Gustavo Zagrebelsky

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gustavo Zagrebelsky
Gustavo Zagrebelsky al Festival della Scienza 2011

Gustavo Zagrebelsky al Festival della Scienza 2011


Presidente della Corte costituzionale
Durata mandato 28 gennaio 2004 –
13 settembre 2004
Predecessore Riccardo Chieppa
Successore Valerio Onida

Giudice della Corte costituzionale
Durata mandato 13 settembre 1995 –
13 settembre 2004

Gustavo Zagrebelsky (San Germano Chisone, 1º giugno 1943) è un giurista italiano, giudice costituzionale dal 1995 al 2004, presidente della Corte costituzionale nel 2004.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gustavo Zagrebelsky al Festival della Mente 2012

Di origine russa[1], è fratello minore del magistrato Vladimiro Zagrebelsky[2]. Socio Costituzionalista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti[3], già professore ordinario di Diritto Costituzionale presso l'Università di Torino e presso l'Università degli studi di Sassari, è stato nominato giudice costituzionale dal presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro il 9 settembre 1995, prestando giuramento il 13 settembre 1995. Il 28 gennaio 2004 è stato eletto presidente della Corte costituzionale, carica che ha ricoperto fino allo scadere del suo mandato il 13 settembre 2004.[4]

Zagrebelsky è attualmente docente di Diritto costituzionale e Teoria generale del diritto pubblico presso il Dipartimento di Giurisprudenza di Torino[5] e docente a contratto presso l'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli[6].

Collabora con alcuni dei più importanti quotidiani italiani (La Repubblica, La Stampa) ed è socio corrispondente dell'Accademia nazionale dei Lincei. Nel suo articolato pensiero giuridico è rintracciabile una visione, se non una speranza, dualistica del diritto, diviso in lex e ius, concetti riconducibili ai lati formale e sostanziale del diritto. Zagrebelsky afferma l'importanza della duplicità degli aspetti del diritto, evidenziando il pericolo derivante dall'acriticità di un diritto solo formale o solo sostanziale. Una visione dualistica che nello Stato attuale si è persa, a favore di un nichilismo giuridico.[7]

Gli si deve inoltre una pluriennale opera di riflessione e di riproposizione di alcuni autori classici del pensiero giuridico novecentesco, come Piero Calamandrei, Costantino Mortati e Rudolf Smend.

Negli ultimi anni è ripetutamente intervenuto nel dibattito pubblico italiano, avversando le posizioni politiche e culturali dei cosiddetti atei devoti e in particolare sulla laicità dello Stato e lo spirito concordatario: molti di questi saggi sono raccolti nel volume Contro l'etica della verità, pubblicato dall'editore Laterza.

È presidente onorario dell'associazione Libertà e Giustizia[8] e presidente della Biennale Democrazia[9].

Ha curato la riedizione di Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana (8 settembre 1943 - 25 aprile 1945), pubblicato presso Einaudi nel 2002 con una sua nota introduttiva.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Giudice della Corte costituzionale»
— 19 febbraio 2001[10]
Cittadinanza onoraria della città di Savigliano - nastrino per uniforme ordinaria Cittadinanza onoraria della città di Savigliano
— 1º dicembre 2008

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I nonni provenivano da San Pietroburgo ed erano in vacanza a Nizza nel 1914 quando lo scoppio della Prima Guerra Mondiale causò la chiusura delle frontiere. Quando in Russia ci fu la rivoluzione, il nonno, che era ufficiale a Mosca, riuscì a rientrare. Non se ne seppe più nulla per anni, ma poi il regime sovietico lo espulse come persona inutile e non gradita e poté ricongiungersi alla famiglia. Il figlio, padre di Gustavo, era nato nel 1909. Cfr. Antonio Gnoli, Gustavo Zagrebelsky: "La mia vita da giurista, attento alla democrazia, all'etica del dubbio e alla vita delle persone, La Repubblica, 14 luglio 2013. URL consultato il 21 settembre 2013.
  2. ^ Virginia Piccolillo, Zagrebelsky e Chieppa in gara per la poltrona di Ruperto, Corriere della Sera, 24 novembre 2002. URL consultato il 29 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il ).
  3. ^ Associazione Italiana dei Costituzionalisti
  4. ^ Giudici costituzionali dal 1956, cortecostituzionale.it. URL consultato il 3 aprile 2014.
  5. ^ Ateneo di Torino - Incarichi, Collaboratori e Consulenti
  6. ^ UNISOB Napoli - Area Docente
  7. ^ Gustavo Zagrebelsky, Antigone e la legge che smarrisce il diritto, La Repubblica, 25 giugno 2003. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  8. ^ Presidente onorario, Libertà e Giustizia. URL consultato il 3 aprile 2014.
  9. ^ Organi, Biennale Democrazia. URL consultato il 3 aprile 2014.
  10. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN86002234 · LCCN: (ENn79135096 · SBN: IT\ICCU\CFIV\038995 · ISNI: (EN0000 0001 2037 2977 · GND: (DE137824157 · BNF: (FRcb12112053w (data)