Massimo Raffaeli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Massimo Raffaeli (Chiaravalle, 21 luglio 1957) è un docente, filologo e critico letterario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Filologo e critico letterario, scrive di letteratura e di calcio, entrambe passioni della sua vita. Collabora con quotidiani fra cui il manifesto e La Stampa e con riviste e periodici quali Alias, Lo Straniero, Il caffè illustrato, Nuovi Argomenti, Tuttolibri. Ha curato l'opera di autori italiani (Carlo Betocchi, Alberto Savinio, Massimo Ferretti, Primo Levi) e ha tradotto dal francese Émile Zola, Louis-Ferdinand Céline, René Crevel, Jean Genet, Tony Duvert. La sua produzione, che comprende in buona parte lavori su Franco Fortini e Paolo Volponi, è raccolta in diversi volumi. Fa parte del comitato scientifico de L'ospite ingrato.[1] Dal 2011 collabora con il programma di Rai Radio 3 "Wikiradio" per il quale racconta monografie di scrittori, letterati, artisti. Nel 2012 vince il Premio Brancati per la saggistica per il suo con Bande à part.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ chi siamo ~ L'ospite ingrato, su www.ospiteingrato.unisi.it. URL consultato il 2 gennaio 2017.
Controllo di autoritàVIAF (EN46841125 · ISNI (EN0000 0001 1634 5351 · SBN IT\ICCU\CFIV\072845 · LCCN (ENn94011451 · GND (DE137480806 · BNF (FRcb12376433x (data)