Roberto Amato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Roberto Amato (Viareggio, 1953) è un poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Roberto Amato è nato a Viareggio, dove tuttora vive, nel 1953[1]. Scoperto da Manlio Cancogni[2], esordisce nel 2003 con il volume di poesie Le cucine celesti, con il quale vince il Premio Viareggio per la poesia. Tre anni più tardi, con la raccolta L'agenzia di viaggi, vince il Premio Spallicci. Sempre in bilico tra lirica e parvenza narrativa, i suoi libri si susseguono con una certa regolarità: nel 2009 esce Il disegnatore di alberi, cui segue nel 2011 L'acqua alta e nel 2012 Lo scrittore di saggi, dove il verso sconfina apertamente nella prosa. Il suo ultimo libro, Le città separate, è del 2015. Collabora con le riviste Paragone e Nuovi Argomenti[3].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni web[modifica | modifica wikitesto]

Roberto Amato per Nuovi Argomenti

Roberto Amato per La Balena Bianca

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda dell'autore, elliotedizioni.com. URL consultato il 5 maggio 2017.
  2. ^ Articolo di Lorenza Pampaloni, ricerca.repubblica.it. URL consultato il 5 maggio 2017.
  3. ^ Scheda del poeta, poetryinternationalweb.net. URL consultato il 5 maggio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità SBN: IT\ICCU\CUBV\004316