Iperborea (casa editrice)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Iperborea
StatoItalia Italia
Fondazione1987 a Milano
Fondata daEmilia Lodigiani
Sede principaleMilano
SettoreEditoria
Sito webwww.iperborea.com

Iperborea (dal greco Hyperborea, cioè “oltre Borea”, il vento del Nord) è una casa editrice milanese, fondata nel 1987[1] da Emilia Lodigiani e specializzata nella letteratura nord-europea. Il progetto iniziale comprendeva solo autori scandinavi; in seguito sono stati aggiunti nel catalogo anche autori olandesi, danesi, estoni e islandesi. Dal 1998 Iperborea pubblica anche saggi letterari.

Principali autori pubblicati[modifica | modifica wikitesto]

Stand dell'editore al Salone internazionale del libro 2016

In catalogo sono collezionate le opere di otto Premi Nobel: Bjørnstjerne Bjørnson (1903), Selma Lagerlöf (1909), Knut Hamsun (1920), Sigrid Undset (1928), Pär Lagerkvist (1951), Halldór Laxness (1955), Eyvind Johnson (1974) e Tomas Tranströmer (2011).

Best seller che hanno venduto oltre 100 000 copie sono Arto Paasilinna con L'anno della lepre (Premio Acerbi) e Björn Larsson con La vera storia del pirata Long John Silver (Premio Boccaccia Europa, Premio Elsa Morante, Premio Grinzane Biamonti, Premio La Cultura del Mare).

Principali autori secondo il paese (in ordine alfabetico, di paese e quindi di autore):

Belgio Belgi:

Canada Canadesi:

Rep. Ceca Cechi:

Danimarca Danesi:

Estonia Estoni:


Finlandia Finlandesi:

Islanda Islandesi:

Lettonia Lettoni:

Lituania Lituani:

Norvegia Norvegesi:

Paesi Bassi Olandesi:

Svezia Svedesi:

Nuovi progetti[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi anni Iperborea ha ampliato notevolmente il suo catalogo, inaugurando una collana dedicata alla narrativa per l'infanzia e una serie dedicata ai Mumin di Tove Jansson. Dal 2018 pubblica regolarmente la serie The Passenger, un libro-magazine che raccoglie saggi, reportage, interviste e tanto altro su paesi e città del mondo. Dal 2020 il progetto è tradotto in inglese e distribuito in tutto il mondo insieme a Europa Editions.[2] Nel 2021, in collaborazione con il Post, pubblica la serie Cose spiegate bene, in cui ogni numero è dedicato a un tema specifico.[3]

La casa editrice organizza inoltre un festival dedicato alla cultura nordica, I Boreali, dal 2015.[4]

Premi ricevuti da Iperborea[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuliano Vigini, Editore, in Enciclopedie on-line, V appendice, Istituto Treccani, 1992. URL consultato il 26-2-2018.
  2. ^ The Passenger - Il progetto, su thepassenger.iperborea.com. URL consultato il 21 marzo 2022.
  3. ^ Cose spiegate bene - Il progetto, su cosespiegatebene.it. URL consultato il 21 marzo 2022.
  4. ^ Iperborea - Chi siamo, su iperborea.com. URL consultato il 21 marzo 2022.
  5. ^ cfr. il sito[collegamento interrotto]
  6. ^ Premio Pavese, annunciati i vincitori dell'edizione 2022, su ansa.it, 13 settembre 2022. URL consultato il 15 settembre 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN455154329445326970007 · WorldCat Identities (ENviaf-455154329445326970007