Salvatore Lupo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Salvatore Lupo (Siena, 7 luglio 1951) è uno storico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Professore ordinario di storia contemporanea all'Università di Palermo e in precedenza docente di storia contemporanea presso la Facoltà di Scienze politiche dell'Università di Catania, è presidente dell'IMES (Istituto Meridionale di Storia e Scienze Sociali) di Catania e vicedirettore della rivista quadrimestrale dell'istituto, Meridiana[1] di cui è stato uno dei fondatori. È membro del comitato di redazione di "Storica".

È uno dei più quotati studiosi della mafia in ambito italiano, autore di numerose pubblicazioni sul fenomeno criminoso e di storia contemporanea; grazie al suo testo Quando la Mafia trovò l'America[2] ha vinto, nel 2009, il premio letterario Vitaliano Brancati.[3]

Il 1º dicembre 2015, a Roma, è stato invitato all'audizione della "Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere", nell'ambito dell'istruttoria sui rapporti tra mafia e politica in Sicilia.[4][5][6]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Blocco agrario e crisi in Sicilia tra le due guerre, Napoli, Guida, 1981. ISBN 88-7042-082-5.
  • Agricoltura ricca nel sottosviluppo. Storia e mito della Sicilia agrumaria. (1860-1950), Catania, s. n., 1984.
  • La dimora di Demetra. Storia, tecnica e mito dell'agricoltura siciliana, et Al., Palermo, Gelka, 1989. ISBN 88-7162-003-8.
  • Il giardino degli aranci. Il mondo degli agrumi nella storia del Mezzogiorno, Venezia, Marsilio, 1990. ISBN 88-317-5310-X.
  • I proprietari terrieri nel Mezzogiorno, in Storia dell'agricoltura italiana in età contemporanea, II, Uomini e classi, Venezia, Marsilio, 1990. ISBN 88-317-5381-9.
  • Storia della mafia. Dalle origini ai nostri giorni, Roma, Donzelli, 1993. ISBN 88-7989-020-4; 1996. ISBN 88-7989-321-1; 2004. ISBN 88-7989-903-1.
  • Andreotti, la mafia, la storia d'Italia, Roma, Donzelli, 1996. ISBN 88-7989-255-X.
  • Mafia, politica, storia d'Italia: a proposito del processo Andreotti, in Antimafia, Roma, Donzelli, 1996. ISBN 88-7989-269-X.
  • Il fascismo. La politica in un regime totalitario, Roma, Donzelli, 2000. ISBN 88-7989-580-X.
  • Antifascismo, anticomunismo e anti-antifascismo nell'Italia repubblicana, in AA.VV., Antifascismo e identità europea, Roma, Carocci, 2004. ISBN 88-430-2934-7.
  • Partito e antipartito. Una storia politica della prima Repubblica, 1946-78, Roma, Donzelli, 2004. ISBN 88-7989-769-1.
  • Che cos'è la mafia. Sciascia e Andreotti, l'antimafia e la politica, Roma, Donzelli, 2007. ISBN 88-6036-112-5.
  • From Palermo to America. L'iconografia commerciale dei limoni di Sicilia, con Antonino Buttitta e Sergio Troisi, Palermo, Sellerio, 2007. ISBN 9788876811586.
  • Quando la mafia trovò l'America. Storia di un intreccio intercontinentale, 1888-2008, Torino, Einaudi, 2008. ISBN 978-88-06-18598-5.
  • Potere criminale. Intervista sulla storia della mafia, intervista a cura di Gaetano Savatteri, Roma-Bari, Laterza, 2010. ISBN 978-88-420-9338-1.
  • Il passato del nostro presente. Il lungo Ottocento 1776-1913, Roma-Bari, Laterza, 2010. ISBN 978-88-420-9399-2.
  • Il tenebroso sodalizio. Il primo rapporto di polizia sulla mafia siciliana, postfazione di John Dickie, Roma, XL, 2011. ISBN 978-88-6083-041-8.
  • L'unificazione italiana. Mezzogiorno, Rivoluzione, Guerra civile, Roma, Donzelli, 2011. ISBN 978-88-6036-627-6.
  • Antipartiti. Il mito della nuova politica nella storia della Repubblica (prima, seconda e terza), Roma, Donzelli, 2013. ISBN 978-88-6036-856-0
  • Il fascismo: la politica in un regime totalitario, Milano, Feltrinelli, 2013. ISBN 978-88-07-88294-4
  • (con Giovanni Fiandaca) La mafia non ha vinto. Il labirinto della trattativa, Roma-Bari, Laterza, 2014. ISBN 978-88-581-1046-1
  • La questione: come liberare la storia del Mezzogiorno dagli stereotipi, Roma, Donzelli, 2015. ISBN 978-88-6843-232-4

Televisione e Radio[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato a numerose trasmissioni televisive e radiofoniche per emittenti nazionali e regionali, fra cui:

DVD[modifica | modifica wikitesto]

  • 1986, il Maxiprocesso: numero 8, filmato che fa parte della serie "Novecento italiano: lezioni di storia", introduzione di Paolo Di Paolo, Roma, La Repubblica-L'Espresso, GLF Laterza, 2008.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Meridiana: rivista di storia e scienze sociali
  2. ^ Attilio Bolzoni, Da Lucky Luciano a Charles Gambino i boss del mare tra Sicilia e America, la Repubblica, 21 ottobre 2008.
  3. ^ Albo d'oro premio Brancati, su comune.zafferana-etnea.ct.it. URL consultato il 14 ottobre 2019.
  4. ^ Audizione di martedì 01 dicembre 2015, Camera.it.
  5. ^ Giuseppe Pipitone, L’Antimafia indaga sull’antimafia: dopo gli scandali, audizioni in Parlamento, su ilfattoquotidiano.it, il Fatto Quotidiano, 1º dicembre 2015.
  6. ^ Alessandra Ziniti, Salvatore Lupo: "Basta con gli intoccabili o la lotta alla mafia perde di credibilità", la Repubblica, 21 ottobre 2015.
  7. ^ Radio3 Suite presenta "Storie interrotte", Radio3 RAI, dall’11 al 15 giugno 2007, ore 21.15 (PDF), su dps.tesoro.it (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  8. ^ Rai 3: "Il Tempo e la Storia" ricorda Giovanni Falcone, su ansa.it, 7 agosto 2014.
  9. ^ La mafia uccide Falcone e Borsellino, Salvatore Lupo racconta le stragi del ’92, su argocatania.org, 23 maggio 2011.
  10. ^ Salvatore Lupo racconta Leonardo Vitale, su radio3.rai.it.
  11. ^ Mondo Rai, a 'Tg2 Dossier' i misteri di Totò Riina, Adnkronos.com, 2 maggio 2014.
  12. ^ Radio1: "Radio Anch'io", la trattativa stato-mafia, Agi.it, 28 ottobre 2014. URL consultato il 21 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  13. ^ Intervista al Prof. Salvatore Lupo sul suo libro "La questione. Come liberare la storia del Mezzogiorno dagli stereotipi", su radioradicale.it.
  14. ^ La mafia durante il fascismo - Operazione Mori, su raistoria.rai.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN110275738 · ISNI (EN0000 0001 0934 3884 · SBN IT\ICCU\CFIV\095721 · LCCN (ENn82161534 · GND (DE171359364 · BNF (FRcb12024974v (data) · WorldCat Identities (ENn82-161534