Gian Luigi Beccaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gian Luigi Beccaria (Costigliole Saluzzo, 27 gennaio 1936) è un linguista, critico letterario, accademico e personaggio televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Compie i propri studi tra Mondovì e Torino, dove si laurea in glottologia nel 1959 con Benvenuto Terracini. Inizialmente lettore e professore incaricato di Grammatica storica della lingua italiana presso l'Università di Salamanca (Spagna) dal 1960 al 1963 - dove conosce tra gli altri Ramón Menéndez Pidal -, è poi assistente incaricato di glottologia alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Torino, quindi assistente di ruolo dal 1965 e professore straordinario dal 1968 al 1970, quando diviene ordinario di glottologia; dal 1976, ha la cattedra di storia della lingua italiana che regge fino al pensionamento, nel 2005, quindi la nomina a professore emerito.

Tra i più noti linguisti italiani, ha diretto il Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica per Einaudi ed è autore di numerosi studi sulla lingua e la letteratura italiana (testimoniati da un gran numero di pubblicazioni, tra cui I linguaggi settoriali in Italia, Italiano antico e nuovo, L'autonomia del significante), sui linguaggi in via di sparizione (I nomi del mondo: santi, demoni, folletti e le parole perdute, Sicuterat. Il latino di chi non lo sa), nonché di vari saggi divulgativi (Per difesa e per amore. La lingua italiana oggi, Tra le pieghe delle parole, Misticanze: parole del gusto, linguaggi del cibo, Mia lingua italiana).

Membro dell'Accademia della Crusca, dell'Accademia delle Scienze di Torino e dell'Accademia dei Lincei, collabora con numerosi periodici, riviste e quotidiani (tra cui L'indice e La Stampa).

Tra il 1985 e il 1988 su Rai 1, e poi tra il 2002 e il 2003 su Rai 3, ha partecipato, in qualità di giudice-arbitro e di commentatore, al programma televisivo Parola mia, condotto da Luciano Rispoli.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Ritmo e melodia nella prosa italiana. Studi e ricerche sulla prosa d'arte, Firenze, Leo S. Olschki Editore, 1964, 2013.
  • Spagnolo e spagnoli in Italia. Riflessi ispanici sulla lingua italiana del Cinque e del Seicento, Torino, Giappichelli Editore, 1968.
  • I linguaggi settoriali in Italia (a cura di), Milano, Bompiani, 1973.
  • L'autonomia del significante. Figure e ritmo della sintassi. Dante, Pascoli, D'Annunzio, Torino, Einaudi, 1975.
  • La guerra e gli asfodeli. Romanzo e vocazione epica di Beppe Fenoglio, Milano, Serra e Riva, 1984.
  • L'italiano letterario. Profilo storico (con Concetto Del Popolo e Claudio Marazzini), Torino, Utet Libreria, 1989.
  • Italiano antico e nuovo, Milano, Garzanti, 1988-1992.
  • Dal Settecento al Novecento, fa parte di Storia della lingua italiana, a cura di Luca Serianni e Pietro Trifone, Torino, Einaudi, 1993.
  • Dizionario di linguistica (a cura di), Torino, Einaudi, 1994. ISBN 88-06-13583-X
  • I nomi del mondo. Santi, demoni, folletti e le parole perdute, Collana Saggi, Torino, Einaudi, 1995, ISBN 978-88-06-13740-3. (nuova edizione: Collana ET, Einaudi, 2000).
  • Quando eravamo strutturalisti, Alessandria, Dell'Orso, 1999, ISBN 88-7694-363-3.
  • Le forme della lontananza. La variazione e l'identico nella letteratura colta e popolare. Poesia del Novecento, fiaba, canto e romanzo, Milano, Garzanti, 2001. ISBN 88-11-67614-2
  • Sicuterat. Il latino di chi non lo sa: Bibbia e liturgia nell'italiano e nei dialetti, Milano, Garzanti, 1999-2002. ISBN 88-11-60002-2
  • Elogio della lentezza. Lezioni Sapegno 2002, Torino, Aragno, 2004, ISBN 88-8419-182-3.
  • Per difesa e per amore. La lingua italiana oggi, Collana Saggi, Milano, Garzanti, 2006, ISBN 88-11-59722-6.
  • Tra le pieghe delle parole. Lingua storia cultura, Collana Saggi n.884, Torino, Einaudi, 2007, ISBN 978-88-06-17534-4.
  • Misticanze. Parole del gusto, linguaggi del cibo, Collana Saggi, Milano, Garzanti, 2009, ISBN 978-88-11-74069-8.
  • Il mare in un imbuto. Dove va la lingua italiana, Collana Saggi, Torino, Einaudi, 2010, ISBN 978-88-06-20044-2.
  • Mia lingua italiana, Collana Vele n.66, Torino, Einaudi, 2011, ISBN 978-88-06-20869-1.
  • Alti su di me. Maestri e metodi, testi e ricordi, Torino, Einaudi, 2013, ISBN 978-88-06-21485-2.
  • Guerra e gli asfodeli, Collana Biblioteca, Torino, Nino Aragno, 2013, ISBN 978-88-8419-648-4.
  • Italiano. Come si è formato, come funziona, come si usa, come cambia (con M. Pregliasco), Milano, Le Monnier Scuola, 2014.
  • Le orme della parola. Da Sbarbaro a De Andrè, testimonianze sul Novecento, Collana Saggi, Milano, Rizzoli, 2014, ISBN 978-88-17-06594-8.
  • L'italiano in 100 parole, Collana Saggi, Milano, Rizzoli, 2015, ISBN 978-88-17-07265-6.
  • Lingua madre. Italiano e inglese nel mondo globale, (con Andrea Graziosi), Bologna, Il Mulino, 2015, ISBN 978-88-15-25722-2.
  • L'italiano che resta. Le parole e le storie, Collana Passaggi, Torino, Einaudi, 2016, ISBN 978-88-06-23128-6.
  • Il pozzo e l'ago. Intorno al mestiere di scrivere, Torino, Einaudi, 2019, ISBN 978-88-062-4308-1.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ premio Rhegium Julii, su circolorhegiumjulii.wordpress.com. URL consultato il 3 novembre 2018.
  2. ^ Albo d'oro premio Brancati, su comune.zafferana-etnea.ct.it. URL consultato il 14 ottobre 2019.
  3. ^ Albo d'oro, su premionazionaleletterariopisa.onweb.it. URL consultato il 7 novembre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79042673 · ISNI (EN0000 0001 2140 9372 · SBN IT\ICCU\CFIV\021642 · LCCN (ENn79060290 · BNF (FRcb12019300n (data) · WorldCat Identities (ENn79-060290