Maria Pace Ottieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Maria Pace Ottieri (Milano, 7 febbraio 1953) è una scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maria Pace, figlia di Ottiero Ottieri e di Silvana Mauri, nipote di Valentino Bompiani, è una scrittrice e giornalista milanese e a Milano vive e lavora, collaborando con diverse testate giornalistiche, fra cui l'Unità e La Stampa.[1] Quale scrittrice, si distingue per il carattere antropologico della sua lirica; del padre, ha scritto una biografia. Con la prima delle sue opere, Amore nero, ha vinto il Premio Viareggio Opera prima nel 1984, mentre dal suo Quando sei nato non puoi più nasconderti, il regista Marco Tullio Giordana, ne ha tratto un film che racconta il dramma dell'immigrazione, premiato con il Nastro d'argento per l'anno 2005, alla produzione. Nel 2014 ha curato con Andrea Amerio un'antologia dedicata ai poeti della prima guerra mondiale[2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Film tratti dai suoi romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maria Pace Ottieri: «A Milano non c'è più sobrietà»
  2. ^ La Guerra d'Europa 1914-18 raccontata dai poeti (intervista ad Andrea Amerio e Maria Pace Ottieri), su mentelocale.it. URL consultato il 17 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  3. ^ 'Raggiungere l'ultimo uomo': la recensione di Claudia Priano, mentelocale.it, su genova.mentelocale.it. URL consultato l'11 novembre 2013 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2013).
  4. ^ Premio letterario Viareggio-Rèpaci, su premioletterarioviareggiorepaci.it. URL consultato il 9 agosto 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN11288820 · ISNI (EN0000 0000 2418 8766 · SBN IT\ICCU\CFIV\034410 · LCCN (ENn85204901 · BNF (FRcb15104984b (data) · WorldCat Identities (ENn85-204901