Hisham Matar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hisham Matar

Hisham Matar (New York, 1970) è uno scrittore libico.

Il suo romanzo Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro (The return: Fathers, Sons and the Land in Between, 2016), ha vinto nel 2017 il Premio Pulitzer per la biografia e autobiografia[1]. I saggi di Matar sono apparsi su The New York Times, The Times, The Guardian, The Independent, e Asharq al-Awsat. Il suo primo romanzo Nessuno al mondo (In the Country of Men, 2006), è stato selezionato per il Man Book Prize nel 2006[2], e tradotto in oltre 20 lingue.

Matar attualmente vive e scrive a Londra.[3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hisham Matar è nato a New York nel 1970 e ha trascorso la sua prima infanzia negli Stati Uniti insieme ai genitori, poiché suo padre, Jaballa Matar, in quel periodo lavorava per la delegazione libica alle Nazioni Unite. All'età di circa tre anni torna a vivere con la sua famiglia a Tripoli, dove trascorre i successivi sei anni della sua vita. Nel 1979 le persecuzioni politiche perpetrate dal regime di Gheddafi presero di mira suo padre, leader dell'opposizione libica, costringendolo ad abbandonare il paese con i suoi famigliari. Il luogo d'esilio fu il Cairo, dove Matar e il fratello continuarono i loro studi. Dopo essersi trasferito a Londra nel 1986, conseguì la laurea in architettura al Goldsmiths College.[4][5]

Nel 1990, mentre si trovava nella capitale britannica, gli agenti dei servizi segreti egiziani rapirono suo padre al Cairo. Essi fecero credere alla famiglia durante i successivi due anni che Jaballa fosse detenuto in Egitto, mentre in realtà era stato consegnato al regime libico e incarcerato nella prigione di Abu Salim, a Tripoli. Nel 1992 i famigliari ricevettero una lettera inequivocabilmente vergata dalla mano di Jaballa[6], nella quale egli chiedeva scusa alla moglie e ai due figli per le difficoltà e il dolore che stavano attraversando per causa sua, ma ribadiva che, se avesse avuto la possibilità di tornare indietro nel tempo, non avrebbe comunque cambiato la strada intrapresa. Nel 1995 giunse una seconda lettera, e poi non si seppe più nulla fino a quando i media, nel 2001, divulgarono la notizia che nel 1996 era stata ordinata dalle autorità libiche un'esecuzione di massa nella prigione di Abu Salim. I prigionieri politici fucilati allora furono circa 1200, la carneficina durò sei ore. Matar e la sua famiglia perdettero quindi ogni speranza di rivedere Jaballa vivo. Tuttavia dal 2010 nuovi indizi, quali la notizia di un suo trasferimento in un altro penitenziario appena due mesi prima della carneficina, e un suo avvistamento risalente al 2002, riaccesero la speranza che il padre di Hisham Matar potesse essersi salvato.[7]

Quando nel 2010 Hisham Matar ne fu informato, rimase estremamente scosso. Dopo 20 anni che non vedeva suo padre, e nell'esatto momento in cui dava alle stampe un romanzo incentrato su quell'assenza, scrisse in un articolo pubblicato sul Guardian:

"Dov'è l'uomo che amavo far ridere? Dov'è colui che rispondeva alle mie lettere soltanto se erano scritte in arabo? Dov'è l'uomo che pronunciava la parola 'pazienza' come una promessa? Dov'è colui al quale avevo promesso una nipotina di nome Taswahin, ovvero 'donna che eguaglia qualsiasi uomo'?...Dov'è l'uomo che mi chiamava Sharh Elbal, ovvero 'colui che placa la mente'?..."[7]

Il 16 gennaio 2010, su iniziativa della sezione inglese del Pen Club, venne pubblicato sul Times un appello sottoscritto da 270 scrittori, tra cui Salman Rushdie, Kazuo Ishiguro, J. M. Coetzee, Orhan Pamuk, Ian McEwan, Kiran Desai e Zadie Smith, nel quale si sollecitava il Ministro degli Esteri britannico, David Miliband, a richiedere al governo libico il ripristino dei diritti umani e informazioni precise sulla sorte di Jaballa Matar e di altri prigionieri politici.[8][9]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Nessuno al mondo (In the Country of Men, 2006), traduzione di A. Sirotti, Torino, Einaudi, 2008, ISBN 9788806193232
  • Anatomia di una scomparsa (Anatomy of a Disappearance, 2011), traduzione di M. Pareschi, Torino, Einaudi, 2013, ISBN 9788806215002
  • Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro (The return: Fathers, Sons and the Land in Between, 2016), traduzione di A. Nadotti, Torino, Einaudi, 2017, ISBN 9788806216641
  • Il libro di Dot, di Hisham Matar e Gianluca Buttolo, traduzione di Anna Nadotti e Gianluca Buttolo, Milano, ReNoir Comics, 2017, ISBN 978-8865671924

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006. Commonwealth Writers' Prize for the Best First Book in the Europe and South Asia Region, per In the Country of Men (Nessuno al mondo)[10]
  • 2016. The slightly Foxed Best first Biography Prize, per l'autobiografia The Return: Fathers, Sons, and the Land in Between. Il libro viene anche inserito fra i The New York Times' Top 10 books of 2016[11]
  • 2017. Premio Pulitzer per la biografia e l'autobiografia per il libro Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Pulitzer Prizes, su pulitzer.org.
  2. ^ The Man Booker Prize 2006, su themanbookerprize.com.
  3. ^ (EN) Hisham Matar, Biography, su penguin.co.uk, 28/04/2017. URL consultato il 2 maggio 2017.
  4. ^ (EN) Love, loss and all points in between, su theguardian.com, 29/06/2006. URL consultato il 2 maggio 2017.
  5. ^ (EN) Il nuovo romanzo di Hisham Matar C’era una volta papà. E Gheddafi, su corriere.it, 01/09/2016. URL consultato il 2 maggio 2016.
  6. ^ La Libia ritrovata nel racconto del premio Pulitzer Hisham Matar : intervista a Hisham Matar di Chiara Nelsen, Catherine Cornet, su Internazionale. URL consultato il 17 maggio 2017.
  7. ^ a b (EN) Hisham Matar has just learnt that his father, who disappeared 20 years ago, might be alive, su The Guardian, 16/01/2010. URL consultato il 2 maggio 2017.
  8. ^ (EN) Where is Jaballa Matar?, in Times, 16 gennaio 2010. URL consultato il 19 maggio 2017.
  9. ^ Un appello al governo inglese per il padre di Hisham Matar, su Giulio Einaudi Editore.
  10. ^ (EN) In the Country of Men (From the Publisher), su amazon.co.uk, 28/04/2017. URL consultato il 2 maggio 2017.
  11. ^ (EN) The Return. Fathers, Sons and the Land In Between, su penguin.co.uk, 28/04/2017. URL consultato il 2 maggio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Anica Boulanger-Mashberg, Hisham Matar's In the Country of Men: Insight Text Guide, Sydney, Insight Publications, 2013, OCLC 836405588.
  • (EN) Barbara Harlow, From Flying Carpets to No-Fly Zones: Libya’s Elusive Revolution(s), According to Ruth First, Hisham Matar, and the International Criminal Court, vol. 43, 2012, pp. 431-457.
  • (EN) Noor Hashem, The Feast of the Ants’: Agency, the Body, and Qur'anic Narrative in Hisham Matar's In the Country of Men, in Journal of Qur'anic Studies, vol. 16, nº 3, 2014, pp. 39-61.
  • (EN) Kearney, John, Traumatised narrators in Hisham Matar's novels, in Journal of Literary Studies/Tydskrif Vir Literatuurwetenskap, vol. 30, nº 3, 2014, pp. 124-148.
  • (EN) Nicholas Konstantatos, Cambridge Checkpoints VCE Text Guides: In the Country of Men by Hisham Matar, Cambridge ; Port Melbourne, Vic, Cambridge UP, 2013, OCLC 906932972.
  • Lorenzo Mari, ‘In the Country of Absences’: Ancient Roman and Italian Colonial Heritage in Hisham Matar’s In the Country of Men (2006), in Incontri. Rivista europea di studi italiani, vol. 28.1, 2013, pp. 7-15.
  • (EN) Christopher Micklethwait, Zenga Zenga and Bunga Bunga: the Novels of Hisham Matar and a critique of Ghaddafi's Lybia, in The Edinburgh Companion to the Arab Novel in English: The Politics of Anglo Arab and Arab American Literature and Culture, Edinburgh, Edinburgh University Press, 2015, pp. 171-195.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN87596371 · ISNI: (EN0000 0000 8398 8771 · SBN: IT\ICCU\UBOV\050781 · LCCN: (ENn2006064193 · GND: (DE132610736 · BNF: (FRcb15123940w (data)