Silvia Bre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Silvia Bre (Bergamo, 1953) è una scrittrice, poetessa e traduttrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Silvia Bre è nata a Bergamo nel 1953 e vive da molti anni a Roma. Ha esordito nel 1990 con la raccolta di poesie I riposi, alla quale hanno fatto seguito Le barricate misteriose (Premio Montale nel 2001), Sempre perdendosi (2006, portato a teatro da Alfonso Benadduce), Marmo ( Premio Viareggio nel 2007) e La fine di quest'arte (2015). Ha curato numerose traduzioni tra le quali Il Canzoniere di Louise Labé (Mondadori, 2000), Centroquattro poesie (Einaudi, 2011) e Uno zero più ampio (Einaudi, 2013) della poetessa inglese Emily Dickinson [1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Antologie[modifica | modifica wikitesto]

  • 1993, Prospettive di fuga (Moby Dick)

Alcune traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi il sito 50000 giorni del Corriere della sera [1]
  2. ^ Recensione [2]
  3. ^ Recensione di Giuseppe Genna [3]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]