Alessandro Zaccuri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alessandro Zaccuri (La Spezia, 1963) è uno scrittore, giornalista e blogger italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in lettere classiche (con tesi in filologia medievale e umanistica) alla Cattolica di Milano, collabora all'Avvenire" e ai periodici "Lo Straniero" e "Letture". È autore di romanzi e saggi di critica letteraria e curatore di opere di scrittori quali Elio Fiore, Camillo Sbarbaro, Ray Bradbury, André Malraux.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Citazioni pericolose. Il cinema come critica letteraria, Roma, Fazi, 2000
  • Milano, la città di nessuno. Un reportage visionario, Napoli, L'ancora del Mediterraneo, 2003 (Premio Biella Letteratura e Industria)
  • Il futuro a vapore. L'Ottocento in cui viviamo, Milano, Medusa, 2004
  • Il signor figlio: romanzo, Milano, Mondadori, 2007 (finalista al Premio Campiello)
  • In terra sconsacrata. Perché l'immaginario è ancora cristiano, Milano, Bompiani, 2008
  • Infinita notte: romanzo, Milano, Mondadori, 2009
  • Dopo il miracolo: romanzo, Milano, Mondadori, 2012 (Premio Frignano e Premio Basilicata)
  • Francesco. Il cristianesimo semplice di papa Bergoglio, Genova, Il Melangolo, 2014
  • Non è tutto da buttare. Arte e racconto della spazzatura, Brescia, La Scuola, 2016
  • Lo spregio: romanzo, Venezia, Marsilio, 2016

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN49466522 · LCCN: (ENnr93045730 · SBN: IT\ICCU\CFIV\012846 · ISNI: (EN0000 0001 1061 6990 · GND: (DE137647182 · BNF: (FRcb145661236 (data) · BAV: ADV10310308