Sipario (periodico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sipario (rivista))
Sipario
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità mensile
Genere stampa specialistica
Fondazione 1946
Sede Milano
Direttore Mario Mattia Giorgetti
ISSN 1123-458X (WC · ACNP)
Sito web
 

Sipario è un mensile dedicato dal 1946 a teatro, balletto, opera lirica, cinema, scenografia, televisione, arti visive e alla pubblicazione di nuovi testi teatrali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La rivista venne fondata a Genova nel 1946 da Gian Maria Guglielmino e Ivo Chiesa, che la diresse fino al 1951. Nel 1947 divenne proprietà della casa editrice Bompiani di Milano che la mantenne fino al 1976: in questo periodo alla direzione si avvicendarono, dopo Ivo Chiesa, lo stesso Valentino Bompiani (con caporedattore Franco Quadri) e Tullio Kezich, il quale portò la redazione a Roma dove rimase fino al 1981. In questo periodo la rivista divenne fra i più autorevoli periodici nel campo dello spettacolo: oltre alle rubriche e ai servizi, accompagnati da ampio corredo di materiale illustrativo, Sipario ospitava saggi e testi teatrali dei più importanti critici e drammaturghi. Fra i collaboratori: Silvio D'Amico, Eugenio Montale, Enrico Prampolini, Ugo Betti, Alberto Moravia, Massimo Bontempelli, Alberto Savinio.

Successivamente alla Bompiani subentrarono altre case editrici (la Nuova Sipario Editrice di Lecco, la Cooperativa Sipario di Milano, la Phono Publishing Company e la C.A.M.A. di Milano). Dal 1984 Sipario è diretto dall'attore e regista Mario Mattia Giorgetti. È ancora ritenuto uno dei periodici più autorevoli, e non solo in Italia, nel campo dello spettacolo.

Ogni anno attribuisce i premi "Maschere" (già "San Genesio") ad attori, registi o scenografi che si sono distinti in teatro.

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Quadri (a cura di), Sipario : Numero speciale dei vent'anni, 1946-1966, Milano : Bompiani, 1966

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]