Alessandro Zaccuri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alessandro Zaccuri (La Spezia, 1963) è uno scrittore, giornalista e blogger italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è trasferito a Milano nel 1972. Laureato in lettere classiche (con tesi in filologia medievale e umanistica) all'Università Cattolica, collabora all'Avvenire e ai periodici Lo Straniero e Letture. Iscritto all'ordine dei giornalisti dal 1988, è giornalista professionista[1]. Docente in vari corsi alla Cattolica di Milano e all'università degli Studi Carlo Bo di Urbino[2], ha condotto Il Grande Talk per SaT2000[3] tra il 2005 e il 2011[4].

Ha ideato il festival letterario "Scrivere sui margini"[5].

È autore di romanzi e saggi di critica letteraria e curatore di opere di scrittori quali Elio Fiore, Camillo Sbarbaro, Ray Bradbury, André Malraux.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il signor figlio, romanzo, Milano, Mondadori, 2007;
  • Infinita notte: romanzo, Milano, Mondadori, 2009;
  • Dopo il miracolo: romanzo, Milano, Mondadori, 2012;
  • Lo spregio: romanzo, Venezia, Marsilio, 2016;

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Citazioni pericolose. Il cinema come critica letteraria, Roma, Fazi, 2000
  • Milano, la città di nessuno. Un reportage visionario, Napoli, L'ancora del Mediterraneo, 2003;
  • Il futuro a vapore. L'Ottocento in cui viviamo, Milano, Medusa, 2004
  • In terra sconsacrata. Perché l'immaginario è ancora cristiano, Milano, Bompiani, 2008
  • Francesco. Il cristianesimo semplice di papa Bergoglio, Genova, Il Melangolo, 2014
  • Non è tutto da buttare. Arte e racconto della spazzatura, Brescia, La Scuola, 2016

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • Elio Fiore: All'accendersi della prima stella: poesie di Natale; prefazione e note di Alessandro Zaccuri, Milano, All'insegna del pesce d'oro, 1988;
  • Camillo Sbarbaro: Il paradiso dei licheni: lettere a Elio Fiore (1960-1966), a cura di Alessandro Zaccuri, All'insegna del pesce d'oro, Milano, 1991;
  • André Malraux: Sul cinema appunti per una psicologia, prefazione di Goffredo Fofi, edizione italiana a cura di Alessandro Zaccuri, Medusa, Milano 2002;
  • Ray Bradbury: Verdi ombre, balena bianca, a cura di Alessandro Zaccuri, traduzione di Chiara Vatteroni, Fazi, Roma 1998;
  • Ray Bradbury: La morte è un affare solitario, traduzione di Enrico Bistazzoni, postfazione di Alessandro Zaccuri, Fazi, Roma 2000;

Premi letterari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ELENCO ISCRITTI, su Ordine Dei Giornalisti. URL consultato il 22 marzo 2019.
  2. ^ Coordinatori | Conoscere il Meticciato, su conoscereilmeticciato.it. URL consultato il 22 marzo 2019.
  3. ^ Un nuovo volto a 90 anni, su www.cattolicanews.it. URL consultato il 22 marzo 2019.
  4. ^ Alessandro Zaccuri – I boreali, su iboreali.it. URL consultato il 22 marzo 2019.
  5. ^ Mec per “Scrivere sui margini”, su www.cattolicanews.it. URL consultato il 22 marzo 2019.
  6. ^ Autore: Alessandro Zaccuri, su biellaletteraturaindustria.it. URL consultato il 22 marzo 2019.
  7. ^ Premio Campiello, opere premiate nelle precedenti edizioni, su premiocampiello.org. URL consultato il 24 febbraio 2019.
  8. ^ Albo d'oro Premio Frignano, su sites.google.com. URL consultato il 21 marzo 2019.
  9. ^ Albo d'oro, su premioletterariobasilicata.it. URL consultato il 21 marzo 2019.
  10. ^ Premio Opera Italiana - Alessandro Zaccuri, su premiomondello.it. URL consultato il 21 marzo 2019.
  11. ^ Premio letterario Giovanni Comisso, su premiocomisso.it. URL consultato il 21 marzo 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49466522 · ISNI (EN0000 0001 1061 6990 · SBN IT\ICCU\CFIV\012846 · LCCN (ENnr93045730 · GND (DE137647182 · BNF (FRcb145661236 (data) · BAV ADV10310308 · WorldCat Identities (ENnr93-045730