Angelo Mainardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Angelo Mainardi (Roma, 6 gennaio 1932) è un giornalista, scrittore e critico letterario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato all'Università La Sapienza (il suo relatore fu Giuseppe Ungaretti), ha lavorato come direttore della redazione culturale del radiogiornale della RAI. Nel 1986 ha pubblicato il suo primo romanzo, La stanza chiusa, con cui ha vinto il Premio Mondello opera prima. Nel 1989 è stato insignito del Premio Teramo per un racconto intitolato L'orologiaio; nel 1993 ha invece vinto il Premio Pavese per Le donne di Kafka. È anche traduttore e ha diretto alcune collane editoriali.

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Il demone di Casanova, Roma, Tre editori, 1998
  • Humour nero: itinerari, Manduria, Barbieri, 2005
  • Casanova: l'ultimo mistero, Roma, Tre editori, 2010

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • La stanza chiusa, Roma, Carte Segrete, 1986
  • Il mio assassino, Chieti, Solfanelli, 1990
  • Tre offese, Roma, Nuove edizioni del Gallo, 1990
  • Le donne di Kafka, Shakespeare and Company, 1993
  • A peso d'oro, Shakespeare and Company, 1994
  • Partita finale, Roma, Empiria, 1997
  • I sorveglianti, Manduria, Barbieri, 2005
  • L'assenza, il mezzo e il fine: due racconti, Milano, Lampi di stampa, 2008
  • Memoriale privato, Manduria, Barbieri Selvaggi, 2009
  • La superiorità del topo, Firenze, Pagliai, 2011
  • Trilogia di Marc Stout, Firenze, Pagliai, 2013
  • La congiura dei fisici, Roma, Robin, 2014

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • René Pomeau, Laclos, o Il paradosso libertino, Roma, Kami, 2004
  • Marcel Schwob, Cuore doppio, Roma, Kami, 2005
  • Michel Delon, L'invenzione del boudoir, Firenze, Le lettere, 2010
  • Serge Safran, L'amore goloso: libertinaggio gastronomico nel 18. secolo, Firenze, Le lettere, 2011

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Annuario dei giornalisti italiani 2012, Ordine dei Giornalisti, 2012, p. 339.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN66606316 · SBN: IT\ICCU\VIAV\095777 · BNF: (FRcb13177062f (data)