Vivian Lamarque

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Vivian Lamarque, nata Vivian Provera Pellegrinelli Comba (Tesero, 19 aprile 1946), è una poetessa, scrittrice e traduttrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vivian Lamarque è nata a Tesero, in provincia di Trento, il 19 aprile 1946. Di origini valdesi (il nonno Ernesto Comba, pastore, fu autore di un'importante opera, Storia dei Valdesi, pubblicata nel 1935), è stata data in adozione, a nove mesi, in quanto illegittima, a una famiglia cattolica milanese. A quattro anni ha perso il giovane padre adottivo, un vigile del fuoco. A dieci ha scoperto di avere due madri e ha iniziato a scrivere le prime poesie. Vive a Milano dove ha una figlia e due nipoti ("Lamarque" è il suo cognome da sposata).

Ha insegnato italiano agli stranieri e materie letterarie in licei privati. Ha tradotto La Fontaine, Valéry, Prévert, Baudelaire. Dal 1992 scrive sul Corriere della Sera.

Il suo primo libro, Teresino, ha vinto il Premio Viareggio Opera Prima nel 1981.[1] Tra gli altri successivi premi, il Premio Nazionale Letterario Pisa 1990, Poesia ex aequo,[2] il Montale (1993)[senza fonte], il Pen Club[3] ed il Premio Nazionale Alghero Donna di Letteratura e Giornalismo (1996) nella sezione poesia[4], il Camaiore (2003), l'Elsa Morante (2005), il Cardarelli-Tarquinia (2006), il Premio Carducci (2016) e il Bagutta (2017)[5]. Autrice anche di molte fiabe, ha ottenuto il Premio Rodari (1997) e il Premio Andersen (2000).[6] È tra i vincitori del Premio Giuseppe Dessì 2016. Nel 2023, con L'amore da vecchia, vince il Premio Umberto Saba Poesia promosso da Pordenonelegge.it.[7]

Inoltre, nel 2018 è stata insignita della Laurea Apollinaris Poetica dall'Università Pontificia Salesiana di Roma, premio alla carriera per i migliori poeti italiani viventi.

Nel 2023 ha vinto la prima edizione del Premio Strega poesia, con L'amore da vecchia (Mondadori).[8]

Gran parte della sua produzione poetica è stata raccolta nell'Oscar Mondadori Poesie 1972-2002.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Teresino, Milano, Società di poesia, 1981.
  • Il Signore d'oro, Milano, Crocetti, 1986.
  • Poesie dando del Lei, Milano, Garzanti, 1989. ISBN 88-11-63920-4.
  • Il signore degli spaventati, Forte dei Marmi, Pegaso, 1992.
  • Una quieta polvere, Milano, A. Mondadori, 1996. ISBN 88-04-41176-7.
  • Poesie. 1972-2002, Milano, Oscar Mondadori, 2002. ISBN 88-04-51053-6.
  • Poesie di ghiaccio, San Dorligo della Valle, Einaudi Ragazzi, 2004. ISBN 88-7926-506-7.
  • Poesie per un gatto, Milano, A. Mondadori, 2007. ISBN 978-88-04-57381-4.
  • Poesie della notte, Milano, Rizzoli, 2009. ISBN 978-88-17-03389-3.
  • La gentilèssa. Poesie in dialetto milanese, Brunello, Stampa, 2009. ISBN 978-88-8336-019-0.
  • Madre d'inverno, Milano, Mondadori, 2016. ISBN 978-88-04-66219-8. Nuova ed. Milano, Mondadori, 2024.
  • Una poesia, con un acquerello di Raffaello Margheri, I Marenghi n. 7, Officina del giorno dopo, Monte Sant'Angelo, 2022.
  • L'amore da vecchia, Milano, Mondadori, 2022. ISBN 9788804751779.

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

Cinematografia[modifica | modifica wikitesto]

Il regista Silvio Soldini ha realizzato nel 2008 un documentario su Vivian Lamarque Quattro giorni con Vivian . Nel documentario la poetessa si racconta direttamente a Soldini, aprendo le porte della propria casa e trascorrendo con lui quattro intensi giorni.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premi letterari
Onorificenze

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Premio letterario Viareggio-Rèpaci, su premioletterarioviareggiorepaci.it. URL consultato il 9 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2019).
  2. ^ a b Albo d'oro, su premionazionaleletterariopisa.onweb.it. URL consultato il 7 novembre 2019.
  3. ^ a b Premio pen: albo d'oro - www.penclub.it, su penclubitalia. URL consultato il 13 marzo 2023.
  4. ^ a b Letteratura e giornalismo. Premio Alghero Donna, su McLink. URL consultato il 13 marzo 2023 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  5. ^ a b Il Bagutta 2017 a Madre d’inverno di Vivian Lamarque, di Neria De Giovanni, su www.portaleletterario.net. URL consultato il 13 marzo 2023.
  6. ^ a b c Il Premio Andersen e Rodari, Vivian Lamarque, autrice in prestito a Baiso – Autori in prestito, su autorinprestito.it. URL consultato il 13 marzo 2023.
  7. ^ a b Pordenonelegge, Vivian Lamarque vince il Premio Saba Poesia, su AgenziaCult, 13 marzo 2023. URL consultato il 13 marzo 2023.
  8. ^ https://www.premiostrega.it/PO/
  9. ^ Luigia Sorrentino, Premio Camaiore 2017, su Poesia, 31 marzo 2017. URL consultato il 13 marzo 2023.
  10. ^ Premio Elsa Morante, su www.zam.it. URL consultato il 13 marzo 2023.
  11. ^ Premio Cardarelli, su www.tusciaweb.it. URL consultato il 13 marzo 2023.
  12. ^ Premio Carducci 2016, vince Vivian Lamarque, su Versiliatoday.it, 28 luglio 2016. URL consultato il 13 marzo 2023.
  13. ^ Storico del Premio: XXXI edizione - Finalisti, su www.fondazionedessi.it. URL consultato il 13 marzo 2023.
  14. ^ Giuseppe Rudisi, A Vivian Lamarque il Premio Montale Fuori Casa 2021, su Toscana Today, 23 marzo 2021. URL consultato il 13 marzo 2023.
  15. ^ Redazione, Ritratti di Poesia 2023, su Laboratori Poesia, 26 marzo 2023. URL consultato il 26 marzo 2023.
  16. ^ A Vivian Lamarque il premio Viareggio Repaci per la poesia, su ansa.it, 13 luglio 2023. URL consultato il 31 luglio 2023.
  17. ^ Isola d’Elba: il Premio Brignetti a Paolo Giordano, su Il Telegrafo, 10 settembre 2023. URL consultato l'11 settembre 2023.
  18. ^ Matteo Bianchi, Vivian Lamarque ha vinto il Premio Strega Poesia, su Il Sole 24 ORE, 6 ottobre 2023. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  19. ^ A VIVIAN LAMARQUE LA LAUREA APOLLINARIS POETICA 2018, su www.portaleletterario.net. URL consultato il 13 marzo 2023.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN97984620 · ISNI (EN0000 0000 7837 066X · SBN CFIV033846 · LCCN (ENnr97014313 · GND (DE119446278 · BNF (FRcb134895683 (data) · J9U (ENHE987007264380505171 · CONOR.SI (SL21005667 · WorldCat Identities (ENlccn-nr97014313