti dei quali assieme a registi famosi. Nel corso di oltre trent'anni ha firmato, insieme al fratello Carlo, alcuni dei più grandi successi al botteghino italiano e ha realizzato molte fiction televisive di successo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

In quarant'anni nel cinema, è stato autore di oltre cento sceneggiature. La sua prima sceneggiatura è quella di Luna di miele in tre del 1976, seguita nello stesso anno da Febbre da cavallo, che molti considerano il suo capolavoro. Ma è assieme al fratello regista Carlo che scrive sceneggiature di film come Sapore di mare, Il pranzo della domenica, Eccezzziunale... veramente, Vacanze di Natale, Yuppies - I giovani di successo, Le finte bionde, Sotto il vestito niente, Via Montenapoleone, Il cielo in una stanza, Ex - Amici come prima!, Mai Stati Uniti e Non si ruba a casa dei ladri.

Nel 1984 fonda la casa di produzione Video 80, che finanzierà sia prodotti per il cinema che fiction televisive.

Ha inoltre prodotto molti programmi televisivi, tra cui le serie I ragazzi della 3ª C (1987-1989), Amori (1989), Anni '50 (1998), Anni '60 (1999) e Un ciclone in famiglia (2005-2008).

Nel biennio 1990-91 collabora con la Penta Film di Mario e Vittorio Cecchi Gori come consulente generale e capo della produzione.

Autore anche di commedie teatrali tra le quali Bambini cattivi, messa in scena da Giuseppe Patroni Griffi, e Febbre da cavallo musical ispirato al celebre film, ha pubblicato pure i romanzi Colazione da Bulgari (Salerno Editrice), La vita è buffa (Gremese editore), Le finte bionde, La sera a Roma, Una famiglia italiana (Mondadori), Commedia all'italiana, Il gigante sfregiato, Il mistero del rubino birmano e La donna dagli occhi d'oro (Newton Compton).

Dopo aver collaborato per sette anni al Corriere della Sera, dal 1998 cura una rubrica settimanale di costume per Il Messaggero. Oggi è considerato uno dei massimi esponenti della commedia all'italiana, autore di film di enorme successo di pubblico. Enrico Vanzina ha dichiarato in più occasioni di essere liberale[2], come il padre Steno (che collaborò anche come giornalista al Giornale di Montanelli), e di fede cattolica[3].

Nel 2020 debutta alla regia con Lockdown all'italiana.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: MYmovies. [1]. Vedi anche un suo intervento sul Corriere della Sera del 2 ottobre 1993. [2]
  2. ^ Come, in diverse occasioni, sulla sua rubrica su Il Messaggero
  3. ^ Come ha dichiarato nel libro Mio fratello Carlo (2019)
  4. ^ https://www.cityrumors.it/notizie-chieti/cultura-spettacolo-chieti/francavilla-grande-successo-per-il-festival-cicognini-con-vanzina-falchi-ammendola.html

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN237200244 · ISNI (EN0000 0003 8564 7147 · SBN IT\ICCU\CFIV\072364 · LCCN (ENn97022582 · GND (DE143555472 · WorldCat Identities (ENlccn-n97022582